Mondonico: “Rolling Stones? Lo rifarei”. E quella volta che a Cremona… Intervista inedita / VIDEO

Racconto inedito di Emiliano Mondonico: “Farmi espellere per i Rolling Stones? Lo rifarei: hanno diviso il mondo. Io prima donna? A Cremona sanno che non dovevano dirmelo”. L’intervista video

Emiliano Mondonico è sempre stato un personaggio genuino. I funerali che si sono tenuti nella giornata di ieri hanno dimostrato quanto effettivamente il Mondo avesse lasciato nel cuore di tanti, nel cuore di tutti. E infatti tanti erano gli ex giocatori venuti a salutarlo, tante le personalità del calcio (come Prandelli, per esempio) che hanno voluto sentitamente e sinceramente partecipare al dolore della famiglia. Ma Mondonico è stato e resta molto altro. Molto di bello, molto di verace: si parla di un personaggio che si fece volutamente espellere per partecipare a un concerto dei Rolling Stones, o di chi, di fronte a una serie di appellativi da prima donna che non reputava giusti o verosimili, davanti al proprio pubblico ha fatto capire che gli attributi ce li aveva davvero. Di questo e di altro si parla nella bella intervista inedita che qualche anno fa ha rilasciato, e che adesso Toro.it propone ai suoi lettori. Anche a chi, tra i più giovani, del Mondo ha sentito parlare, ma senza mai vederlo davvero.

Mondonico: “Rolling Stones, hanno segnato un’epoca. Grazie a loro, abbiamo vissuto i primi amori”

Non c’è stato solo il calcio nella vita di Emiliano Mondonico. Allenatore di Torino, Cremonese, Fiorentina, Atalanta e molte altre squadre, Mondonico è stato una persona che ha sempre voluto vivere la vita con grande genuinità. E anche senso di responsabilità. Ha saputo benissimo, Mondonico, scegliere quello che voleva fare. E come lo voleva fare. “Decisi di farmi espellere per andare a sentire i Rolling Stones” dice l’allenatore, “perché i Rolling Stones per Mondonico hanno segnato un’epoca. E non solo per me: c’è stato un periodo prima di loro, e uno dopo, che noi tuttora viviamo“. E non solo, Mondonico racconta un episodio di quando era un giocatore della Cremonese: “Mi davano della prima donna. E quando segnavo andava tutto bene, quando si perdeva era colpa mia. Un giorno ho fatto capire alla curva che non ero proprio una prima donna” disse. “Ma quel gesto non lo rifarei, quello dei Rolling Stones sì“. Perché il Mondo, di fatto, ha trasmesso anche una grande dose di saggezza, otre che spontaneità. E mancherà molto.
Leggi anche: video e fotogallery dei funerali di Mondonico.
Ecco l’intervista inedita.