Al Filadelfia, davanti a 2.000 tifosi, la Primavera del Torino dà spettacolo. Coppitelli: “Quest’anno abbiamo sempre giocato fuori casa”

Coppitelli ha minimizzato la questione ma l’impressione, che più di qualcuno ha avuto, è che se per tutta la stagione la Primavera avesse giocato al Filadelfia, forse non si sarebbe comunque qualificata per i playoff, ma qualche punto in più in classifica l’avrebbe certamente avuto. Il Torino ieri ha dominato l’Atalanta terza in classifica e in corsa per il secondo posto: ha vinto 2-0, ma la partita sarebbe potuta finire anche 4-0 per le occasioni create (tra cui due pali colpiti). E’ stata trascinata dai gol di Zanetti e Gineitis ma soprattutto dal calore dei 2.000 tifosi presenti sugli spalti, nonostante la gara si sia giocata alle 16 di un giorno feriale.

Per tutta la stagione il Torino è stata l’unica squadra del campionato Primavera a dover giocare sempre in trasferta. E non è sarcasmo: è la realtà dei fatti, che anche Coppitelli ha sottolineato con le stesse parole a fine partita. Ogni gara casalinga è stata obbligatoriamente preparata e organizzata come una vera e propria trasferta, con i viaggi di andata e ritorno in pullman (oltre 80 chilometri separano Torino da Biella da percorrere quasi tutti su strade statali e conseguente traffico) e senza i tifosi. E pensare che non c’è una sola squadra in Italia, a livello di Primavera, che sia seguita da così tanti tifosi e con così tanto calore: una passione di cui il Torino quest’anno si è privato andando a giocare in un’altra città, lontano dalla propria casa.

“La squadra meritava una giornata così. Ci tenevo che la squadra giocasse qui, chi passa per la Primavera del Toro deve vivere il Filadelfia, è un posto speciale” ha poi dichiarato anche Coppitelli a fine partita. Ieri in tribuna ad assistere a Torino-Atalanta non c’era Cairo ma erano presenti Ludergnani e Vagnati: da quando sono arrivati è stata la prima volta che i due dirigenti hanno potuto assistere a una gara della Primavera al Filadelfia, che hanno potuto vedere e sentire la passione dei tifosi. Chissà se si immaginavano un’atmosfera così, che è ben diversa da quella che c’è intorno alla Primavera della Spal. Probabilmente avranno anche compreso un po’ di più il motivo per cui insistiamo sull’importanza che la Primavera torni a casa: se il prossimo anno non ci sarà la possibilità di farla giocare sempre al Filadelfia (tra sempre e mai si può comunque trovare una via di mezzo), perlomeno la si faccia giocare a Torino o in qualche comune della prima cintura. Basta Biella, al Pozzo-La Marmora lasciate giocare la Biellese.

Primavera Torino 2021/2022 festeggia al Filadelfia
Primavera Torino 2021/2022 festeggia al Filadelfia
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-05-2022


39 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Marcorti
Marcorti
6 mesi fa

Ho letto articolo ed interventi con interesse. Abitando molto lontano da Torino, ne so pochino di queste cose. A parte i soliti screzi tra utenti (bastaaa), direi che la Primavera a Biella è una gran brutta cosa.
La domanda “machektatzo l’hanno ricostruito a fare il Fila?” sorge spontanea.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
6 mesi fa

Interessante il tentativo del mago Otel-madde di rifarsi una “verginità” con il piu classico del “io l’avevo dett” Nel merito gli ho risposto, e nel caso ho pronto in copia l’intervento dell’assesore che lo smentì (indirettamente ovviamnete, manco se lo caxano il madde; è che uscì un’intervista proprio poche ore… Leggi il resto »

suoladicane
suoladicane
6 mesi fa

la colpa è degli integralisti del calcio: voglio il campo principale per la prima squadra ed il secondario pure; deve esserci un manto perfetto; guai a chi ci spia! tirate su i teloni, ecc….ecc….ecc…. i GRANATA DELLO SCUDETTO facevano le ripetute sulla ghiaia del cortile e se lo docce non… Leggi il resto »

L’appello di Juric: Cairo ha il dovere di ascoltarlo

Belotti e Brekalo: c’è tanta voglia di Toro