Toro, Carlao chiude all’acquisto di altri extracomunitari dall’estero

110
cairo petrachi difesa

Ogni squadra può tesserare un massimo di due calciatori extracomunitari provenienti da campionati stranieri a stagione: il Toro ha preso Lukic e Carlao

Il Torino ha ufficializzato ieri pomeriggio l’acquisto a titolo definitivo di Carlao, difensore brasiliano proveniente dall’APOEL Nicosia; la trattativa si era in realtà conclusa da giorni, tanto che persino Mihajlovic alla vigilia di Sassuolo-Torino parlava di Carlao come di un suo nuovo calciatore. L’arrivo in granata del centrale sudamericano proveniente dalla formazione campione in carica di Cipro ha di fatto chiuso il mercato del Toro per quanto riguarda i calciatori extracomunitari provenienti dall’estero.

CAMPO, 4.1.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, amichevole, TORINO-MONZA, nella foto: Sasa Lukic
CAMPO, 4.1.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, amichevole, TORINO-MONZA, nella foto: Sasa Lukic

Per regolamento, infatti, ogni società italiana può acquistare da un campionato straniero un massimo di due calciatori a stagione non in possesso del passaporto comunitario, a patto che in quella stessa stagione liberi altrettanti slot vendendo a titolo definitivo all’estero (non in prestito) uno o due calciatori extracomunitari, oppure che li svincoli a fine stagione (come accaduto con Pryyma la scorsa estate) o che uno o più calciatori extracomunitari in rosa acquisiscano un passaporto comunitario (come fatto da Boyé). Con il brasiliano Carlao il Torino ha ora acquistato dall’estero, in questa stagione, due calciatori extracomunitari: l’altro è il serbo Sasa Lukic, arrivato in estate dal Partizan Belgrado.

Con l’acquisto di Carlao il Torino ha quindi chiuso le porte, almeno per quest’anno, all’arrivo di tutti i calciatori non in possesso del passaporto comunitario provenienti da campionati stranieri (come anche l’ala egiziana Fathi, data addirittura ad un passo dal vestire la maglia granata dai media de Il Cairo, ma della cui trattativa al momento non ci sono riscontri). Diverso invece il discorso riguardante i calciatori extracomunitari attualmente tesserati per club italiani, come il ghanese Donsah del Bologna e l’argentino Castro del Chievo, entrambi obiettivi di mercato dei granata: in questo caso non esistono limitazioni previste dal regolamento sul numero di giocatori acquistabili a stagione da ogni società. Il Torino potrebbe quindi, teoricamente, acquistarli entrambi.

110 Commenti

  1. Meno male che il pensiero si sia rivolto a rafforzare la difesa, con i tanti che continuano a sognare solo l’arrembaggio.
    Tuttavia un difensore brasiliano è una cosa che da sé suona male; non conosco questo Carlao, ma se ha una mentalità troppo sbarazzina, come d’uso dalle sue parti, e non è in grado di soffrire e organizzare un reparto che fa acqua da tutte le parti, temo che nelle prossime partite le altre squadre che finora contro il torino si sono trasformate tutte nel Real Madrid comprese le ultime in classifica, diventeranno come il Brasile di Zico e Falcao.

      • Non sono tanto vecchio da arrivare fin li, e tuttavia quello che ho potuto vedere “in differita” non mi ha tanto entusiasmato. Per esempio, rivedendo la finale messico 70, a colori, persa 4 a 1 con la squadra di Pelé appunto, mi pare proprio che l’Italia tenne testa a quello “squadrone” per tutta la partita fino alla fine e il risultato finale, così sonante, fu assolutamente bugiardo, come spesso capita nel calcio. Forse addirittura il 2 a 1 era pure in fuorigioco, e comunque ancora a 10 minuti dalla fine tutto era ancora possibile, pure se i brasiliani avevano un paio di supplementari in meno nelle gambe, o meglio non avevano nelle gambe I DUE SUPPLEMENTARI, quelli più supplementari di sempre.

        Altra storia invece è il Brasile dell’82 che secondo me, e condivido questo con molti che lo hanno detto, era la squadra più forte di tutti i tempi.

  2. Diciamolo chiaramente…l’aver preso carlao non c’entra nulla con il fatto che blocchi l’eventuale nuovo arrivo in difesa…non esistono solo difensori extracomunitari…esistono quelli che giocano in Italia e quelli comunitario..tanto per fare un’esempio, Simunovic è comunitario e perciò acquistabile….per cui se non arriva nessuno in difesa è per una scelta societaria..non perchè Carlao ha occupato il posto da extarcomunitario

    • non hai capito quello che volevo dire , il ruolo non c’entra nulla ; chiudendo ad un acquisto di un extracomunitario con il grande affare Carlao , il nano potrà sempre dire che di comunitari forti non ce ne sono e di extra non se ne possono prendere più … ovvero : la scusa perfetta per dire che il mercato è praticamente finito .
      Se invece non lo fosse ed arrivasse qualche altro “rinforzo” (il virgolettato è d’obbligo) , verrà fatto il solito acquisto a cazzo di cane e lui dirà che è stato preso il meglio che c’era in giro

      • ed io ti ripeto la stessa cosa…tra quelli che giocano in Italia e i comunitari..c’è una scelta ampia e di valore…poi se non si comprano non è certo colpa del posto da extracomunitario….vale per tutti i ruoli

  3. continuo a sostenere la mia teoria ; è vero che ha speso 500mila euro , ma è proprio questo il paravento dietro cui si nasconde il nano … quello del “rinforzo” per la quadra (e infatti ha detto che “così la difesa è a posto”)
    se avesse preso uno zetulayev qualsiasi la mossa sarebbe stata troppo evidente ; braccino e falso si , ma non del tutto scemo !!!!

  4. Grazie Giannone e Kurtz per lo scambio qui sotto (@11:40). Avete scritto cose sacrosante e le avete articolate benissimo. Aggiungo una nota a parte: l calcio Europeo ha un seguito e giro d’affari (diritti TV e merchandising) non indifferente negli Stati Uniti, ma la Serie A non ha il seguito che meriterebbe perché la Lega vende malissimo i diritti TV, privilegiando gli introiti a corto temine a discapito della visibilità e la crescita. Risultato: circolo vizioso in cui la scarsa audience porta testate sportive che invece seguono attentamente Bundesliga e Liga (per non parlare dell’EPL) a coprire pochissimo il nostro campionato e le squadre che ci militano. Roma e Napoli (che fanno la CL) hanno pochissima visibilità. Figuriamoci poi il Toro. L’arrivo di Hart e l’esplosione di Belotti hanno fatto si che finalmente si parli anche un pò della nostra squadra, e che i giornalisti si siano presi la briga di spiegare ai propri lettori la storia e il fascino del Toro (parlando oltretutto spesso bene del calcio visto in campo quest’anno). È imperdonabile che il Torino FC continui a presentarsi al mondo con un sito scritto in un “inglese” indegno e ridicolo. È ironico che succeda ciò quando mentre a capo della società c’è una persona di rilievo e successo nel mondo della pubblicità, editoria e tv. Ci sarebbe da sorridere, ma io sono troppo arrabbiato, perché lo trovo un indizio pesante di mancanza di ambizione e programma da parte di chi invece in altri campi ha dimostrato ben altro.

  5. a pensare male si fa peccato , eccetera … ma a me questa storia di Carlao puzza alquanto ; infatti adesso il nano ha la scusa di non poter più comprare nessun extracomunitario all’estero e la cosa gli è costata solo 500mila euri !

      • Già , però dopo che è uscita la notizia che hai incassato altri 4 mln per Jansson , con Sinisa che rompe le palle x nuovi acquisti , con la stampa che ti rompe le PALLE con il calciomercato , con i tifosi che ti rompono le palle per completare la rosa e mantenere le promesse fatte ….. promesse fatte dal Nano stesso , che spara cazzate fantasticando la Champions ,e promettendo la EL ……… Cairo è dovuto correre ai ripari , prendendo 2 piccioni con 1 fava . 31 anni , extracomunitario , a soli 500.000 euro ……. Tutto si incastra a meraviglia !!! 😂😂😂😂

        • 500 mila sono troppi per un giochetto del genere

          se davvero avesse voluto tacitare la piazza occupando lo slot extracomunitario disponibile avrebbe potuto prendere un parametro zero in stile barusso – zatulayev

          mi sa che la soluzione di questa mossa è sotto gli occhi di tutti: la dirigenza ci crede in carlao

          • A fronte di 40 mln di euro SPENDIBILI in cassa , 500 k sono troppi ???? Stai scherzando vero ???

          • dimostri di non conoscere così bene braccino

            lui applica inderogabilmente il rasoio d’Occam: perché fare con molto ciò che si può fare con poco?

            perché spendere 500mila per tappare lo slot se lo si può fare a ZERO con uno zetulayev qualsiasi?

  6. Giustissima la notazione di Giagnoni. La scarsa veicolazione da parte della Società in tutta la galassia web. Messa in pratica da chi si sta costruendo un piccolo impero nel mondo editoriale e della comunicazione.

  7. sportitalia? ah beh ora capisco. premesso che per me il pesce puzza dalla testa e che petrachi lavora sempre con budget limitatissimi, e questa può essere un’attenuante, sul suddetto girano voci non riportabili su un sito che mi rendono mooolto diffidente verso questo personaggio. se cambiasse aria, sarei ben lieto, ma temo che per motivi oscuri (o invece molto chiari…) sia il perfetto alter ego di uno come urbanetto….

  8. andando un po’ fuori tema (ma neppure troppo) sui vari forum Granata si critica,per usare un eufemismo Petrachi,invece a quanto pare è molto stimato tra gli addetti ai lavori,su SI ad esempio di giorno in giorno gli ospiti,danno il proprio voto ai vari DS,Petrachi per ora è primo con 25 punti,staccatissimi marmotta e Sartori con 9…mi sorge il dubbio che qui e altrove molti ne capiscano quanto me,cioè poco o nulla. PS lunedì Moreno Longo “pur stimando Sartori” ha votato per Petrax dicendo che “conosce bene come lavora

    • No no, momento. Petrachi ha l’attenuante del braccino di Cairetto. Difficile fare meglio con quei budget. però occhio, chi sta e vive dentro la società sa bene che molte delle “scoperte” del nostro caro ds non sono sue. Lui è solo l’esecutore. Ergo difficile dare un giudizio. Per me vale 6, senza lode ne infamia. Molte delle belle plusvalenze sono figlie della volontà di Ventura, molte minusvalenze sono figlie proprio di Petrachi.

    • io non sono un grande esperto di mercato e non reputo Petrachi un incompetente ( ci sara’ di meglio? Si, come in tutte le attivita’ c’e sempre uno migliore); bisogna dargli atto che essere DS del Toro di questi tempi, no quelli di Pianelli o Rossi, e’ complicato; diciamo che sta facendo pratica per un futuro roseo, dove gli daranno la possibilita’ di dimostrare la sua abilita’ con i capitali. Per quello che , nel caso di passaggio di consegne del Toro a qualche gruppo economicamente potente (sogno, lo so) io spero che Petrus faccia parte del pacchetto e che non ce lo rubino. Meglio perdere il gallo credo.
      Questo e’ cio’ che penso di Petrus. Secondo me, con cio’ che ha fa miracoli ogni anno. Piu’ facile se fai il marmotta dagli strisciati.

  9. Ma non era meglio giocarsi questo Jolly in qualcuno di più prestigioso, dato che di solito in Brasile e in Argentina ci sono anche giovani interessantissimi non era meglio pescare qualcunaltro e magari prendere in Italia uno nel ruolo di Carlao e di quella eta’ che già conosceva la lingua e il campionato?

  10. Una notazione tecnica. La sola notizia non confermata dell’arrivo di Fathi al Torino, ha portato nella giornata di ieri 14mila nuovi fan alla pagina Fb della nostra società, che è arrivata a circa 433mila. Lo Zamalek, squadra di Fathi, ha 5,9 milioni di fan su Facebook. Non parliamo della squadra di Venaria, che ne ha 25 milioni. Anche in queste cose una società che vuole diventare vincente deve crescere. Il marketing oggi è importantissimo: per sfigati che siamo, non è pensabile che un giocatore singolo come Immobile, abbia più fan del Toro sui social media. Perché anche da qui parte la promozione che fa crescere una squadra e che fa ottenere più diritti tv, più sponsor, più merchandising. Trovo assurdo che un imprenditore come Cairo, che sostanzialmente fa l’editore, abbia di proposito e da sempre tralasciato la promozione del marchio Toro in Italia e nel Mondo. Ci sono stati anche diversi professionisti del settore, alcuni dei veri e propri guri, che per fede granata si sono offerti di operare gratuitamente in questo senso, ma non c’è mai stata una volontà di procedere.

    • ottimo post mi permetto di dire. condivido. il marketing dovrebbe essere una delle vie maestre per aumentare il mitico “fatturato”, come ripetono di continuo “color che sanno”. eppure, “non c’è mai stata volontà di procedere”. chissà perchè.
      p.s. il sito ufficiale del Toro ha una traduzione in inglese che pare scritta da checco zalone. dare 4 lire a uno che l’inglese lo conosce, proprio no??

      • Bisognerebbe fare un piccolo investimento con una squadra di ragazzi dedicati ai social media. Una cosa irrisoria per uno come Cairo, che poi tra l’altro si pagherebbe da sola (il sito gobbo porta soldi alla società, alla fine, perché è talmente potente da essere veicolo pubblicitario). Basta pensare che le merde occupano direttamente nei loro uffici torinesi 350 persone – tra l’altro con stipendi di 1.200, 1.300, normalissimi salari impiegatizi) e la struttura produce utili, oltre a gestire tutto nei minimi particolari, dai club alle trasferte, dalla comunicazione al marketing.

        • beh, che dire? la famosa asticella la fai salire anche con questi strumenti. Si chiama moderno management sportivo. Ma Lui queste cose le conosce a menadito, anzi è un fuoriclasse nel settore. ed è proprio questo che fa inc.re di più.

          • Vediamo se col Fila non si creerà anche una struttura seria. Noi con una cinquantina di addetti potremmo fare già grandi cose. E (sono di parte, chiaro) secondo me abbiamo un marchio, una leggenda, una storia da “vendere” nel Mondo, che non ha eguali.

        • anche io sono mooolto di parte giagnoni (mi fa piacere scrivere questo nome, è un allenatore che mi è restato nel cuore) e concordo pienamente nel dire che la nostra Leggenda ed il nostro Marchio (o “brand” come dicono i fighi del settore) aspettano solo di essere valorizzati e diffusi come dio comanda. Dipende da una persona che lavora in corso Magenta a Milano. Vedremo. Io spesso critico ma non mi pongo mai pregiudizi verso il futuro. Certo, la rinascita del Filadelfia è indubbiamente un evento molto positivo, che andrà sfruttato al massimo, spero.

          • E’ una questione di volontà del Presidente. Ventura ha il grande merito di aver fatto entrare nella testa di Cairo alcuni concetti (conviene anche spendere 6 milioni per Cerci, ad es. che poi lo rivendi a 19); mi auguro che Sinisa gli faccia capire che contano anche i risultati sportivi, visto che non produciamo bulloni; non so chi possa fargli capire che la crescita di immagine porta soldi e che gli investimenti iniziali tornano con gli stra-interessi. Ps. Toro Channel sta lavorando da tre mesi in bassa frequenza presso gli uffici de “La Presse”, società che ha perso l’appalto di “**** Channel”. Salvo sorprese presto dovrebbe andare in onda sulla piattaforma Sky.

          • Bene, spero di vedere presto TORO CHANNEL allora, grazie per le informazioni, mitico “uomo col colbacco”….

          • sarà sicuramente stato un errore dovuto ai tasti, capita spesso anche a me, ma “Giagnoni” resterà Giagnoni. Che tempi….quando sfanculò causio, che derbies….

  11. Questo comunque mi fa pensare che mihajilovic, per il difensore che manca, ha chiesto di puntare su qualcuno pronto subito. Non mi stupirei arrivasse Tonelli, o a sorpresa un Izzo del genoa (visto l’abituale negozio di Giochi Preziosi rimasti invenduti a Natale).

  12. il club granata ha chiuso per il giovane centrocampista belga Martin Remacle, in arrivo a titolo definitivo dallo Standard Liegi. Nazionale under 19 del Belgio, è un calciatore dai piedi buoni che può giocare anche da mediano.

  13. Nooooo e adesso come farà il nostro duo a passare il tempo senza poter comprare mezze figure ad minchiam in giro per il mondo. Consiglio un buon bicchiere e 4 chiacchiere davanti al caminetto, ben acceso di questi tempi.

  14. Ecco questa è l’unica cosa che non capisco. Aver occupato una casella per extracomunitari con un giocatore che non ti da nulla più (almeno ad occhio) rispetto a tanti che se ne trovano in italia e Europa.
    Nel caso si vendesse Martinez si riaprirebbe la possibilità di prendere un Extracomunitario?

  15. O se ti interessa veramente tanto , lo puoi acquistare , non lo tesseri ( perché non puoi farlo) , ma lo segui facendogli fare partite non ufficiali ed allenamento con la prima squadra ( come il nostro Friedenlieb , difensore Primavera lo scorso anno ) . Ed a giugno si libera lo slot . D’altro canto è reduce da intervento al ginocchio .

  16. Tutto vero , Andrea , ma , interessandoti un calciatore non in possesso dei requisiti richiesti , lo fai ” immatricolare ” da una società amica e satellite , salvo regolarizzare il passaggio nella stagione 2017 2018 . In questa ottica credo vada letta la trattativa per Fathi .