Pecci, intervista esclusiva sul Torino, Mazzarri e il Filadelfia chiuso

Pecci: “Il Toro deve aprire il Filadelfia. E se Pulici potesse consigliare Cairo…”

di Francesco Vittonetto - 26 Dicembre 2019

Esclusiva / Intervista a Eraldo Pecci: “Il Toro è emozione e sentimento. Mazzarri? Un buon allenatore. Verdi non è stato ancora all’altezza”

Torinisticità. Eraldo Pecci, a un certo punto della chiacchierata in esclusiva a Toro.it, tira fuori questa parola. Un neologismo, forse. Certamente un prodotto delle emozioni, dei sentimenti, che secondo Piedone – in granata tra il 1975 e il 1981 – sono ciò che rendono il Toro… il Toro. Il momento della squadra di Mazzarri è oscuro ma non drammatico: “Fin qui è andato a momenti. È chiaro che la classifica è la somma di quei momenti. E adesso non è quella che ci si aspettava”.

Il clima è intriso di negatività. Alla base c’è quella eliminazione estiva dall’Europa League?
Può darsi. È chiaro che chi parte presto per preparare quella competizione qualcosina poi paga, soprattutto all’inizio. Si guardi il Wolverhampton, ad esempio: ci hanno eliminato, poi son partiti male in campionato e adesso si stanno riprendendo. Il Toro, però, spesso non ha fatto vedere quello che di buono aveva nella scorsa stagione: l’impenetrabilità difensiva, il gruppo coeso… E quindi subisce molti gol e talvolta fa fatica a rimontare.

In più sembrano esserci limiti caratteriali: contro Lecce, Sampdoria, Udinese e Spal, il Toro ha fatto zero punti…
Alla base c’è proprio il fatto che subisce troppe reti. Lo 0-1 è molto più difficile da rimontare contro squadre che si chiudono, ci devi correre dietro. Quest’anno ho visto problemi in difesa, poi devo dire che un giocatore come Verdi fin qui non ha aiutato questa fase di crescita della squadra. Fino adesso l’ho visto molto raramente all’altezza.

Pecci: “Mazzarri? Anche Radice fu esonerato…”

Sfiduciato dai tifosi, ma ancora protetto dalla società: lei Mazzarri lo terrebbe?
Per me Mazzarri è un buon allenatore. Però anche Radice era un buon allenatore, ma è arrivato il momento nel quale il Toro ha dovuto esonerarlo. Io non so cosa si aspettava la società, ma quello che mi aspetterei io – al di là dei risultati – è un po’ di torinisticità. E quindi il Filadelfia aperto: se fai vedere alla gente che lavori bene allora sarà disposta a perdonarti qualcosa in più. Il Toro non ha tra le sue caratteristiche quella di vincere, ma di avere uno spirito: mi preoccupo se si perde questo, non per una sconfitta in più.

A proposito di spirito: Gigi Riva a Cagliari l’han fatto presidente onorario. A Torino qualche tifoso vedrebbe bene figure come la sua o quella di Pulici in società. Ma (per ora) non è successo…
Dopo i mostri sacri di Superga qualcuno ancora si ricorda di noi (ride, ndr), della mia generazione. Abbiamo vinto un campionato, abbiamo vissuto degli anni molto belli. Ma la storia va avanti, tra poco cominceremo a sparire, tutti noi. Non è una questione di soggetti, il Toro deve avere le sue caratteristiche al di là dei singoli individui. Quando un bambino oggi gioca con la maglia granata è come quando Pulici ci giocava, uguale. È evidente, però, che se Pupi lavorasse per il Toro allora saprebbe consigliare a Cairo qualcosa di più torinista. Ma se gli chiedessero di andare a fare solo il parafulmine non avrebbe senso.

A quel bambino, con la maglia granata, può spiegare cosa vuol dire avere un Filadelfia aperto davvero?
Tutti si allenavano lì, dalla squadra più piccola alla prima squadra. La gente, invece che andare al bar, si sedeva in tribuna. I giocatori uscivano e il vecchietto che era andato a ritirare la pensione salutava Ferrini, Pulici. Questo è il Toro. Quel Filadelfia era la casa di tutti. Davi magari un consiglio a un bambino – “Non calciare così, vacci più di collo”. Lui arrivava il martedì e ti diceva: “Guarda che domenica ho fatto gol di collo”. Sono tutte piccole cose. Ma non ci sono solo gli scudetti o le coppe, ci sono anche delle sensazioni, delle emozioni, dei sentimenti. E il Toro credo che sia emozione e sentimento.

Sulla classifica: “Non vinci e non retrocedi. Ma se ci fosse un certo clima…”

Quel clima di dialogo può essere d’aiuto anche in momenti difficili come quello attuale. E invece i cancelli restano blindati…
Hanno paura di nascondere il loro lavoro, di essere giudicati da uno che fa l’operaio, il ragioniere o l’assicuratore? Non si devono fare le cose di nascosto, io non capisco. Se uno ha qualcosa da dire glielo si spiega. E se poi ci sono i video che circolano, e da questi si capisce che l’allenatore ha ragione, allora tutti capiranno che ha ragione.

Gliel’ho chiesto perché Mazzarri, qualche tempo fa, aveva promesso che il Fila si sarebbe aperto ogni primo giorno della settimana. Ma la “prova” è durata ben poco tempo.
Poi io li farei entrare da sotto, i giocatori, in modo che non si vedano nemmeno, che non abbiano contatto con la gente… No, se parliamo del Toro è una cosa, se parliamo di calcio è un altro discorso, allora il Toro è una squadra che attualmente non può competere per vincere nulla.

Parliamo di calcio un’ultima volta: dove arriva il Torino quest’anno?
Adesso sei primo della parte destra e ultimo della parte sinistra. Il campionato è questo: di certo non lo vinci, di certo non retrocedi. Ma se ci fosse un certo clima, magari con un paio di ragazzi della Primavera che giocano, allora potrebbe già essere un momento di crescita.

38 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
urto (andrea)
urto (andrea)
11 mesi fa

mah…tutte queste nostre vecchie glorie (così considerate per lo meno da chi il TORO lo ha amato davvero quando era tale…)…devono stare il più lontano possibile da cairo(vattene)

paolo 67 (tabela)
paolo 67 (tabela)
11 mesi fa

Cairetto nn si fa consigliare da nessuno, ed è un male perché di calcio capisce niente.
Protrei fare l’ elenco delle decisioni prese che sono l’ anti calcio.

Marco
Marco
11 mesi fa

Consigliare ? lui è perfetto..alla perfezione come fai ad aggiungere altra perfezione ?

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  Marco

Stiamo parlando del personaggio che al matrimonio di Berlusconi con V.Lario regaló il suo ritratto?..il Napoleone di Masio 😂😂😂

Marco
Marco
11 mesi fa
Reply to  vecchiamaniera

Si lo stesso che in discoteca si leva la cravatta e la muove come il lazo di un cowboy dopo aver saltato per 20 minuti come un deficiente

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  Marco

Uahahah..certo che è lui))

granatina
granatina
11 mesi fa
Reply to  Marco

Ciao fratellone. Con un buffone del genere, Pupi è bene che giri alla larga. La mer.da e la cioccolata non hanno nulla da spartire.

Marco
Marco
11 mesi fa
Reply to  granatina

Ciao sorellina

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
11 mesi fa

Il tuo ragionamento parte da presupposti totalmente diversi dai suoi.
Non si fa consigliare perchè lo scopo che persegue non è certo la competizione sportiva, mi pare storicamente chiaro.

FT
FT
11 mesi fa

Nicola al Genoa …… e adesso chi caspita prendiamo ?

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  FT

Nessuno,abbiamo gli stessi punti del Milan,davanti a Viola,Sassuolo,Samp e Genoa.Bene,molto bene..

Marco
Marco
11 mesi fa
Reply to  FT

Se vi fidate vado io.. Gratis

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  Marco

Occhio che la parola gratis per il nano ha lo stesso potere dell’anello su Gollum,)

Marco
Marco
11 mesi fa
Reply to  vecchiamaniera

Volevo chiederti una roba già l’altra volta poi non ho avuto tempo..ti va se scambiamo 2 chiacchiere fuori da qui vecchiamaniera ?

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  Marco

Con piacere,)

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  vecchiamaniera

Se vuoi ci possiamo aggiornare a qst indirizzo mail > sirio4561@gmail.com 👍

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa
Reply to  vecchiamaniera

Marco,ricevuto mail e inviato dati.😎