A Roma e Firenze il tifoso viene prima: a Torino cancelli serrati - Toro.it

A Roma e Firenze il tifoso viene prima: a Torino cancelli serrati

di Ivana Crocifisso - 3 Gennaio 2020

Per i tifosi di Roma e Fiorentina l’anno è iniziato con un bagno di folla, a Torino Filadelfia sempre chiuso e pubblico tagliato fuori dagli allenamenti

Altrove si affidano al calore del pubblico. Chiamano a raccolta la gente, scelgono di aprire e non di chiudere le porte. Perché in fondo un ambiente compatto è un ambiente più forte. Così a Roma, dove l’anno è iniziato con il tutto esaurito al Tre Fontane. Ebbene facile, si dirà, quando le cose vanno per il meglio, quando i risultati sorridono, come sta accadendo alla prossima avversaria del Torino. Eppure lo stesso è successo a Firenze, una piazza certamente non meno calda di quella granata. Una piazza di certo scossa. Un esonero, un nuovo allenatore, la scelta di affidarsi ai tifosi, la mano tesa verso tutti, il Franchi (addirittura) teatro di una seduta che ha richiamato 8000 persone. Nonostante tutto. Al Toro si lavora nel silenzio: anche oggi l’allenamento si svolgerà a cancelli chiusi, anche oggi prevarrà la linea scelta per evitare ogni forma di contestazione. Nessuna intenzione di interrompere il trend: forse si aspetta che i risultati facciano da collante e che tutto sia dimenticato. Ma invece fare qualcosa da Toro prima che la frattura diventi insanabile?

più nuovi più vecchi
Notificami
Mikechannon
Utente
Mikechannon

Considerato che è difficile distinguere tifosi veri é co……..i é meglio tutti fuori. Andate a passeggiare con la famiglia minc………i

Fender69
Utente
Fender69

Cara Direttrice la frattura è già insanabile e Lei lo sa bene perché sicuramente legge almeno qualche commento del sito che dirige. Le chiederei gentilmente di portare la voce della maggioranza del suo forum anche quando presenzia come ospite in quella trasmissione semisgangherata e filosocietaria di nome “Orgoglio Cairese” Grazie,… Leggi il resto »

Rob 62
Utente
Rob 62

D’accordo con la signora Crocifisso e con l’amico Gian sotto.
Non c’è altro da aggiungere.