Il brasiliano sembra aver smaltito il problema agli adduttori e, qualora recuperasse a pieno la forma, metterebbe a rischio la titolarità dell’italiano

Leandro Castan sta vivendo una nuova avventura tra le fila del Toro di Mihajlovic e ha già mostrato i primi segnali di crescita durante la gara, stravinta, contro il Bologna.

Il centrale brasiliano, arrivato a Torino attraverso una trattativa lampo dopo che si era già accasato in prestito alla Sampdoria, se recuperato a pieno potrebbe tornare il forte difensore ammirato fino a due stagioni fa, alla Roma, in coppia con Benatia. Prima dei suoi guai neurologici, infatti, Castan era considerato uno dei più validi difensori centrali della nostra Serie A e, a suon di buone prestazioni, stava cominciando ad entrare anche nel giro della Nazionale brasiliana. Nella passata stagione, il possente classe ’86 non ha goduto di molta fiducia, né da parte di Garcia né da parte di Spalletti, cosa che l’ha portato a fare le valigie in cerca di un’altra destinazione. Mihajlovic, ora, sembra più che deciso ad affidarsi a lui, solo nel caso in cui Castan ritorni alla sua condizione ottimale, da cui ancora appare lontano. Il tecnico serbo, pertanto, non è chiamato ad una decisione impellente, ma qualora il brasiliano tornasse in forma, dovrà decidere chi scegliere tra il neo arrivato Castan e l’esperto e affidabile Moretti, cercando quindi di delineare e stabilire la titolarità di uno dei due al centro della difesa.

Moretti è uno dei beniamini del popolo granata ed ha sempre onorato al meglio la maglia, ma adesso il suo ruolo nella nuova retroguardia di Mihajlovic potrebbe essere messo a rischio da Castan, che, a sua volta, potrebbe diventare un nuovo beniamino dei tifosi del Toro.

TAG:
Mihajlovic moretti toro

ultimo aggiornamento: 05-09-2016


23 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
AstroMaSSi
AstroMaSSi
6 anni fa

Secondo me la scelta è già fatta. Col Bologna Castan ha giocato perchè evidentemente già adesso Sinisa lo preferisce a Moretti. Personalmente la prova non mi è dispiaciuta anche se qualche sbandamento c’è stato, più per poca conoscenza reciproca che per mancanza di forma o talento, vedasi un’azione del secondo… Leggi il resto »

spliff
spliff
6 anni fa

Mah.. Il Castan di due anni fa era una cosa.. Come dicono diversi miei amici qua a Roma è che con un problema come il suo perdi in riflessi.. Con la velocità del calcio di oggi può essere letale perdere 1 secondo in reazione..Ci spero ecco..

rimbaud
rimbaud
6 anni fa

Speriamo in bene, se si riprende è di dieci spanne superiore ai compagni di reparto.

Toro: per Hart in Nazionale è una gara serena e senza errori

Acquah-Ghana qualificati in Coppa d’Africa: il Toro può perderlo a gennaio