Calciomercato Torino, è Kucka-mania: Mihajlovic bussa alla porta di Cairo

Toro, ancora Kucka: Mihajlovic bussa alla porta di Cairo

di Valentino Della Casa - 8 Marzo 2017

L’allenatore per la prossima stagione chiede rinforzi di peso a centrocampo. Torna in auge l’obiettivo di calciomercato della scorsa estate

Alcune lacune vanno colmate a livello di squadra, di tattica, di mentalità. Altre, invece, richiedono l’intervento del mercato. Quello che in inverno è di fatto mancato per permettere al Torino di Sinisa Mihajlovic di fare un salto di qualità e provare a puntare in maniera molto più decisa verso l’Europa League. Ma è ormai inutile piangere sul latte versato: il Toro deve già guardare al futuro, e nonostante qualche incertezza legata a possibili ribaltoni (per quanto riguarda la direzione sportiva di Petrachi, per esempio), ha già fretta di muoversi, onde evitare di restare indietro rispetto alle concorrenti. È chiaro che a tenere banco è soprattutto la questione legata ad Andrea Belotti: se il Gallo dovesse partire, il Toro si ritroverebbe un capitale enorme da poter (da dover…) reinvestire; in caso contrario, il capitale enorme sarebbe tecnico, con il Torino che potrebbe contare su un attaccante di primissimo livello anche per il prossimo anno, attorno al quale costruire la squadra.

cairo
CAMPO, 11.9.16, Bergamo, stadio Atleti Azzurri d’Italia, 3.a giornta di Serie A, ATALANTA-TORINO, nella foto: Sinisa Mihajlovic e Urbano Cairo

È a centrocampo che sono necessari (già lo erano in inverno) interventi importanti: oltre alla qualità, a Mihajlovic serve anche tanta quantità per il dispendioso 4-3-3 che vuole proporre. E di nuovo torna in auge il nome di Kucka, 30 anni appena compiuti, che nel Milan ha sinora disputato 22 presenze in campionato, segnando 3 reti. Un giocatore nel pieno della sua maturità, che costerebbe al Toro un investimento sì pesante e probabilmente senza alcuna possibilità di plusvalenza, ma che garantirebbe alla squadra un sicuro salto in avanti dal punto di vista della personalità e, appunto, di quella fisicità che troppe volte è sembrata mancare ai granata. È questo il punto: vale la pena fare uno sforzo sapendo che difficilmente potrà fruttare ancora, per accontentare il proprio allenatore? La dirigenza ci pensa, studiando anche le possibili alternative. Quel che è certo, è che un profilo à la Kucka, se non proprio lo slovacco, dovrà arrivare. Il Toro è al lavoro, già adesso, anche su questo. Il tempo è dalla sua, ma la scelta non potrà (più) essere sbagliata.

174 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ToujoursGrenat
ToujoursGrenat
3 anni fa

Io preferirei spendere 10/15 mil per Donsah (20) e Dioussé (19), tanto giovani per giovani !!

Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
3 anni fa

Fado, cosa c’entra Kucka con Belotti, visto che hanno ruoli differenti?

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

che mostri a Barcellona!! certo quando hai 5/6 veri campioni in campo e vogliono vincere tutto diventa possibile…..come l’Italia a Spagna 82.

tric
tric
3 anni fa

Se avessero dato due rigori così contro il Toro saremmo disposti a fare la rivoluzione. Il Barca non è solo forte …