DAZN ha superato l’offerta per i diritti TV del triennio 21/24 di SKY di circa cento milioni: giovedì la decisione finale

Non solo il rettangolo verde è ricco di sfide. Ce n’è infatti una che si gioca su un altro fronte, quello dei diritti TV e che vede protagonisti due colossi: SKY e DAZN. Con il triennio in corso in procinto di volgere al termine, ecco che si scaldano gli animi, così come le trattative. E se MediaPro è stata esclusa, così come Eurosport, che si sarebbe tirato indietro, la sfida torna ad essere a due. La Lega Calcio ha scelto di spostare la data per la scelta definitiva a giovedì. Intanto, le parti tirate in causa continuano con il tira e molla entrato nel vivo venerdì durante una riunione privata. Attualmente, il vantaggio è targato DAZN, che ha messo sul piatto un’offerta più alta rispetto a quella fatta dai diretti rivali per il triennio 2021/2024.

DAZN è in vantaggio su SKY di circa cento milioni

L’offerta di SKY corrisponde a 750 milioni per i tre pacchetti più il Gold, con un eventuale incremento che varia tra i 50 e i 70 milioni nel caso in cui venga creato un canale light. DAZN, che opta per il pacchetto misto, propone invece circa 100 milioni in più: 840 milioni per sette match in esclusiva e tre invece condivisi (i rivali ne offrono 70 per queste tre partite). L’offerta di 910 milioni messa fino ad ora sul piatto per i prossimi tre anni resta poco distante dai 973 versati nell’attuale triennio. I britannici sono perciò in vantaggio rispetto agli americani, che rischiano di andare incontro a grandi perdite se la proposta dovesse essere considerata insufficiente. La prima valutazione è stata effettuata da una commissione composta da De Siervo, ad della Lega Serie A, i presidenti di Lazio, Napoli e Sampdoria Lotito, De Laurentiis e Ferrero, l’avvocato dell’Inter Capellini e il vice presidente dell’Udinese Campoccia.

Cairo e Agnelli d’accordo sui diritti TV: “Trend positivo per il calcio italiano”

Il prossimo passo coinvolgerà anche i club, due dei quali hanno visto i propri presidenti esporsi a riguardo. Sia Andrea Agnelli che Urbano Cairo hanno infatti parlato della questione diritti. “Abbiamo ottenuto un risultato eccellente nel panorama europeo della nostra industria. Nessuna Lega è stata capace di negoziare a questi livelli. Attenzione a non farci scappare questi numeri“, queste le parole spese d acolui che è a capo del club bianconero. Anche il Patron granata ha seguito lo stesso filone: “La Lega e chi ha condotto le trattative hanno svolto un buon lavoro. Le proposte dei broadcaster sono molto interessanti, in particolare quella di Dazn, che va valutata con attenzione considerando che sarà supportata da una telco. Il calcio italiano dimostra di essere in trend positivo, manifestando un fascino, un interesse, insomma una vitalità che altre leghe hanno perso“. Resta intanto ancora un po’ di tempo ed il risultato può ancora essere ribaltato.

Diritti tv Serie A
Telecamera allo stadio

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-02-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Sergio (Plasticone69)
Sergio (Plasticone69) (@plasticone69)
9 mesi fa

I diritti della serie b a chi vanno?

odix77
odix77 (@odix77)
9 mesi fa

tutto nella norma e tutto studiato… sky si aggiudica la CL, la EL e dazon la serie A. cosi facendo ti costringono qualora tu sia appassionato di calcio a 360 gradi a fare due abbonamenti o pezzi di abbonamenti concessi da uno all’altro…

Fabio (febius6)
Fabio (febius6) (@febius6)
9 mesi fa

Sono questioni che alla cairese interessano relativamente, ancora non si sa chi acquisterà la trasmissione del grande ritorno al Tombolato di Cittadella…dove tutto cominciò…

Izzo alla Procura di Napoli: “Simulai un infortunio per evitare una combine”

Preziosi-Campoccia, lite e scontro fisico alla riunione di Lega