Il difensore di fede granata sarà monitorato dai piani alti dell’Inter. D’estate probabile derby col Milan con spiragli per l’estero

 “Ci concentreremo sullo studio dell’avversario e sul preparare al meglio la partita per vedere i loro punti deboli ed ottenere la vittoria”, ha detto dopo il Frosinone in vista dell’Inter, Alessandro Buongiorno. Sempre se l’anno venturo l’attuale vice-capitano granata, che rischia di rimanere per sempre capitan futuro, non si trasformerà in un punto di forza dei prossimi avversari dei granata. Il classe ’99 è sicuramente l’osservato speciale in ottica mercato del lunch match di domenica a San Siro. Sugli spalti sarà oggetto di studio da parte della dirigenza dell’Inter, capitanata da Beppe Marotta con a fianco l’uomo mercato e braccio destro Piero Ausilio. Il suo nome da tempo viene infatti accostato ai nerazzurri, come anche all’altra sponda del Naviglio. Milan o Inter dunque come possibili destinazioni.

Buongiorno non è Bremer

Difficile che Alessandro Buongiorno possa fare il percorso che ha condotto nell’estate del 2022 Gleison Bremer solo qualche chilometro lontano dal Filadelfia. Per motivi di sangue, tifo, di amore per la maglia granata, non si correrà probabilmente il rischio di vederlo alla Continassa, magari per preparare un derby, visto che il presidente Cairo ha risposto di no due settimane fa alla domanda se l’ultima stracittadina conclusasi sullo 0-0 fosse anche l’ultima di Buongiorno. Sarà quindi derby di mercato, ma della “Madunina”, dove ora c’è come a Torino una squadra dominante contro una che cerca dai sei turni di rompere il digiuno di vittorie (ma anche di pareggi). La squadra che in questo periodo storico sta prevalendo negli scontri fratricidi di San Siro, l’Inter, cercherà dunque in Buongiorno una riscossa dopo un’estate del 2022 per certi versi umiliante, quella della telenovela Bremer, promesso sposo del Biscione prima di unirsi invece ai colori bianconeri, quelli che già aveva indossato al Santos: la sottile differenza tra il brasiliano e un Buongiorno cresciuto a pane e tremendismo granata.

Calciomercato Torino: Buongiorno, l’addio non è del tutto scontato

Non si parla soltanto della trinità più vincente del calcio italiano tra le squadre più interessate a Buongiorno, fresco consigliere dell’Associazione Italiana Calciatori. Dall’estero fanno abbastanza chiasso i rumors nei suoi confronti. Il numero 4 granata piace in Premier dove la sua fisicità e capacità a gestire i duelli corpo a corpo sarebbero di casa, così come in Liga e in Ligue 1. Ma la sua cessione non è comunque del tutto scontata. Molto dipenderà anche da chi sarà il prossimo allenatore del Torino: se si dovesse continuare con Ivan Juric potrebbe anche restare più facilmente. I due hanno un ottimo rapporto e il tecnico croato lo vorrebbe continuare ad allenare.

Alessandro Buongiorno of Torino FC gestures at the end of the Serie A football match between Torino FC and Juventus FC.
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 25-04-2024


23 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ElPepp
ElPepp
27 giorni fa

Tra gli altri, un punto dell’articolo che mi ha fatto amaramente sorridere è il parallelismo iniziale tra la “dominanza” nerazzurra a Milano e quanto succede a Torino.
E precisare “ora” come fa il buon Curreri in realtà serve solo a rendere il paragone ancora più abnorme e ad aumentare l’amarezza.

Bologna65@
Bologna65@
27 giorni fa

Si accettano scommesse: firmerà prima, durante l’intervallo o dopo la partita? 🤣😂

James 75
James 75
27 giorni fa
Reply to  Bologna65@

Non andrà all’Inter, è come la telenovela Bremer, lo vogliono squadre che hanno soldi veri e non quelli dei Monopoli, non firmerà né prima né durante né dopo,l’arrogante Polifemo Marotta lo prenderà nel cul#o l’ennesima volta

Jones
27 giorni fa

certo sarebbe bello restasse e comprare altri ottimo giocatori ma credo che sarà venduto per una congrua cifra e anche lui penso non veda l’ora di approdare ad una big,tutto nella normalità delle cose del calcio d’oggi SFT

Sangueblu
27 giorni fa
Reply to  Jones

La normalità dovrebbe essere cedere un ottimo giocatore e con i soldi incassati puntellare la rosa con acquisti mirati di buoni giocatori nei ruoli mancanti. Qui avviene tutto il contrario, si vendono ottimi giocatori a cifre alte per poi comprare bidoni che non servono a nulla a cifre oltretutto spropositate… Leggi il resto »

Last edited 27 giorni fa by Sangueblu
James 75
James 75
27 giorni fa
Reply to  Sangueblu

Direi ottima

Bologna65@
Bologna65@
27 giorni fa
Reply to  Sangueblu

Direi dolo!

James 75
James 75
27 giorni fa
Reply to  Sangueblu

Infatti già rinnovati i pipponi Savic.. Voivoda.. Sanabria… e andranno via sicuramente Buongiorno… e con l’offerta giusta amvje Bellanova, l’anno prossimo il decimo posto sarà molto duro da raggiungere

leftwing
leftwing
27 giorni fa
Reply to  Sangueblu

Commento non male…

Lovato, poco spazio dall’infortunio. In questo finale si gioca il riscatto

Okereke, così il riscatto si allontana: 5 partite per guadagnarsi il Torino