Giampaolo non riabitua il Toro a vincere: nei 90' ha battuto solo il Novara - Toro.it

Giampaolo non riabitua il Toro a vincere: nei 90′ ha battuto solo il Novara

di Francesco Vittonetto - 29 Ottobre 2020

Tra amichevoli, Serie A e Coppa Italia, nessuna vittoria nei 90′: contro il Lecce servono i supplementari. Per Giampaolo strada in salita

I contenuti – per calarci subito nel suo lessico – Marco Giampaolo li ha trovati più a Reggio Emilia che contro il Lecce. Al cospetto del Sassuolo , i titolari avevano mostrato buone trame, oltre alla fragilità difensiva. Peggio hanno fatto le riserve, di fronte al gruppo di Corini (al nono posto in Serie B). Sia in trasferta che in casa, nel giro di tre giorni, è ad ogni modo mancata la vittoria. Almeno nei novanta minuti, dal momento che in Coppa Italia il Toro si è salvato ai supplementari. 3-3 venerdì, 1-1 ieri. Due pareggi dopo tre sconfitte. Quanto manca, a questa squadra, una vittoria inappellabile. L’ultimo successo nei tempi regolamentari, in gara ufficiale, il Toro deve andare a cercarlo nella passata stagione: 3-0 al Genoa il 16 luglio. Punti salvezza prima di altre cinque giornate senza successo.

Contro il Novara l’unica vittoria nei 90′

Con Giampaolo, di certo, i granata non si sono ri-abituati a vincere. Anzi. A voler proprio fare i pignoli, da quando il tecnico è arrivato sulla panchina che fu di Mazzarri e Longo, è riuscito a battere solo il Novara in amichevole. Poi pari con la Pro Patria, sconfitta con la Pro Vercelli e inizio di campionato senza gioie. E anche in Coppa Italia, per passare il turno è servita la mezz’ora aggiuntiva.

“Abbiamo bisogno di fare le cose semplici”. Ancora: “Se non corri e ti muovi in maniera armonica qualche spazio lo concedi, e oggi lo abbiamo concesso”. Sprazzi di lezioni giampaoliste, che il suo Toro deve introiettare al più presto per non perdere terreno in campionato.

I problemi di Giampaolo e le parole di Verdi

Il tecnico, da settimane ormai, sottolinea il fatto che i suoi debbano meglio aderire al suo modo di fare calcio, ma anche che abbiano bisogno di colmare le lacune di autostima che la passata stagione ha lasciato. Il cratere di un meteorite. Ecco, per fare questo vincere è cruciale. Farlo bene, ancor di più. “Dobbiamo continuare a lavorare e a seguire il mister: così raggiungeremo i risultati”, ha puntualizzato Verdi. Che è uno dai quali il tecnico vuole un cambio di passo, non inganni la doppietta giunta quasi a fine gara.

Dopo la Lazio, domenica, arriveranno Genoa e Crotone: quelle sì, partite da non sbagliare. E questa volta non si potrà andare oltre i novanta minuti.

Giampaolo
Marco Giampaolo, head coach of Torino FC, gestures during the Coppa Italia football match between Torino FC and US Lecce.

4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mikechannon
Mikechannon
30 giorni fa

Ci vuole più coraggio,corsa e meno paura di sbagliare,come Singo.fuori chi rallenta il gioco.

Ultrà
Ultrà
30 giorni fa

c’era una volta…un pirla…che ha ingaggiato…un’altro pirla…che aveva il compito di far giocare dei pirla…come il pirla…che lo ha preceduto…

Last edited 30 giorni fa by Ultrà
tric
tric
30 giorni fa

Secondo me manca un serio preparatore atletico. Ho già scritto che gli altri corrono e noi camminiamo. Non ne potevo più di retropassaggi e quindi i supplementari non li ho neppure guardati. Che tristezza….