Toro, attento al lupo!

di Andrea Piva - 16 Agosto 2019

Contro il Wolverhampton servirà tutto un altro Toro, quello visto a Minsk deve ancora maturare e acquisire la mentalità da grande squadra

“Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l’aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo”. Dopo l’1-1 di Minsk non è semplice avere la stessa serenità della protagonista della canzone di Lucio Dalla pensando che, fra una settimana, questo Torino il lupo, anzi i lupi del Wolverhampton, se li troverà di fronte. Non era questo il Toro che ci aspettavamo, non era questo il Toro che avremmo voluto vedere giocare in Bielorussia. Dopo il 5-0 e la convincente prestazione dell’andata era lecito aspettarsi molto di più da Belotti e compagni nella partita di ritorno.

L’1-1 di Minsk non deve allarmare troppo

Un po’ perché la squadra granata ha le qualità per vincere e convincere contro un avversario come Shakhtyor Soligorsk, un po’ per continuare a coltivare quella mentalità vincente di cui Mazzarri parlava anche alla vigilia, un po’ per esorcizzare la paura del “lupo”. Gli inglesi non saranno un avversario semplice da affrontare (questo lo si sapeva sin dal momento del sorteggio) e lo hanno dimostrato anche ieri sera, imponendosi con un altro 4-0 sul Pyunik dopo la larga vittoria dell’andata in Armenia. La prestazione di Minsk non deve però allarmare più del dovuto: se il discorso qualificazione non fosse già stato chiuso nella gara di andata, con ogni probabilità in Bielorussia avremmo visto un Torino diverso, capace di imporre il proprio gioco e le proprie qualità. E un Torino diverso lo vedremo certamente giovedì prossimo.

Ciò che ancora manca alla squadra di Mazzarri, oltre che a qualche giocatore di qualità dalla metà campo in su (ma qui la palla passa a Cairo e Bava che dovranno intervenire sul mercato), è la mentalità da grande squadra, quella che permette di giocare ogni partita con il coltello tra i denti e la voglia di mostrare la propria forza. Nell’1-1 finale di Minsk, oltre che i meriti degli avversari, vanno infatti evidenziati anche i demeriti di un Torino che ha regalato una buona fetta di partita agli avversari. La squadra granata deve crescere, acquisire una maggiore consapevolezza della propria forza e, in vista del Wolverhampton, trovare quella tranquillità cantata da Dalla per affrontare al meglio i lupi.

più nuovi più vecchi
Notificami
tony polster
Utente
tony polster

Lupi…attenti ai Tori…

tore110
Utente
tore110

No, non posso crederci … redazione vi siete permessi di sollecitare il nostro super presidente pluri- collarizzato a fare qualche umile acquisto ? Con la delicatezza che sempre vi contraddistingue quando si parla del Pres . ovviamente . Bravi 👏

Madmax
Utente
Madmax

La prossima settimana avremo in sette giorni tre incontri importanti, andata spareggi, la prima di campionato e ritorno spareggi. Come andrà a finire?Temo che avremmo problemi ad ottenere risultati con questa rosa ridotta, visto che alcuni giocatori sono in ritardo con la preparazione ed altri ancora in fase di recupero… Leggi il resto »