Il punto sull’arbitro di Torino-Juventus: sei ammonizioni nella stracittadina diretta dal fischietto campano

Tanto daffare ma pochi episodi delicati particolarmente controversi per Fabio Maresca, arbitro della sezione AIA di Napoli, designato per il 185° derby della Mole. La direzione è stata uniforme e la partita, per essere un derby, è stata tutto sommato fluida e corretta. Tuttavia a tratti gli è sfuggito qualcosa e ha dimostrato un po’ di nervosismo e paura di sbagliare tanto che ha usato i cartellini più per veniali proteste che per interventi fallosi, alcuni dei quali peraltro non visti. Tra questi quello al 17’ con un colpo di Zapata sullo stomaco di Gatti che aveva provocato il colombiano e poi, dopo il colpo, era rimasto a terra dolorante richiamando l’attenzione dell’arbitro: dalle immagini si vede il difensore che si avvicina urtando provocatoriamente l’avversario e questi che reagisce con una sbracciata sull’addome; si tratta di un episodio non violento sul quale nulla può il VAR ma che se l’arbitro avesse visto dal campo avrebbe dovuto punire con un calcio di punizione e magari un’ammonizione per Zapata. Al 22’ la fa franca Locatelli che entra in tackle su Sanabria travolgendolo. Al 38’ in area bianconera scontro tra i due compagni di squadra Gatti e Locatelli e l’arbitro ferma correttamente il gioco per verificare le condizioni dei due giocatori che si erano colpiti con la testa. Al 44’ la prima ammonizione (sacrosanta) è per Gatti che entra in gioco pericoloso colpendo con il piede Buongiorno al volto in area granata mentre nel giro di pochi secondi, nel corso del recupero, Maresca non è per niente indulgente con Ricci che, essendo diffidato, salterà la prossima gara e Vojvoda che protestano con l’arbitro per le sue decisioni.

Al 47’ Zapata porta in vantaggio i granata ma l’arbitro ferma tutto per una precedente spinta di Bellanova su Kostic che esagera la portata dell’intervento del difensore. Al 51’ lo stesso Kostic entra in tackle a piedi uniti su Ricci proprio sulla linea laterale del terreno di gioco ma Maresca ed il suo assistente non vedono nemmeno il fallo (che avrebbe portato all’automatica ammonizione del serbo). Al 69’ cartellino giallo per Cambiaso che trattiene Vojvoda ed al 76’ stessa sorte per Linetty (dopo il vantaggio concesso agli ospiti) per un fallo al limite dell’area juventina su McKennie. Particolarmente fiscale nel finale: all’87’ viene espulso l’allenatore granata Juric per proteste, al 95’ punisce severamente uno spalla contro spalla Okereke – Bremer ed al 96’ ammonisce Paro sempre per proteste. Ventinove falli fischiati, un’espulsione, sei ammonizioni (delle quali la metà per proteste) concesse e tre risparmiate il bilancio di giornata dell’arbitro partenopeo che aveva già diretto il derby nell’estate del 2020. Quello complessivo con i granata è invece di 6 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte.

arbitro Fabio Maresca
arbitro Fabio Maresca
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-04-2024


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
R2D2
1 mese fa

Debole con le Grandi, forte con le mediocri squadre di Cairo

Empoli– Torino, Massa senza problemi

Torino-Frosinone, semplice per Rapuano