Ndong, tra intermediari e richieste troppo alte: il Torino si indispettisce

39
Ndong Torino

Anche per il giocatore del Gabon la trattativa non è semplice, come per Verissimo. Troppi intermediari e richieste di ingaggio elevatissime: la pista di calciomercato che vedeva il Torino su Ndong si raffredda, ma non chiude

Abbiamo accettato l’offerta del Torino per Ndong, ora devono concludere le parti“. Così, qualche giorno fa, parlava il ds del Sunderland, che dava importanti indicazioni di calciomercato relative al centrocampista del Gabon, che in Inghilterra, o per lo meno nel Sunderland, difficilmente rimarrà. 24 anni il prossimo 17 giugno, buone doti fisiche, c’è chi paragona il centrocampista gabonese addirittura a Essien. Quel che è certo, è che i margini di miglioramento sono ancora notevoli, e che la scommessa può valere la pena di essere tentata. Anche per questo motivo il Toro si era mosso con anticipo, andando a formulare una proposta interessante: 7,5 milioni di euro più un’eventuale percentuale di valorizzazione in caso di ulteriore cessione in futuro. Un’offerta che aveva convinto gli inglesi e che poneva i granata in prima fila.

Ndong-Torino: l’ingaggio richiesto è elevato

Il problema riguardava e tuttora riguarda proprio il centrocampista. Non tanto che Ndong non sia interessato al Torino, quanto piuttosto per le difficoltà ad arrivare a parlare con qualcuno che possa dare delle certezze al Toro circa il buon esito di una trattativa. Si raccontava su Toro.it che un episodio simile era accaduto con Acquah, qualche anno fa; ed è ricapitato (e sta ancora capitando) con Lucas Verissimo. Di fatto, esistono situazioni ingarbugliate dove si fa fatica a districarsi, dove tante persone (procuratori) pensano di poter parlare per conto del giocatore, andando ad aumentare i costi, a dilatare i tempi, e a creare insomma più confusione. Ecco, altrettanto sta capitando con Ndong, che ha più intermediari o delegati a parlare per lui, cosa che non facilita la trattativa. Si aggiunga che il giocatore vorrebbe almeno 1,5 milioni di euro di ingaggi (più vari bonus, compreso, secondo le ultime indiscrezioni, un appartamento in centro e una macchina) ed ecco che l’irrigidimento da parte del Toro è completo.

Calciomercato Torino: Ndong, la porta non si chiude

Attenzione, però, che tale irrigidimento non porterà a una chiusura anticipata (e in senso negativo) della trattativa. Il Torino ha già lavorato più volte a situazioni simili, come anche per Sanchez Mino, ad esempio: e siccome il giocatore piace, continuerà a fare più tentativi. Solo, la pista in questo momento è più fredda, con Petrachi che si guarda intorno per capire cosa fare ed eventualmente quali alternative andare a reperire nel quasi sconfinato panorama di calciomercato. La sensazione è che ora il ds granata cercherà anche in Italia, per capire meglio il da farsi. Con Ndong sullo sfondo, pronto a tornare in auge se tornerà lui stesso a più miti consigli.

più nuovi più vecchi
Notificami
Cairese F.C.
Utente
Cairese F.C.

@granatadentro, non importa che tu abbia idee alcune volte diverse da me, quello che hai scritto ti fa onore. Porta avanti la tua positività come fai. Non avrai più nessun attacco dal sottoscritto.
grazie

GranataDentro
Utente
GranataDentro

Io non sono un dipendente di Cairo. Non lo amo come individuo. Non sarebbe mai il mio testimone di nozze. Non ci uscirei la sera. Lo trovo subdolo, arrivista, imprenditore con tutto ciò che ne consegue, interessato al potere, alla visibilità e ai soldi. Spero di essere stato chiaro. L’avevo… Leggi il resto »

GranataDentro
Utente
GranataDentro

A domande lecite ed educate di Feramiù e Giovanni risposte doverose. 1) di tutti, tra tutti, solo uno lo definisco di Venaria, perchè un conto è il catastrofismo, un conto è il voler entrare solo per demonizzare, distruggere, abbattere speranze. Qui, con quel “signore”, siamo ben oltreal maicuntent o mainagioia!… Leggi il resto »