DAZN si è aggiudicata il pacchetto per i diritti tv della Serie A 2021-2024: abbonarsi costerà tra i 25 e i 33 euro, dicono le prime stime

Sarà la piattaforma streaming DAZN ad avere l’esclusiva dei diritti televisivi della Serie A per il triennio 2021-2024. Nella giornata di venerdì 26 marzo è arrivata la storica decisione dei club della Lega: in sedici su venti, compreso il Torino, hanno votato a favore del player che già dal 2018 trasmette tre partite in esclusiva per ogni turno e che dalla prossima stagione potrà invece offrire agli abbonati le dieci partite di ogni giornata di campionato (di cui tre in co-esclusiva: si sta trattando con Sky). Ma quanto costerà l’abbonamento a DAZN? Non c’è ancora una cifra ufficiale, ma le prime indiscrezioni stimano che si aggirerà attorno ai 30 euro al mese. Per Calcio e Finanza il range che si sta valutando è tra i 27 e i 33 euro, Tuttosport lo fissa invece tra i 25 e i 33 euro. Attualmente, lo ricordiamo, attivare la piattaforma del gruppo Perform costa 9,99 euro al mese.

DAZN: “Serie A a un prezzo più accessibile”

“L’esperienza del calcio in tv sarà più ricca ed interattiva, grazie all’integrazione di contenuti originali e nuove funzionalità. E il prezzo rifletterà la nostra filosofia, sarà più accessibile di quello attuale”, ha dichiarato all’Ansa l’amministratrice delegata di DAZN, Veronica Diquattro. Ma bisognerà attendere la fine della stagione in corso per conoscere le differenti offerte.

telecamera Serie A Sky Dazn
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-03-2021


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
2 mesi fa

Più accessibile…..a chi?mi sembra l’esatto contrario dati i prezzi…

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
2 mesi fa

Io per vedere la Leotta prepartita li pagherei anche. 40 senza vestito e 50 senza mutande

Orgogliogranata
Orgogliogranata
2 mesi fa

Chi si abbona alle pay tv è gobbo.

Sentenza Lazio, doppio ricorso! Club e Procura si appellano alla Corte Federale

L’avvocato della Lazio Gentile: “Udienza perfetta”