Simone Verdi continua a migliorare partita dopo partita. Gode della fiducia dell’allenatore, è sempre più vicino al giocatore visto a Bologna

Simone Verdi sta cominciando finalmente a tornare ai suoi livelli. Arrivato dopo una lunga trattativa, non è riuscito poi a rendere quanto dovuto. Nelle ultime partite però qualcosa è cambiato: Mazzarri potrebbe aver trovato la chiave per riportarlo a piccoli passi verso il suo stato di forma migliore. Contro la Fiorentina è riuscito ad incidere, andando più volte vicino al gol, ancora mancante, ed esternando una gran voglia di giocare e fare bene. Già col Genoa era riuscito a dare segnali positivi. Attenderlo assicurandogli continuità si è rivelata la scelta vincente ed ora il Toro può raccoglierne i frutti.

Con Genoa e Fiorentina un Verdi rinato

Gli ultimi ritorni di fiamma in casa granata non hanno portato risultati positivi, ma Verdi potrebbe diventare l’eccezione che conferma la regola. Arrivato all’ultima giornata di mercato, con il campionato già iniziato, il numero 24 della formazione granata è entrato a piccoli passi nel gioco di Mazzarri, mettendoci più tempo ad ingranare rispetto ai compagni, già insieme nella stagione passata.

Saltare la preparazione estiva e l’Europa League non gli ha giovato, così come la crisi affrontata dal Toro, ma alla fine è riuscito a recuperare in fretta. Le ultime due sfide ne sono state la riprova: rimasto in campo per quasi l’intera durata delle due sfide, contro il Genoa è riuscito anche a realizzare l’assist per Bremer, mentre con la Fiorentina ha spesso servito i compagni e si è creato occasioni da gol.

Integrazione totale nel gruppo e nel gioco del Toro per l’ala granata

Anche lo stesso giocatore ha ammesso di aver affinato il proprio rendimento anche grazie ad una forma fisica migliorata. Con il Napoli aveva infatti trovato poco spazio nel corso della scorsa stagione, risentendone a livello prestazionale. “Ci siamo fatti i complimenti a vicenda perchè sapevamo che era una partita importante dove dovevamo dare delle risposte e continuità alla vittoria di domenica scorsa.“, queste le parole di commento di Verdi sulla sfida con la Fiorentina, che esternano una piena integrazione nel gruppo e nel modus operandi di questo Toro. Col Verona potrà cercare di portare a casa il primo gol in granata per chiudere al meglio il 2019.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-12-2019


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
4 anni fa

Per giustificare i 25 milioni spesi ne ha da dimostrare..

10genà
10genà
4 anni fa

solo il gol? ah allora siamo a cavallo!

T
T
4 anni fa

A me sembra gli manchi ancora tutto. Dove si è vista sta crescita non l’ho capito. Di sicuro questo giocatore ha il grosso problema del costo, come cartellino e ingaggio. È vero che si riempie le tasche (lui e l’agente), ma è anche vero che poi le pretese sono molto… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  T

tutto molto vero quello che dici qui
speriamo segni e in questo modo riesca a rendere al meglio. non è giocatore da 25 milioni a mio parere. ma nemmeno da 1 come a volte è sembrato qui al Toro.
una buona via di mezzo sarebbe già un bel vedere

Torino-Spal, i biglietti: prezzi speciali per l’ultima partita del 2019

Izzo, che mira! Pallonata a Berenguer. E il Toro scherza: “Abbiamo visto tutto”