Presenti anche Aramu, Barreca, Vives e Moretti in veste di genitore: “Esperienza delle giovanili fondamentale”. Ricordato anche don Aldo

Sono state presentate oggi tutte le squadre del settore giovanile granata: dalla Scuola Calcio alla Primavera, a Grugliasco oggi è stata tutta una grande festa per le giovanili del Toro, compresa anche la squadra di Calcio Femminile, recente realtà. Con la conduzione dello speaker Stefano Venneri, le Giovanili hanno volta per volta sfilato sul palco, insieme a tutti gli allenatori e dirigenti accompagnatori, con la supervisione di Massimo Bava e Silvano Benedetti, artefici entrambi degli ottimi risultati di questi ultimi anni.

A sorpresa, sono venuti anche quattro esponenti della prima squadra: c’era capitan Vives, con Aramu e Barreca, e c’era anche Emiliano Moretti, che veniva però in veste di genitore. “È un’esperienza importantissima, quella nelle giovanili” hanno detto i giocatori chiamati sul palco, “l’importante è continuare a crederci e lavorare sodo. Noi siamo tutti partiti dai pulcini” hanno ammesso.

Il bel pomeriggio è poi proseguito con il ricordo verso don Aldo Rabino, storica figura del cappellano granata che da sempre si era prodigato affinché il calcio, soprattutto per i più giovani, potesse essere simbolo di crescita e unità. Un nuovo anno, per le giovanili, è alle porte. Il Toro Day è stata la festa giusta per dare il via alle danze.


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Guile
Guile (@guile)
5 anni fa

Direi che da questo sito, i tifosi piuttosto che nel “Crederci sempre”, siano propensi nel gufare contro.
A buon intenditore poche parole.

Simone4Toro
Simone4Toro (@simone4toro)
5 anni fa

Mi accodo al fratello, madde 71, l’oasia Torino è senza sede!! Ragazzi chi può si faccia avanti..ancora per qualche tempo trovate in via Valentino, Torino..per telefono è contatti, travate tutto sul sito!

ug69
ug69 (@ug69)
5 anni fa

Avanti Torelli…

Under 17: il Toro pareggia 3-3 il derby con la Juventus

Primavera domani a Verona: Coppitelli punta sul tridente