Edera al Torino poco spazio a gennaio le valutazioni

Edera, pochi spazi e tanta concorrenza: a gennaio le valutazioni

di Andrea Flora - 17 Ottobre 2018

Mesi cruciali per Simone Edera che da qui a gennaio dovrà convincere Mazzarri a meritare una chance col Torino

Un inizio di campionato non dei più esaltanti dal punto di vista del gioco e delle prestazioni. Per Simone Edera, classe ’97 frutto del vivaio del Torino, il futuro in maglia granata è più incerto che mai. Dopo essere partito bene lo scorso anno in prima squadra dopo essere stato chiamato da Siniša Mihajlović, quest’anno sotto la guida di Mazzarri il talentuoso torinese non è riuscito a convincere l’allenatore toscano a trovargli gli spazi per farlo giocare con costanza. I prossimi mesi diranno molto sulle reali possibilità che il ragazzo ha di rimanere al Torino e su quante invece siano le probabilità di una cessione – in prestito – ad un’altra società con la quale troverebbe più spazio per giocare.

Edera al Torino o in prestito: il futuro è un’incognita

Già quest’estate le sirene di calciomercato intorno ad Edera erano piuttosto intense, soprattutto dall’Emilia e dal Parma (dove ha già giocato)  c’erano grandi segnali d’interesse. Senza dimenticare il Frosinone di Longo, suo allenatore in Primavera, sulle tracce dell’esterno prima del termine della sessione estiva.

Edera
CAMPO, 29.4.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-LAZIO, nella foto: Simone Edera, Senad Lulic

Edera si è invece fermato a Torino, inizialmente chiuso da una grande concorrenza e poi pian piano più su nelle gerarchie dopo le cessioni di Niang e Ljajic. L’esplosione di Parigini, però, ha momentaneamente frenato Edera, che non ha saputo sfruttare al meglio la chance da titolare contro il Chievo Verona.

Edera, il Toro ha fiducia: ma l’esterno è a caccia di spazio

Nonostante il periodo difficile, in termini di presenze nel Torino, Edera ha dichiarato di essere assolutamente fiducioso del lavoro che la società granata sta svolgendo e ha ringraziato il presidente Cairo e il direttore sportivo Petrachi. Fiducia reciproca ma pur sempre a tempo: quello che Edera deve sfruttare al meglio per tornare protagonista.

più nuovi più vecchi
Notificami
10genà
Utente
10genà

15/10/2018 Edera: “Sento la fiducia della società, Mazzarri mi ha detto cose importanti”
17/10/2018 Edera, pochi spazi e tanta concorrenza: a gennaio le valutazioni

non esistono più le mezze stagioni

GranataDentro
Utente
GranataDentro

fossi in lui, mi farei un giretto in provincia. indipendentemente da tutto lui ha bisogno di giocare e al Toro ne ha troppi davanti. Berenguer e Parigini compresi

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Anche io se fossi in te mi farei un giretto su un altro sito…visto le figure di m3rda che fai..

GranataDentro
Utente
GranataDentro

yorkshire impertinente e pasticcione. Non posso tenerti con me. inutile mi giri intorno. e poi abbai troppo. preferisco quelli più grossi e che abbaiano meno.

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Si…Si…Garnet, proprio una figura di m3rda ti ho fatto fare…😂😂😂😂