Calciomercato Torino: Ljajic è ora un caso, e lo Spartak non molla

89
Ljajic
CAMPO, 27.8.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-SASSUOLO, nella foto: Adem Ljajic

Ieri Frustalupi non lo ha nemmeno fatto scaldare: Ljajic non vuole perdere il Mondiale, e il calciomercato in Russia non è ancora chiuso. Il Torino sta ancora valutando

Vero: Urbano Cairo su Adem Ljajic è stato molto chiaro. “Perché dovrei venderlo?” aveva dichiarato il patron granata dopo Torino-Benevento, chiudendo a ogni ipotesi di cessione. “Ha giocato, ora no; tornerà ad avere le sue chances più avanti“. Ma quando? È quello che si chiedono i tifosi, e soprattutto il numero 10 serbo, che dopo aver conquistato il Mondiale non vuole assolutamente lasciarsi scappare questa splendida opportunità. Ma per andare ai Mondiali serve giocare, e in questo momento Ljajic nelle gerarchie è stato scavalcato anche dal volenteroso Berenguer, ieri proposto nell’inedita posizione di punta insieme con Falque. È evidente che Mazzarri lo tenga sì in considerazione, ma meno di altre opzioni, e sembra davvero strano, visto il tasso qualitativo del giocatore. Ma così è, e i risultati per ora stanno dando ragione al tecnico, che continua a eludere il discorso su Ljajic: “finora ho avuto a disposizione solo cambi forzati“, aveva dichiarato prima di Torino-Udinese.

Ma ieri, di cambi forzati, proprio non ne ha avuto bisogno, e colpisce il fatto che Ljajic non si sia mai alzato dalla panchina per andare a riscaldarsi, nonostante la lombalgia fosse sicuramente superata, vista la convocazione. Che succede, quindi? La risposta non risiede solo e soltanto in questioni tecniche, ma anche in possibili dinamiche di calciomercato, tutte da conoscere. Perché il 24 febbraio chiuderà la sessione di compravendita in Russia, e lo Spartak Mosca continua a essere interessato al fantasista, che però il Torino vuole farsi pagare non meno di 10 milioni di euro. Spendere tanti soldi non piace a nessuno, nemmeno a club particolarmente facoltosi, ma la trattativa può avere degli sviluppi interessanti, soprattutto a fronte di questa nuova esclusione, piuttosto netta.

Ljajic non ha chiesto la cessione, e a Torino non si trova male, ma è un potenziale titolare in molte squadre, e lo sa bene: per questo il suo agente si guarda intorno, per capire meglio il da farsi. E il Toro stesso non vuole deprezzare un investimento pesante messo a segno due estati fa. Si valuta, ancora. Nonostante le parole di Cairo, che aveva confermato senza mezzi termini anche Mihajlovic. Due settimane prima dell’esonero…

più nuovi più vecchi
Notificami
AleGRANATAale
Utente
AleGRANATAale

Boh.. andate su trasfermarkt o chiedere a belotti anno scorso , dire che non sia stato decisivo in 2 anni per assist e gol e’ una cazzata. Che non sia un top siamo d’accordo , che sia antipatico pure , sinceramente se c’ha la Ferrari cazzi suoi ma nella mia… Leggi il resto »

MondoToro
Utente
MondoToro

A lui piace il grano, a urby ancora di più, se arriva il grano sufficiente per entrambi se ne andrà. Niente sport e niente poesia. Ha i piedi buoni, costa tanto e rende il giusto, è una plusvalenza sicura e ha il cartellino del prezzo attaccato, che giochi o meno… Leggi il resto »

90ss
Utente
90ss

Ma che caso !!
Non Rompete cari giornalisti spalma m…..a .
Cercate notizie vere e in balle di fumo