Vicino il rinnovo di Iago Falque con il Torino fino al 2022: al momento il giocatore spagnolo ha un contratto in scadenza 2020

Le parole post Torino-Roma di Iago Falque, quel “Se me ne andrò lo farò a testa alta”, avevano indubbiamente scosso l’ambiente granata. I messaggi di sostegno e di richiesta di rimanere dei tifosi si sono susseguiti per giorni e le ultime ore di calciomercato sono state più che frenetiche. Per Iago Falque (al momento ai box dopo l’infortunio contro l’Udinese), però, le porte del Torino non si sono chiuse, anzi: Mazzarri e la società lo hanno confermato e il giocatore resta centrale nel progetto della squadra. E le prime uscite stagionali non possono che confermare la scelta con il giocatore che si è dimostrato fondamentale per il gioco del Toro, nonostante un cambio di ruolo che non sembra metterlo particolarmente in difficoltà. Insomma, il Torino ha scelto ancora Iago Falque e lui non si è fatto attendere. Adesso, però, bisogna pensare al futuro.

Iago Falque: dopo la conferma, si pensa al rinnovo del contratto

Se il presente è e resta tutto granata, con Falque che si è preso di diritto e a suon di prestazioni positive il posto accanto a Belotti, il futuro comincia ad incombere e per giocatore e società arriverà presto il momento di discutere del contratto del giocatore. Per Iago Falque, che al Torino percepisce uno stipendio da 1,5 milioni di euro, andrà in scadenza nel 2020 ma l’ipotesi del rinnovo è tutto tranne che fantasiosa. Il giocatore ha mercato, e molto, e al di là di quello che capiterà in campo nei prossimi mesi, la società granata non può ignorare le avance arrivate da tanti club per l’attaccante. Ecco dunque che, soprattutto per tutelarsi, l’entourage del giocatore e il Torino si ritroveranno presto attorno ad un tavolo per discutere di un rinnovo che potrebbe essere alle porte. Il Toro lo ha confermato una volta, Falque sta ripagando la fiducia dimostrandosi sempre più decisivo: blindarlo diventa un obbligo.


Milinkovic-Savic verso l’addio a gennaio: Gomis da record in Europa

Lazzari-Torino, si può fare. Cairo convinto: “È molto bravo”