Leicester, chi è il presidente morto Vichai Srivaddhanaprabha

Leicester: ecco chi era Vichai Srivaddhanaprabha, il presidente morto nell’incidente

di Redazione - 28 Ottobre 2018

Il fondatore e presidente del Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, aveva acquisito la squadra inglese nel 2010, vincendo la Premier nel 2016

Sessant’anni, nato a Bangkok da una famiglia cinese. Il proprietario e presidente del Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è morto il 27 ottobre del 2018 nel rogo del suo elicottero, quando il velivolo aveva da poco lasciato proprio lo stadio della squadra, reduce dalla gara con il West Ham. Il suo cognome originale era un altro, Raksriaksorn. Si è poi trasformato in quello con il quale era conosciuto, Srivaddhanaprabha, poiché il re di Thailandia ha omaggiato la sua famiglia con quel nome, che significa “light of progressive glory”.

Vichai Srivaddhanaprabha, la carriera

Il proprietario del Leicester è stato fondatore e CEO del “King Power Group”, leader nel campo della gestione dei negozi duty free negli aeroporto. Era stato nominato anche ambasciatore di Thailandia, e inserito da Forbes nella classifica degli uomini più ricchi del paese, al nono posto.

Nel 2010 rileva il Leicester City, a capo di una cordata di imprenditori thailandesi facente capo alla Asian Football Investments. Un anno dopo, nel 2011 diventa presidente, nominando vice il figlio Ayawatt. Nel 2016 la squadra inglese, allenata dall’italiano Claudio Ranieri, vince la Premier League.

Vichai Srivaddhanaprabha, la vita privata

Vichai Srivaddhanaprabha era sposato e dal suo matrimonio sono nati quattro figli. Uno di loro, Ayawatt, è diventato vicepresidente del club inglese del Leicester, di proprietà del padre.

Leicester incidente
Leicester, l’elicottero del presidente in fiamme

Leicester, incidente in elicottero per il presidente: le vittime

Il presidente del Leicester è morto per l’incidente con l’elicottero: il rogo creatosi non ha dato scampo a nessuno, anche se a 24 ore dall’incidente ancora non sono noti tutti i nomi delle vittime.