La seconda parte della stagione del Torino sta mettendo dei dubbi sul progetto: voci su Osti, che conosce Mihajlovic, ma il tecnico deve ancora confermarsi

Primo punto. Il Torino l’ha fatto capire chiaramente in passato: l’obiettivo europeo è da conseguire in due anni. In uno, se ci fosse stata la possibilità. Ma poco per volta, questa è naufragata, e anche se Moretti e compagni dovessero vincere tutte le partite da qui alla fine della stagione, potrebbe comunque non bastare. Secondo punto. Questa seconda parte di stagione non sta andando secondo i piani. Anzi, si sta portando avanti con rassegnazione. Ed è un dato di fatto. Lo dimostrano non solo le prestazioni dei giocatori, ma anche le dichiarazioni dei protagonisti, non ultime quelle parole di Mihajlovic prima e dopo la partita con la Roma, che non lasciano spazio a molte interpretazioni.
Terzo punto. Dal mercato, a gennaio, non sono arrivati i giocatori sperati. E richiesti da Mihajlovic. Sono stati acquistati un oggetto misterioso, Carlao; una scommessa, Iturbe, questa sì chiesta dal tecnico; un prospetto per il futuro, Milinkovic-Savic. Nulla più: non il centrocampista che il tecnico avrebbe tanto voluto, non un difensore all’altezza. Ed è segno che le strategie di calciomercato di Petrachi, per quanto (ma non solo), stabilite direttamente con Cairo, non abbiano funzionato del tutto.

Tutto questo sta portando a una considerazione piuttosto forte in casa Torino, che potrebbe andare a rivedere di molto i piani originari dei granata. Un ribaltone, con cambiamenti importanti, non è più un’ipotesi da escludere a priori. Potrebbe riguardare una o più figure: da un lato c’è la conduzione tecnica; dall’altro, quella sportiva e dirigenziale. Perché sia Mihajlovic, sia Petrachi (diventato ormai uomo di fiducia di Cairo) hanno sì un contratto fino al 2018, ma è anche vero che quando un progetto viene messo in discussione, le cose possono rapidamente cambiare. E i contratti sciogliersi.

CAMPO, 22.1.16, Bologna, stadio Renato Dall'Ara, 21.a giornata di Serie A, BOLOGNA-TORINO, nella foto: Sinisa Mihajlovic, Gianluca Petrachi
CAMPO, 22.1.16, Bologna, stadio Renato Dall’Ara, 21.a giornata di Serie A, BOLOGNA-TORINO, nella foto: Sinisa Mihajlovic, Gianluca Petrachi

Ma intanto, qualche cosa sta succedendo: per esempio si sta facendo insistente una voce, fondata, che vedrebbe una candidatura di Osti, ds della Sampdoria, possibile pretendente alla poltrona di Petrachi. Un cambiamento notevole, che però sarebbe dovuto anche al fatto che il dirigente e Mihajlovic hanno già lavorato insieme proprio in blucerchiato: i due si stimano molto.

Dall’altro lato, poi, c’è anche il futuro dello stesso Mihajlovic, che non sembra così saldo in virtù del rendimento della squadra in questo periodo. Certo, da un lato il progetto (almeno) biennale rischia di essere completamente stracciato, ma è anche vero che occorreranno sostanziali correttivi per fare in modo che questo Torino possa essere finalmente europeo. Le certezze di pochi mesi fa sono ora molto meno salde. E non è più escluso che una delle due figure (difficilmente entrambe), a fine anno non resteranno più in granata. La palla è ora in mano a Cairo, che valuterà con molta calma nei prossimi mesi. Quando il nuovo Torino dovrà, Petrachi o non Petrachi, Mihajlovic o non Mihajlovic, essere ridisegnato.


392 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
carlo
carlo
3 anni fa

una volta si diceva: se ti interessa, non telefoni, ci vai di persona. apprezzo chi vuole mandare lettere aperte al presidente. apprezzo tutto. ma bisogna andarci, voi che siete a torino. altrimenti è una grande commedia, per quanto siano comprensibili tutte le commedie e specialmente questa: ma è una commedia.… Leggi il resto »

Immer1
3 anni fa
Reply to  carlo

Carlo ma secondo te Cairo riceve tutti in special modo quelli che protestano. Lascia stare pensI amo a contestare

carlo
carlo
3 anni fa
Reply to  Immer1

no, immer, non a farci ricevere, ma a organizzare una protesta sotto qualche sede, in qualche posto. avvertire in qualche modo la stampa in modo tale che interessi pure a loro farci articoli. non andare da lui che nessuno lo sappia. anche lo stadio e, se non si può, l’antistadio,… Leggi il resto »

odix77
odix77
3 anni fa

Rispondo a madde71 18:10 (a gente che continua a scrivere fesserie su nick leccaculo turni pagati da cairo non risponderò piu tanto loro si rispondono tra di loro , magari si fidanzeranno anche tra di loro un giorno) E’ arrivato in un momento storico in cui il calcio è ampiamente… Leggi il resto »

guidone
guidone
3 anni fa
Reply to  odix77

dici cose sagge odix.tra l’altro,orai mi son rotto discretamente di seguire un campionato che considero taroccato,con la prima in classifica che manco a metà torneo ha già 30 punti di vantaggio sulle settime,ottave..per non parlare dell’EL,un contentino che ogni anno premia una squadra non d’elite,oggi l’atalanta,ieri il sassuolo,l’altro ieri il… Leggi il resto »

odix77
odix77
3 anni fa
Reply to  guidone

Io purtroppo invece ancora non mi stacco… nonostante tutto il calcio il toro sono ancora una parte della mia passione… il toro di ventura ha cmq minato molto la mia voglia, perchè tolto qualche buona partita il suo gioco lo ritenvo di una noia mortale e faticavo davvero a vedere… Leggi il resto »

Lovi
Lovi
3 anni fa
Reply to  odix77

@odix77, con la massima simpatia e stima, ma pensi che dovevo aspettare te per farmi spiegare sta cosa? Pensi che sia così ottuso da non aver capito che il calcio è cambiato e bla bla.. i cinesi e bla bla….? L’inadeguato invece dal mio punto di vista è chi ha… Leggi il resto »

odix77
odix77
3 anni fa
Reply to  Lovi

“””l’inadeguato è chi vede in questo minuscolo presidente l’unica opzione possibile per il Toro.””” … attendo con ansia le alternative, per altro che non facciano le st6esse cose di cairo….. come detto sopra SONO TUTTI UGUALI mi spiace per te… quando lo capirai forse e dico forse capirai anche il… Leggi il resto »

Roberto (RDS 63)
RDS 1963
3 anni fa

, parli di Cairo che perché italiano non ci spolpera e non ci butterà lì in un angolo e poi come esempio per il gotha europeo del calcio prendi Manchester C. – Monaco, due società cui i proprietari sono arabi, sbaglio o sei un po’ confuso?

90ss
90ss
3 anni fa
Reply to  RDS 1963

Monaco è in mano agli arabi?
Non lo sapevo. Sei sicuro?
Comunque non sono confuso assolutamente .
Qui se uno non la pensa come voi è un deficiente … un papaboy … tifoso della cairese ….
Discutere e rispettare diversi punti di vista è difficile per tanti.

Calciomercato, il Torino insiste per Machach: priorità a centrocampo

Calciomercato, il Torino ricomincia da Falque: è l’unica certezza del futuro