Il presidente dell’Aia Alfredo Trentalange si è dimesso dalla carica di presidente, decisione arrivata dopo il caso D’Onofrio

Alfredo Trentalange ha rassegnato le dimissioni da presidente dell’Associazione Italiana Arbitri. Si trovava a capo degli arbitri da febbraio del 2021, quando aveva sconfitto alle elezioni Marcello Nicchi. Nelle ultime settimane aveva dovuto affrontare la questione relativa al caso D’Onofrio, procuratore dell’Aia arrestato per traffico interzionale di droga. Un terremoto vero e prorio all’interno degli arbitri, con i componenti del Comitato Nazionale che ora saranno chiamati a spiegare le ragioni di questa scelta ai presidenti delle rispettive macro regioni.

Le accuse di Chinè

Trentalange, dopo aver perso il controllo della giustizia arbitrale, era finito nel mirino anche di Chinè, procuratore federale che lo aveva accusato di comportamenti disciplinarmente rilevanti. Tra questi la violazione dell’articolo 41 del codice di giustizia sportiva, che impone di comportarsi secondo i oprincipi di lealtà, probità e correttezza. Inoltre secondo Chinè, Trentalange avrebbe omesso qualsiasi iniziativa volta ad accertare le condizioni professionali e morali di D’Onofrio.

Cartellino rosso, espulsione
Cartellino rosso, espulsione
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-12-2022


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

E ora la domanda piu’ importante: chi arriva al suo posto?

Orgogliogranata
Orgogliogranata
1 mese fa
Reply to  Scimmionelli

Agnelli mi sembra si sia liberato.

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

Per fortuna potrebbe essere “impegnato” a vita (radiato)

direibene18
direibene18
1 mese fa

Era ora , manco voleva dimettersi……
Un italiano vero.

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  direibene18

nicchi era ancora peggio,questo troppo debole

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa
Reply to  madde71

Personalmente ritengo che non sei assolutamente informato dei fatti se azzardi una tale valutazione eccessivamente generosa nei confronti di Trentalange, il quale si è macchiato della grave colpa di aver ignorato il curriculum di D’Onofrio, Infatti il Procurato Capo degli arbitri D’Onofrio, il quale inquisiva gli arbitri e i tesserati… Leggi il resto »

direibene18
direibene18
1 mese fa

Trentalange è solo un burattino, come il suo successore, i fili li tira la LEGA, nn la FICG , molti credono che siano la stessa cosa ma nn è così.

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa
Reply to  direibene18

Prendo atto della tua osservazione, tuttavia ieri sera su RAISPORT il cronista ha evidenziato il Presidente Federale Gravina ha ribadito che la posizione di Trentalange non era più compatibile con la sua carica in quanto ritenuto responsabile di omessa vigilanza relativa alla condotta del pregiudicato D’Onofrio. Concordo con la tua… Leggi il resto »

direibene18
direibene18
1 mese fa
Reply to  madde71

Uno vale l’ altro, sono servi della LEGA A, in pratica uno schifo.

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa

Dimissioni di Trentalange assolutamente logiche e inevitabili in seguito al clamoroso caso D’Onofrio. Tuttavia personalmente ritengo che l’istituzione dell’AIA (Associazione Italiana Arbitri) ha smarrito assolutamente credibilità da molteplici decenni in quanto la categoria arbitrale è al servizio periodicamente delle Società maggiormente potenti. Nel calcio professionistico nazionale il dirigente più pulito… Leggi il resto »

Orgogliogranata
Orgogliogranata
1 mese fa

Assolutamente d’accordo con te.

E noi poveri stolti che discutiamo e a volte litighiamo sulle briciole di questo sistema ridicolo e corrotto.

Funerale Mihajlovic: dove vederlo in tv e diretta streaming

La Cassazione dice no alla Juve: l’inchiesta resta a Torino