Il terremoto scatenato dalla questione Superlega non è ancora concluso, i presidenti di serie A valutano azioni legali contro Agnelli

La Superlega in 48 ore si è disintegrata ma il terremoto che ha scatenato non è ancora concluso. Come riporta La Repubblica, i presidenti delle varie squadre di serie A, tra cui anche Urbano Cairo, starebbero valutando l’ipotesi di intraprendere azioni legali contro Andrea Agnelli, reo di aver fatto saltare la trattativa per l’ingresso dei fondi di private equity che avrebbero portato nelle casse della Lega 1,7 miliardi di euro da dividere tra le venti società.

Serie A: Agnelli e la trattativa affossata con i fondi

Il presidente della Juventus era stato nominato come rappresentate delle 20 società nel comitato dei 5 manager incaricati di trattare con i fondi, all’interno della contratto era però presente una clausola che avrebbe di fatto vietato la creazione di una Superlega per i prossimi 10 anni. E proprio per questo motivo Andrea Agnelli, che nel frattempo stava lavorando segretamente con Florentino Perez alla creazione del suo torneo privato, avrebbe fatto naufragare la trattativa.

Cairo: “Questa è malafede, concorrenza sleale”

Sulla questione il presidente del Torino, Urbano Cairo, si era così espresso negli scorsi giorni al Corriere della Sera: “Il progetto che prevedeva l’ingresso in Lega di serie A dei fondi in una media company aveva una base di 1,7-1,8 miliardi, soldi utili al bene comune, anche a superare le gravi difficoltà, un finanziamento importante per il rilancio della stessa serie A, che in questi anni ha perso competitività nei confronti di altre leghe europee. Agnelli faceva parte del comitato interno delegato a trattare con i fondi, aveva un ruolo importante, di primus inter pares. Il tutto necessitava di un cambio della governance stessa della Lega. Era in atto un’operazione laboriosa. Il comitato dei 5, che attenzione nasce il 13 ottobre 2020, aveva ricevuto la delega di tutte le altre società. Improvvisamente il cambio di scena, nonostante il voto assembleare che aveva sostenuto l’operazione dei fondi: Agnelli e la proprietà dell’Inter prendono le distanze dai fondi. Adesso si capisce il perché. Si viene a sapere di trattative tra questi 12 club europei, quasi tutti indebitati, di incontri segreti tra Agnelli e Perez. Questa è malafede, concorrenza sleale. Hai una delega della serie A e intanto tratti su un altro fronte, per superare i tuoi gravi problemi economici, i tuoi bilanci in sofferenza, danneggiando le società che ti hanno dato un mandato ben preciso”.

Urbano Cairo e Andrea Agnelli
Urbano Cairo e Andrea Agnelli
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-04-2021


41 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà
6 mesi fa

pensavano di essere Lupi…ma erano soltanto Agnelli…

Troposfera Granata
Troposfera Granata
6 mesi fa

Spero che ad Agnelli gli levino anche le mutande, poi ci pensa Lapo.

granatadellabassa
granatadellabassa
6 mesi fa

Agnelli aveva un conflitto di interesse ma non so se vi siano le basi per una causa. In fondo la Superlega è nata (e morta) solo tre giorni fa. A gennaio era solo un’ipotesi. Moralmente Agnelli ci fa una figura di m. colossale, su questo nessun dubbio. Ma giuridicamente la… Leggi il resto »

Diritti TV, Sky presenta ricorso contro l’assegnazione a DAZN per il triennio 2021-2024

Lazio-Torino, il 13 maggio la discussione al Collegio di Garanzia