Le cause del baratro sono i tuoi errori, se non te ne rendi conto e continui ad aggrapparti agli episodi, sprofonderemo sempre più giù… 

Caro Cairo, non raccontiamoci balle. Non è vero che abbiamo perso per gli episodi. E non è vero che per ripartire basta concentrarsi sull’ultima mezz’ora della partita con la Roma, quando i nostri avversari avevano già la testa sotto la doccia. Come tu sai, presidente, ti ho sempre difeso e continuerò a farlo per questi 15 anni, a costo di prendermi gli insulti di coloro che sognano i principi Ciuccarelli o i cavalieri cinesi, perché nonostante le tante amarezze non dimentico i momenti di gioia di questi anni,  dallo spareggio con il Mantova al tripudio del San Mamès, e sono terrorizzato da quello che potrebbe succederci se tu lasciassi senza la certezza di un compratore sicuro e affidabile. Ma se vogliamo davvero ripartire dovremmo incominciare a smettere di raccontare fandonie. E dirci la verità. Come si fa tra amici. 

E la verità, caro presidente, è che ultimamente le hai sbagliate tutte. Ma proprio tutte. A cominciare dalla scelta dell’allenatore, che sarà pure un’ottima persona, ma che è ciò è di più lontano ci sia dallo spirito del Toro, e che infatti ha dimostrato di non capirci nulla. Passando per la scelta del direttore sportivo di cui mi dicono sei già insoddisfatto (è vero che hai ricercato Petrachi? E che lui ti ha risposto picche perché è già alla Fiorentina?). E poi la scelta di confermare i vecchi scontenti, quelli che ridono quando la nostra maglia viene umiliata. Perché la scorsa primavera non hai fatto qualcosa di davvero granata? Perché non hai cacciato le cariatidi da spogliatoio, gli Nkoulou, i Sirigu, gli Izzo, perché non hai puntato sullo spirito dei bocia più brillanti (ora che finalmente ce ne sono, e di questo ti va dato atto) magari guidati da un allenatore che sappia che cosa vuol dire essere del Toro?

Quando le stagioni vanno male se si vuole ricominciare, bisogna avere la forza di fare piazza pulita. Soprattutto delle mele marce. Invece tu hai spazzato via le persone perbene (come il povero Bava, trattato peggio che una colf, e l’ottimo Moreno Longo,  che aveva dato l’anima per evitare ciò che stiamo vedendo ora) e ti sei circondato di nuovi yesman, convinto di poter surclassare tutti, come al solito con il tuo istinto e la tua personalità. Hai sbagliato. Hai fallito. E questo fallimento, te lo devo dire con la sincerità che si deve a un amico, è un fallimento prima di tutto tuo. Perché le cause del nostro baratro sono un po’ più profonde dell’espulsione (per quanto assurda) a Singo e del fallo non fischiato su Belotti. Le cause sono i tuoi errori. E se tu non te ne rendi conto e continui ad aggrapparti agli episodi, sprofonderemo sempre più giù… 

Cairo Torino
Cairo Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-12-2020


105 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
vecchiamaniera
1 anno fa

Momenti di gloria Mantova e San Mames in 15 anni da padrone del TorinoFC?Si accontenta davvero di poco considerando che in UEL siamo andati x demeriti altrui e quando si era in corsa x piazzamenti migliori sempre il nulla riguardo rinforzi veramente decisivi.La sua fortuna è stato trovare un jolly… Leggi il resto »

castellini1970
castellini1970
1 anno fa

sempre la solita solfa: quando la situazione (e il padrone) si fa indifendibile allora parte la fanfara del “hai sbagliato ma ora hai la possibilità di redimerti”. Ebbene no! Hai distrutto Il Toro facendolo diventare una squadra da barzelletta; hai cercato di sopprimere tutte le qualità che facevano di questa… Leggi il resto »

pear
pear
1 anno fa

Anche io come Mario caro presidente non dimentico i momenti di maggiore gioia della sua spendida cavalcata in sella a quel toro che in 15 anni è riuscito a trasformare in vacca. La ringrazio in particolar modo per l’esperimento sociale in curva primavera col daspo dato a chi osava contestarla,… Leggi il resto »

duane
duane
1 anno fa
Reply to  pear

Giù il cappello

La rubrica di Mario Giordano / Offerta a Cairo? Siamo ai soliti ciuccarielli

La 10 a Lukic: ma chi gli ha dato il permesso?