La conferenza stampa del confermatissimo Salvatore Sirigu da Bormio, dove è in corso il ritiro del Torino di Mazzarri

nostro inviato a Bormio – E’ quasi giunto il momento dei primi bilanci, per il Torino, giunto agli ultimi giorni di ritiro in quel di Bormio. Per iniziare a stilarli ecco Salvatore Sirigu, che parla alla stampa dopo la conferma nel ruolo di portiere titolare per la prossima stagione, nonostante le rumorose sirene di mercato. “Il calcio di oggi richiede sempre l’esigenza di rinnovamento, per ogni calciatore quindi si parla sempre di calciomercato. Il mio rapporto con il Torino è sempre stato molto chiaro sin dall’inizio, non ci sono stati problemi a rinnovare l’accordo. Se non avessi ritenuto il Torino una squadra in grado di potermi dare qualcosa in più, non avrei firmato. Il Torino è una squadra che può crescere, ci sono tanti giocatori importanti che hanno contratti pluriennali”.

Torino, Sirigu: “L’anno scorso non è stata una stagione fallimentare”

Sirigu ha poi parlato delle differenza tra questo ritiro con il Torino e lo scorso. “Nel calcio quando cambia l’allenatore cambia sempre tanto, ogni allenatore porta avanti il proprio credo. Con Mazzarri il ritiro è stato completamente diverso, sia per quanto riguarda l’impostazione fisica, sia per quella tattica. Stiamo proseguendo, sulla strada iniziata il prossimo anno. I compagni nuovi? Sono stati accolti in un  gruppo che si conosce da un anno e c’è più”.

Poi sulla scorsa stagione: “L’anno scorso non so cosa non sia andato, non è stata comunque una stagione fallimentare. C’era l’aspettativa che la squadra con i nuovi innesti potesse fare qualcosa di più, l’anno scorso si giocavano le partite quasi solo come se dovessimo arrivare in Europa e non costruire un qualcosa, quest’anno il nostro obiettivo è quello di migliorarci, di costruire qualcosa di solido per obiettivi più concreti in futuro. E’ inutile prendere in giro i tifosi con obiettivi che poi magari non vengono raggiunti, noi stiamo gettando le basi per la costruzione di una squadra che abbia una cultura del lavoro importante. Vincere non è mai scontato”.

Sirigu: “Milinkovic-Savic ha un grande talento”

Sirigu ha poi parlato dei suoi compagni di reparto: Rosati è un portiere di esperienza che ha calcato palcoscenici importanti, abbiamo un preparatore che sa lavorare molto bene dal punto di vista della qualità. Ichazo, lo conoscevo già lo scorso anno ha dimostrato qualità eccellenti. Milinkovic-Savic? Ha grande talento, è un ragazzo speciale con cui ho legato tantissimo e gli auguro il meglio, ha scelto di mettersi un po’ in discussione, mi auguro che possa essere tranquillo e lavorare sereno tutto l’anno”.

Infine, sulla Nazionale. “La nazionale? Nella mia testa mi creo degli obiettivi personali, la nazionale per me ha un grande fascino e spero di poterci tornare in pianta stabile come prima. Non amo però le chiacchiere, voglio lavorare per guadagnarla”.


52 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77
3 anni fa

e pensare che molti(non tutti immagino) di quelli che qui ti elevano a uomo simbolo in contrapposizione al presidente conta balle solo un anno fa in questo periodo scrivevano che eri un vecchio bollito e venivi da noi solo per svernare…senza vergogna…!!!

mas63simo
mas63simo
3 anni fa
Reply to  odix77

Per quanto mi riguarda sbagli di grosso anzi era un operazione che si sarebbe dovuta fare un anno prima al posto di Hart.
Sempre stato un ottimo portiere tranne l ultimo anno al PSG x vari problemi ma dopo Sereni il migliore che abbiamo avuto.

odix77
odix77
3 anni fa
Reply to  mas63simo

e pensare che molti(non tutti immagino) ……. non mi sbaglio nel senso che non ho scritto che lo avete fatto tutti… ma molti si, vuoi negarlo??molti di quelli con cui condividi altri temi e che esalti per i loro comemnti si…. quindi cosa ne pensi?? cosa ne pensi di tutti… Leggi il resto »

Cup
Cup
3 anni fa

La giovanissima età del talentuosissimo Donnarumma e di altri buoni interpreti italiani del ruolo, fanno forse sembrare Sirigu un po’ vecchiotto e quindi evitato dai club blasonati, cosa che per noi gioca a pieno favore, dato che invece si tratta probabilmente del migliore portiere italiano con una prospettiva di almeno… Leggi il resto »

mcmurphy
mcmurphy
3 anni fa

Questo Toro ha tre punti fermi,Sirigu in porta,N’Koulou dietro e il Gallo davanti poi vediamo come si inseriranno gli altri,io comunque ho fiducia in Mazzarri,penso che sarà una buona stagione,nonostante Cairo…

Cup
Cup
3 anni fa
Reply to  mcmurphy

Secondo me sono 4, considerando Falque, a mio giudizio più intoccabile del Gallo…

odix77
odix77
3 anni fa
Reply to  mcmurphy

il gallo è una bella incognita : sarà quello di due anni fa o quello dello scorso anno?? da questa semplice risposta , che non sappiamo, passeranno il 70% delle nostre fortune … vedremo…

Cairo da Bormio: “Per il mercato spesi 49 milioni, ci mancano uno o due giocatori”

Torino, Bonifazi operato di ernia: ecco quanto rischia