Primavera, contro il Chievo al Filadelfia per blindare i playoff

di Francesco Vittonetto - 28 Aprile 2019

Lunedì 29 aprile alle 18.30, il Torino Primavera di Federico Coppitelli affronterà il Chievo. Obiettivo: centrare matematicamente la fase finale

“Dobbiamo continuare a correre, un passo alla volta”, diceva Federico Coppitelli dopo la vittoria sul Napoli a Grugliasco, nel recupero di campionato che ha permesso al suo Torino Primavera di ritrovare la vittoria dopo una serie di sei k.o. consecutivi. I granata sono terzi in classifica adesso, a pari punti con Roma e Fiorentina (che però hanno una partita in meno) e a più sette sul sesto posto, l’ultimo utile per centrare l’accesso alla fase finale. Lunedì 29 aprile, ore 18.30, al Filadelfia arriverà il Chievo, nel posticipo che chiuderà la 26^ giornata. E l’occasione sarà ghiotta, perché i clivensi sono attualmente settimi a 36 punti, visto il fresco sorpasso del Cagliari, vittorioso contro il Milan: una vittoria granata di fatto blinderebbe l’accesso ai playoff per Millico e compagni, a cinque giornate dal termine della stagione regolare.

Primavera, verso Torino-Chievo: le ultime

Più che i calcoli, però, a contare sarà la voglia di dare continuità al successo contro i partenopei: “I momenti di buio che abbiamo attraversato noi li hanno attraversati tutti, chi prima, chi dopo”, rilevava Coppitelli, “ma nella difficoltà ci siamo un po’ sfibrati e questo non deve accadere”. Non più, almeno. Perché da qui al rompete le righe ci sarà un percorso ancora tutto da costruire. E da portare più lontano possibile.

Il tutto con un Millico ritrovato, tornato a Grugliasco a calcare il campo a due mesi dall’ultima volta. L’11 sarà un fattore, inutile nasconderlo, per il prosieguo del cammino. Magari già a partire dal Chievo, che arriverà al Fila anche per riscattare il pesante 6-2 subito in casa dall’Atalanta capolista, ma soprattutto per riprendersi il sesto posto.

Torino Primavera, contro il Chievo può blindare i playoff

Il Toro, dal canto suo, con una vittoria scaverebbe un solco impossibile da colmare: 13 punti, ovvero matematica certezza di ottenere un piazzamento finale entro il sesto posto. Il pareggio tra Juventus e Fiorentina in uno degli anticipi del turno ha infatti ulteriormente distanziato eventuali pericoli: i bianconeri restano ottavi al momento, a meno uno dal Chievo e con una gara in più. Al Torino bastano i tre punti.