Coppitelli: "Troppa negatività, dobbiamo crescere in fiducia" - Toro.it

Coppitelli: “Troppa negatività, dobbiamo crescere in fiducia”

di Andrea Piva - 11 Febbraio 2017

L’alleantore del Torino Primavera Coppitelli commenta soddisfatto la vittoria: “Abbiamo giocato meno bene di altre volte, ma con carattere”

Federico Coppitelli è soddisfatto per la vittoria di oggi contro l’Ascoli. “Ci sono tante cose da dire, soprattutto visto il nostro momento. Nelle ultime due gare abbiamo raccolto molto meno di quel che meritavamo: oggi abbiamo fatto una partita brutta, sporca, cattiva, almeno nel secondo tempo. Abbiamo però messo carattere e voglia di vincere: avevamo Avelar, Viola, Remacle, Tofanari, Mele, Piscopo…. tutta gente che non ha fatto più di 3 partite con noi. Aggiungiamo che si veniva da un periodo di crisi, e le difficoltà sono emerse. Oggi abbiamo fatto fatica, sia per l’aspetto mentale, sia per mancanza di confidenza e coesione: non sono alibi, ma tessere di un puzzle. E poi aggiungiamo che sabato scorso con la Pro Vercelli abbiamo giocato, ma ci sono mancati giocatori importanti, e lì abbiamo fatto una buona prestazione. Avevo percepito un po’ troppa negatività, e questa squadra ha il problema della tendenza a incartarsi se la partita non le va incontro, dobbiamo imparare a gestire queste cose, piano piano, senza particolari ansie. Dobbiamo migliorare nella fiducia, oggi è stata la gara che paradossalmente abbiamo giocato meno bene“.

Parla come un fiume in piena, Coppitelli. E lo fa per difendere il lavoro della sua squadra. Che ha cambiato ancora una volta l’assetto tattico: “Oggi abbiamo dovuto rinunciare a Berardi, oltre a Rossetti e Bortoletti, che ci avrebbero dato una grande mano. Non deve essere un alibi, ma giocare su un campo come questo non è facile, e infatti Tobaldo, giocatore di forza, oggi quando è entrato ha fatto bene. Magari dagli spalti non si vede, giocare con un campo così non è facile: noi abbiamo sempre fatto bene in trasferta, che sembra un paradosso. Bari, Avellino, Cittadella: a fine primo tempo eravamo sul 3-0, come concetto di gioco su quei campi ci esprimiamo meglio. Noi non siamo una squadra da palla lunga, non l’abbiamo mai fatto, e capisco i ragazzi che evitano i lanci perché poi la palla rimbalza male. Infortunati? Potremmo recuperare presto Rivoira, per gli altri vedremo“.

Ancora sui singoli: “Piscopo ha caratteristiche differenti rispetto ad altri, può essere quello che legherà meglio i reparti. Noi rischiamo di mancare un po’ in incisività sotto porta, però: meritavamo di vincere, ma senza il rigore addirittura probabilmente l’avremmo persa“.

Su Avelar: “Forse ha patito un po’ il campo. A me quel che piace di lui è l’umiltà e il venire per far vincere la squadra. Non è così automatico: è uscito al 70′ l’altra volta con l’Udinese ed è rimasto in panchina, venendo ad abbracciarci al gol. Partecipa in maniera che non è scontata: è un campionato difficile questo, ci sono squadre forti, ma dobbiamo restare lì e lottare e essere soddisfatti di aver vinto una partita che all’andata forse avremmo perso, come con Carpi e Pro Vercelli qualche mese fa“.

Infine, si parla del Viareggio: “La Reggiana è prima nel girone Berretti. Il Rijeka ha una grande tradizione del vivaio. Il Cortuluà sinceramente non li conosco. Loro hanno un Under 21 in cui giocano dei ’95 e dei ’96, ma in Prima Squadra ci sono tanti classe ’98. Sarà una situazione da analizzare. Noi invece dobbiamo pensare a ritrovare il sentimento collettivo del girone di andata, in cui abbiamo fatto secondo me bene. Siamo una buona squadra, dobbiamo essere consapevoli delle nostre qualità e del fatto che in questo Campionato Primavera è normale trovare anche delle difficoltà perchè tutte le squadre sono competitive“.

3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Dutur
Dutur
3 anni fa

Influssi negativi che provengono dal vertice societario . E che già hanno intaccato la serenità della prima squadra ….??

ExIgneFaxArdetNova
ExIgneFaxArdetNova
3 anni fa

Forza dai!

gigimperversi
gigimperversi
3 anni fa

“Troppa negatività nell’ambiente”? Ma che dice mister? A Torino? Io lo escludo categoricamente…..?