“Che fine hanno fatto?” Da Morello e D’Aiello, a Pestrin e Scaglia: i “Peones” del 2010

di Andrea Piva - 21 Novembre 2018

Torino 2009/2010, i “Peones”: Barusso nel 2014 è tornato in granata, ma nessuno se ne è accorto

Tra i “peones” che si fecero più apprezzare nella seconda parte della stagione 2009/2010 ci fu certamente il mediano Manolo Pestrin: con la sua grinta, la sua determinazione e le grandi qualità in fase di interdizione il centrocampista ex Cesena è riuscito a entrare nel cuore dei tifosi. Oggi, all’età di 40 anni, non ha ancora perso la voglia di giocare e quest’estate ha firmato per il Tre Fiori, una delle principali squadre del campionato di San Marino: il club gialloblù quest’anno è entrato nella storia calcistica del piccolo Stato diventando la prima squadra a qualificarsi al secondo turno dei preliminari Europa League dopo aver eliminato i gallesi del Bala Town.

Gioca invece in serie D, con il Messina, il regista Gael Genevier, che al Torino era arrivato in prestito dal Siena. Ha invece appeso le scarpette al chiodo Ahmed Barusso che, dopo un primo addio al calcio, nella scorsa stagione aveva giocato nella Virtus Camposanto in Seconda Categoria. Nel gennaio del 2014, quando era sotto contratto con il Genoa, fu acquistato una seconda volta dal Torino, anche se non si allenò nemmeno con la squadra di Gian Piero Ventura. Barusso firmò un contratto di sei mesi e a giugno si svincolò, il club granata poté così liberare un posto per l’acquisto di un altro calciatore extracomunitario dall’esterno.

(continua a pagina 3)

più nuovi più vecchi
Notificami
masterfabio
Utente
masterfabio

Mi ricordo che all’epoca mi impressionò D’Aiello e mi dispiacque che non fu confermato. Evidentemente avevano ragione loro.

tric
Utente
tric

Tolto un paio, bei broc! Bravo Petrachi ….! ahahah

masterfabio
Utente
masterfabio

Che comunque ci fecero risalire in classifica fino alla finale PlayOff. Avranno comunque sempre il mio rispetto per l’impegno profuso.

T
Utente
T

Scopro ora che a San Marino esiste un campionato… comunque Pestrin fu l’elemento di volta di quella stagione. Continuo a ritenere quel centrocampo il migliore dell’era cairo.