Il Toro ai mondiali 2018: come hanno giocato i quattro calciatori

0
Obi
CAMPO, 5.11.17, Milano, stadio Giuseppe Meazza, INTER-TORINO, nella foto: Matias Vecino, Joel Obi

Il mondiale di Russia 2018 è iniziato da poco ma ha già visto in campo i quattro giocatori del Toro destreggiarsi ognuno nella rispettiva Nazionale. Qualcuno arriverà in finale e potrà sollevare il Pallone d’oro? Questo ancora è troppo presto per dirlo, anche se i risultati non sono di certo stati positivi per tutti. Il Mondiale di calcio 2018 quest’anno sta riservando grandi sorprese, ad iniziare dalla mancata partecipazione dell’Italia che non mancava da oltre 50anni e dalla presenza invece di squadre inaspettate soprattutto dal continente africano ed asiatico.
32 squadre per otto gironi che ce ne faranno vedere delle belle: un confrontarsi di stili di gioco diversi e di nazioni che concepiscono la partita di calcio in modo anche molto diverso fra loro. Con premesse di questo tipo, gli appassionati di scommesse sportive stanno puntando su squadre differenti. Manca infatti la solita unanimità anche perché sin dalle prime partite questo mondiale si è dimostrato diverso da quelli di sempre e ha sconvolto i piani di tutti.
Le favorite se la stanno giocando in modo mediocre e squadre invece su cui nessuno avrebbe scommesso stanno mostrando performance da capogiro. C’è chi quindi ha deciso di cambiare le puntate, chi continua imperterrito a puntare sui propri beniamini, chi attende paziente l’illuminazione e nell’attesa si dedica ai tradizionali blackjack, poker, slot machine e altri giochi casino bonus.

Le favorite dei Mondiali 2018 e i giocatori del Toro

Anche se l’Italia non è ai mondiali, l’Italia può vantare diversi giocatori di Serie A fra le fila delle squadre che se la giocheranno in Russia, anche e non con la maglia della Nazionale Italiana. Fra questi anche ben quattro ragazzi del Toro: Ansaldi per l’Argentina, Obi nella Nigeria, Niang nel Senegal, Ljajic per la squadra serba. Nessuna di queste squadre oggi però è fra le favorite dei Mondiali 2018, anche se i pronostici oggi stanno cambiando in modo deciso.

Come se la stanno cavando i giocatori del Toro ai mondiali

Ansaldi sta giocando oggi nella squadra argentina, ma ad oggi non ha toccato palla perché gli sono stati preferiti altri giocatori. Giusto o no, non si può sapere, eppure, la scelta non deve essere stata poi delle migliori se la situazione dei sudamericani nei Mondiali è oggi abbastanza penosa. L’Argentina, infatti, ha già un piede sul volo di ritorno a casa a causa di un triste 3-0 per la Croazia. La partita è stata giocata male e al giocatore del granata non resta che attendere la partita contro la Nigeria, sperando di poter mostrare le sue capacità e vincere, risollevando la nazionale dalle tristi sorti.
Contro la Nigeria si dovrebbe confrontare con un compagno di squadra, l’esterno del Toro Obi, che date le sue prestazioni mediocri negli amichevoli pre-mondiale, tuttavia, è stato messo in panchina dal ct, ma si spera torni presto in campo. Anche per portare lui un po’ di visibilità, visto che il terreno del mondiale è un’ottima vetrina per il calciomercato.
Ottime le prestazioni invece di Niang in gara con il Senegal. La vittoria della squadra sulla Polonia nel debutto ai Mondiali di Russia porta la firma proprio dell’attaccante del Toro. I suoi goal durante la partita dei mondali avevano un sapore di derby, visto che ad incassarli c’era Szczesny della Juventus. Per il giocatore senegalese questi mondiali sono già stati un’eccellente vetrina e sicuramente il valore del suo cartellino aumenterà.
Infine Ljajic, sempre del Torino è finito al centro di una polemica per il suo imperterrito rifiuto di cantare l’inno nazionale serbo, cosa che in passato gli è costata l’espulsione e la critica dei tifosi. Le sue prestazioni deludenti e gli errori plateali non hanno che rincarato la dose: il cielo per questo giocatore si fa sempre più tempestoso.