La sportività non c’è più. Lotito, Inzaghi, Tare, assieme a Scaroni, Giulini, Setti e Percassi si sono mostrati antisportivi

Dopo un periodo di pausa per motivi personali, torno a scrivere in un contesto che definire triste è poco. E’ stato scritto ovunque come la gestione del caso Lazio -Torino sia stato un qualcosa di grottesco. La S.S. Lazio ha fatto bene a recarsi allo stadio il giorno della gara, onde evitare sanzioni. Tuttavia le dichiarazioni di Inzaghi post Bologna – Lazio in cui ha affermato “Il Torino sarà riposato” per non aver giocato contro il Sassuolo, senza nemmeno considerare gli allenamenti non fatti, le parole di Lotito in cui proponeva che il Toro giungesse a Roma con la Primavera, dopo che i ragazzi di Cottafava hanno giocato lunedì la gara in casa del Bologna, le dichiarazioni prematch di Tare, che ha puntualizzato come la Lazio abbia rispettato il protocollo e, dulcis in fundo, il video diffuso sui social con l’undici titolare pronto a scendere in campo, ha reso tutto molto sgradevole.

Ovviamente il dito va puntato contro Dal Pino e la Lega, con una visione miope e ottusa di tutta la vicenda. Dire “purtroppo c’è il precedente di Juve – Napoli” equivale a dire che purtroppo la Lega non può fare come gli pare! Ed in effetti no, la Lega non può fare come gli pare, ma deve comportarsi come un soggetto giuridico che deve sottostare alle prescrizioni di legge di autorità gerarchicamente superiori. Esattamente come lo è la ASL. Per non parlare della pagliacciata della convocazione del Consiglio di Lega di urgenza per far decidere poi di non rinviare la gara. Tanto valeva non convocarlo! Stendendo un velo pietoso sulla la figura di Lotito, vogliamo parlare dei presidenti del Milan, Paolo Scaroni, del Cagliari, Tommaso Giulini, del Verona, Maurizio Setti e dell’Atalanta, Antonio Percassi, i quali, unanimemente, hanno votato per non rinviare la gara? Vorrei tanto chiedere loro, che si trincerano dietro al rispetto del protocollo, cosa avrebbero fatto se fosse stata la loro squadra nei panni del Torino? Avrebbero rispettato il protocollo o avrebbero rispettato la quarantena imposta dalla ASL?

Vogliamo parlare del procollo? Bene, nella settimana che ha visto esplodere i contagi in casa granata, non è stato mai rispettato. La gara è stata rinviata non su richiesta dei granata (dunque non si è usufruito di alcun bonus), ma è stata una decisione ovvia poiché era intervenuta la ASL. Perché oltre a tutelare i giocatori del Toro, andavano tutelati tutti i soggetti che avrebbero avuto a che fare con i granata, in primis i giocatori del Sassuolo! Inoltre il protocollo prevedeva la possibilità di richiedere il bonus in caso di dieci positivi da Covid-19, mentre il Torino ne aveva solo otto, ma di variante inglese! Allora se la decisione di non rinviare la gara di martedì è quella più giusta, il Sassuolo dovrebbe chiedere spiegazioni sul perché sia stata rinviata la loro gara di venerdì visto che, da protocollo, si poteva giocare.

La verità è che si è perso ogni valore relativo allo sport. La sportività non c’è più. Lotito, Inzaghi, Tare, assieme a Scaroni, Giulini, Setti e Percassi si sono mostrati antisportivi. E questa è la cosa che più fa male. Citando il mio correggionale, Maccio Capatonda, i vertici della Lega di Serie A e i suddetti signori presidenti hanno assunto un atteggiamento da “Ma che me ne frega a me, io c’ho il diesel!”, guardando esclusivamente al proprio orticello, senza capire che in realtà ci perde tutto il calcio, compresi loro. La giornata di martedì è stata un duro colpo a questo sport e se la giustizia sportiva non dovesse porre riparo a questo corto circuito innescato da incompetenti, molti sarebbero spinti davvero a non seguire più qust teatrino perché totalmente schifati. Ma non per il Toro, ma per il principio che si debba giocare ad armi pari, senza pensare di prevaricare l’avversario ad ogni costo, anche quello più meschino… vero Lotito?

L’assurdità è che c’è da imparare da Sanremo! Cosa c’entra? Da regolamento Filippo Maria Fanti, alias Irama, sarebbe dovuto essere escluso dal Festival poiché non poteva gareggiare a causa di due positivi nel suo entourage. Con una modifica al regolamento e con il benestare di tutti i concorrenti in gara, è stato consentito al cantautore di Carrara di gareggiare con il video delle prove generali. E ora Irama è dato addirittura tra i favoriti per la vittoria del Festival di Sanremo 2021. C’è più sportivita a Sanremo che nella Lega di Serie A. A questo punto aspetto con ansia che cadano le teste che devono cadere e che Lotito, dopo i danni creati assieme a Tavecchio, sparisca al più presto dal calcio italiano.

Paolo Dal Pino, presidente della Lega serie A
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 04-03-2021


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
michelebrillada
michelebrillada
1 mese fa

è squallido pensare che quattro presidenti abbiano firmato in modo da fare spendere dei soldi inutilmente per forzare di fare giocare la gara quando l’asl ha intimato al torino di non partire prima della fine della quarantena di martedi 02/03/2021 alle ore 24 circa queste persone (oltre ai presidenti su… Leggi il resto »

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
1 mese fa

Beh…intanto,complimenti a chi ha votato in quel modo,cari presidenti avete toccato davvero il fondo,una banda di esseri indegni e antisportivi,dovreste VERAMENTE vergognarvi,bell’ esempio di sportività e correttezza.Dimostrazione lampante che nel mondo del calcio,al peggio non c’è fine…

Toro Toro Toro
Toro Toro Toro
1 mese fa

Questo calcio ormai fa sky..fo!

Toro, con Nicola stai riscoprendo il tuo DNA

Crediamo nella salvezza, lottiamo per la sopravvivenza