Torna il classico appuntamento settimanale con Vincenzo Chiarizia e la sua rubrica Penna granata in trasferta

Da un signore all’altro, da Giampaolo a Nicola. Marco Giampaolo è andato via dopo un girone di andata oggettivamente disastroso, ma nel quale ha dimostrato di rispettare la maglia granata, di tornare indietro sui suoi passi e di abiurare al 4-3-1-2 per un più solido 3-5-2. Con quest’ultimo modulo il Torino ha trovato un assetto più equilibrato, in cui la fase difensiva, grazie anche a Sirigu ed Izzo ritrovati, ha tratto giovamento. Per contro però ci siamo spuntati letteralmente con un Belotti chiamato ad un lavoro allucinante, come sottolineato dallo stesso CT Mancini. I pochi gol messi a segno dall’ottavo bomber della storia granata con il passaggio al 3-5-2 hanno rappresentato forse il principale problema della seconda parte di stagione di mister Giampaolo. Infatti possiamo dire che il rendimento del Toro con i due moduli è stato pressoché identico. Con il 4-3-1-2 nelle prime sette gare il Toro ha raccolto 5 punti con una media punti di 0,71, mentre con il 3-5-2 il Toro in undici gare ha raccolto 8 punti, con una media di 0,72. Dunque è evidente che il problema del Toro di Giampaolo non fosse il modulo, quanto piuttosto il tipo di gioco del tecnico giuliese incentrato sul palleggio, che come sappiamo, non aveva dei fini costruttori di gioco a centrocampo. Dunque il problema era – e lo è tuttora – la rosa non idonea al sistema di gioco dell’ex tecnico blucerchiato. Giampaolo vrebbe potuto cambiare anche tipo di gioco? Sì, avrebbe potuto cambiare filosofia, affidarsi al catenaccio o alle verticalizzazioni, ma a quel punto che senso ha avuto prendere un allenatore come lui ad inizio stagione quando era chiaro il suo modo di giocare?

Forse a prescindere dal modulo, Davide Nicola potrà dare un’impronta diversa al Toro. Nei primi allenamenti il neo tecnico granata, al quale diamo il più caloroso abbraccio di benvenuto e un enorme in bocca al lupo, è un allenatore più concreto e cerca maggiormente le verticalizzazioni e meno il fraseggio. Staremo a vedere già dal match di Benevento come i granata scenderanno in campo. L’auspicio è che Nicola, apponendo la firma su un contratto che vorrebbe un rendimento dalla media punti che sia più del doppio rispetto a quella ottenuta sino ad oggi dal Toro per ottenere la conferma, abbia ricevuto delle garanzie. Nei giorni restanti di questa sessione di mercato sarebbe doveroso che una società di Serie A come il Toro metta il nuovo trainer nelle condizioni migliori per rendere rinforzando la squadra. Se non altro, per evitare di ripetere gli atavici errori che qualunque presidente che ha a cuore le sorti del proprio club vorrebbe evitare. Non farlo vorrebbe dire dare a Nicola una squadra più debole rispetto a quella gestita da Giampaolo, visto che numericamente mancherebbero Millico e Meité. Non farlo, come si fa a pretendere il doppio della media punti attuale a Nicola?

Molto di quanto farà il Toro da Benevento in poi dipenderà da quanto Nicola riuscirà a recuperare Belotti dal punto di vista fisico e realizzativo, visto che non segna dal 17 dicembre quando il Toro uscì sconfitto dall’Olimpico di Roma contro i giallorossi. Da allora sei gare senza andare a segno. Dunque il compito di Davide Nicola è sicuramente arduo, molto di più di quello di Moreno Longo nella passata stagione, perché l’ex tecnico della primavera granata ha ereditato un Toro con il doppio dei punti rispetto alla squadra che oggi si ritrova Davide Nicola. Siamo certi che come Moreno Longo anche Davide Nicola ha accettato di allenare il Toro per amore. E solo per questa ragione va il ringraziamento più sincero. Come tutti noi faremmo se chiamati a lavorare in una realtà un po’ turbolenta, chiedendo informazioni a persone conosciute che ci sono già passate, è probabile che l’attuale allenatore del Toro abbia chiesto a Longo delucidazioni per capire in che tipo di ambiente si troverà a lavorare. Forse questo sarà l’unico vantaggio di Nicola rispetto a Longo nella passata stagione, cioè avere delle informazioni che potrebbero aiutarlo ad approcciare questa nuova esperienza che si preannuncia difficilissima.

Guai dunque a prendersela con il tecnico in caso di retrocessione. Potrà anche commettere errori, ma è bene che tutti i tifosi tengano a mente che purtroppo la responsabilità degli insuccessi e dei record negativi ottenuti in questo biennio nefasto sono solo opera esclusiva del presidente Cairo, che usa una società gloriosa come il Toro come un suo giocattolino, un sollazzo personale che gli serve solo per la sua immagine. Certo, in questi ultimi due anni il suo gradimento è sceso parecchio e il suo appeal sui tifosi è ai minimi storici. D’altronde come potrebbe essere diversamente?

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 20-01-2021


39 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
2 mesi fa

oo

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa

bella discussioncina sotto molti partecipanti al Gran Premio del Luogo Comune Lo ribadisco di nuovo, non per gli zerotreini, che essendo faziosi, capiscono bene, fingono soltanto. Ma per gli altri: Per me il maggior responsabile di questo crollo Toro è Urbano Cairo. lo spiego meglio Per me il maggior responsabile… Leggi il resto »

Valentino
2 mesi fa

Mimmo, Mimmo….stavolta sei stato davvero bravo, non avrei mai creduto che ci fossi tu dietro questa identità.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  Valentino

Non sono Mimmo.

Ma se non mi credi non ci sono problemi

Trapano
2 mesi fa
Reply to  Valentino

Beccato.. 👍🏻

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  Trapano

tu trapani sempre molto storto ultimamente, e oltretutto dimostri di avere poca memoria Ci manca che tra poco ti metti il cappuccetto: sei sempre piu simile. Io ti facevo diverso. forse sbagliavo? PS però è un avanzamento: da elemento di disturbo della direzione, a stipendiato da Cairo, a mimmo. In… Leggi il resto »

Trapano
2 mesi fa

Vagnati, è scarso, incapace, senza idee, ok,ma non l’ho scelto io.. Giampaolo è sopravvalutato, pluri esonerato, ok, ma non l’ho scelto io.. Rincon non è un regista, ok, ma non ci sono alternative.. non è colpa mia Ansaldi è sempre rotto, è bollito, ormai è a fine corsa.. ok, ma… Leggi il resto »

Filippo Bull
Filippo Bull
2 mesi fa
Reply to  Trapano

Già…….👏👏👏

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  Trapano

come detto in principio: il maggior responsabile: Urbano Cairo Però: “Vagnati, è scarso, incapace, senza idee” “Giampaolo è sopravvalutato, pluri esonerato” + I giocatori tutti non stanno rendendo per quanto prendono Questo si può dire? Sono critiche da fare, oppure per dire, un inkulo qualunque può rubare lo stipendio ammutinandosi?… Leggi il resto »

Trapano
2 mesi fa

Ma te sei sempre in mezzo come il prezzemolo ?

granataenientepiu
granataenientepiu
2 mesi fa
Reply to  Trapano

E’ pagato per far questo. Rispetto per il lexxaxuloseriale a 0,50€ a post 🤷‍♂️

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  Trapano

non preoccuoarti.
rispondi nel merito o passa ad altro no?
io di solito faccio cosi

Trapano
2 mesi fa

Guarda che sei te che mi sei venuto dietro eh.. io non ti devo niente..

Simone4Toro
Simone4Toro
2 mesi fa
Reply to  Trapano

Urbano Cairo.

Il ciclo di vita del Torino FC: siamo al declino

Toro, la dirigenza è assente: ma i tifosi siano vicini a Nicola