Il Presidente Cairo e Mazzarri vogliono lanciare i giovani ma gli Under 23 del Torino non hanno ancora trovato il giusto spazio

Con l’Europa sfumata, il Toro si concentra nel dare spazio ai giovani della rosa. Un obiettivo più volte sbandierato come uno dei principali del Toro ma che, di fatto, non trova riscontro in quelli che sono i numeri. Se infatti Cairo e Mazzarri hanno più volte dichiarato che a questo punto della stagione è arrivato il momento di testare i giovani granata soprattutto in vista del prossimo anno, la percentuale di utilizzo in stagione degli Under 23 è solo dell’1,8%. Dato che posiziona il Torino al terz’ultimo posto di una speciale classifica proprio sull’utilizzo dei giovani nelle squadre italiane, appena davanti a Lazio e Napoli. Una linea verde, dunque, che nonostante le possibilità, è rimasta fin ora solo sulla carta e nelle migliori intenzioni di Presidente e allenatore. Un futuro fatto di giovani che, tuttavia, hanno visto più la panchina che il campo.

Torino, giovani Under 23: Niang e Berenguer i più impiegati

Tra i tanti giovani presenti in squadra, soltanto due sono quelli che nel corso della stagione sono riusciti a ritagliarsi uno spazio importante. Il primo è Niang che, nonostante un rendimento più che altalenante e poco convincente è riuscito a ritagliarsi 23 presenze e 4 reti all’attivo in campionato e 3 in Coppa Italia. Un ruolino di marcia che non assicura di certo all’attaccante un posto in squadra anche il prossimo anno ma che certamente ne fa un’eccezione all’interno della gestione della rosa del Toro. Discorso che vale anche per un altro attaccante che, esattamente come Niang, si gioca la permanenza. Si parla ovviamente del giovane Berenguer che, ancora acerbo, è riuscito a convincere prima Mihajlovic e poi, soprattutto, Mazzarri. Per lui sono 19 le presenze in campionato, nelle quali ha messo a segno una sola rete, e 3 in Coppa Italia. Sono dunque i due attaccanti gli unici Under 23 che sono stati in grado di trovare continuità di gioco nonostante il cambio di allenatore, facilitati anche dall’emergenza in attacco dovuta all’assenza di Belotti. Un risultato che non basta però ad avvallare la volontà della società di lanciare una vera e propria linea verde.

Torino, giovani Under 23: gli altri granata in rosa

Al contrario di Niang e Berenguer, lo spazio concesso agli altri giovani presenti alla corte di Mazzarri sembra andare in senso nettamente contrario alle parole del Presidente Cairo. Partiamo dalla difesa. Con Lyanco ancora ai box alle prese con l’ennesimo infortunio stagionale che ha bloccato il suo ruolino ad appena 6 presenze tra Campionato e Coppa Italia, il più giovane giocatore schierato nella retroguardia granata è stato Nkoulou che però, di anni, ne ha 28. Ad abbassare nettamente la media d’età del reparto arretrato potrebbe essere il giovane Kevin Bonifazi che, tuttavia, è riuscito a calcare il campo del Grande Torino in una sola occasione: la sfida di Coppa Italia contro il Carpi. E non è andata meglio nemmeno al portiere Milinkovic-Savic, impiegato solo in 3 dei 4 match di Coppa disputati dal Torino. Tra i terzini, Antonio Barreca, complici anche i diversi problemi muscolari rimediati in stagione, non è riuscito a ripetere il rendimento dell’anno passato pur risultando, con 8 presenze totali, uno dei giovani più impiegati. Infine, tornando in attacco, Simone Edera ha collezionato solo 205 minuti in campo: poco, troppo poco anche per lui. Numeri impietosi per un Torino che si proclama fautore di un calcio che lanci i giovani e che dia spazio ai ragazzi del proprio vivaio: se l’obiettivo è davvero questo, la panchina non può continuare ad essere il posto di questi ragazzi.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
sololamaglia
sololamaglia
4 anni fa

Li vedremo quando non potranno fare altro, solo allora

rotor
rotor
4 anni fa

Altro che linea verde ,si sta pensando per il prossimo campionato a tre trentenni:Sandro del Benevento in passato plurinfortunato,Kalinic dal Milan in cambio di Belotti cosi’ non si devono spendere soldi per sostituirlo e Glik che l’ultima stagione al Toro e’ stato deludente e molti anche su questo sito volevano… Leggi il resto »

Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
4 anni fa
Reply to  rotor

Beh , se si dovesse mai retrocedere, andrebbe da sè che verrebbe richiamato il guru!
Mica si possono dare 2,2 mln/anno a un mister in serie B, diamine!

mas63simo
mas63simo
4 anni fa

Un allenatore sano di mente in questo momento di “garbage time” iniziato già da un po’ avrebbe fatto giocare appena possibile i nostri giovani ma anche dom. se non di fosse fatto male De Si Barreca sarebbe stato in panchina . Questo x me in campo fino fine camp. M.Savic… Leggi il resto »

Sergio (Plasticone69)
Sergio (Plasticone69)
4 anni fa
Reply to  mas63simo

Mi piace proprio….
Non la vedremo mai.

Serie A, Cairo e i diritti TV: “Non siamo preoccupati”

Cairo sulla crisi del Torino: “Il clima in cui si è giocato ci ha penalizzato”