Sul gol del 2-1 l’impressione è che il portiere granata non venga ostruito nella visuale: oltretutto Milinkovic-Savic nemmeno protesta

È stato un battesimo sfortunato quello di Manuel Volpi con il Torino che ha perso in casa contro il Cagliari dell’ex Walter Mazzarri. Ciononostante la gestione della gara è stata comunque positiva e priva di casi determinanti se si eccettua un dubbio sulla posizione di offside di Pavoletti in occasione del gol di Deiola. Per la cronaca l’arbitro della sezione AIA di Arezzo ha avuto un approccio equilibrato riguardo gli interventi fallosi fischiando il giusto, concedendo opportunamente il vantaggio ed evitando di estrarre cartellini: il primo al 40’  ai danni di Lovato autore dell’ennesimo fallo su Belotti. Lo stesso difensore sardo rischia quattro minuti più tardi per un altro intervento su Belotti ma ad ogni modo non c’erano gli estremi per una seconda ammonizione. 

Il 2-1 regolare

Al 51’ ammonito Pobega per ostruzione su Bellanova, due minuti dopo Dalbert entra duro su Belotti ma la fa franca. Al 62’ sul tiro di Deiola che frutta al Cagliari il gol vittoria Pavoletti è al di là dell’ultimo difendente del Torino (Djidji): la posizione è evidente ma dal campo arbitro e assistente convalidano e il VAR Nasca  non interviene per segnalare alcunché all’arbitro. In realtà va considerato se Pavoletti si trova sulla traiettoria del tiro (sulla linea che congiunge idealmente palla e portiere) e quindi ostruisce la visuale di Milinkovic-Savic; le immagini dal retro della porta lasciano qualche dubbio ma l’impressione è che il portiere granata non venga ostruito nella visuale (sebbene occorra considerare che anche un movimento del giocatore possa comunque disturbare l’estremo difensore). Ad ogni modo Milinkovic Savic stesso non protesta e, per quanto ciò conti nulla ai fini del regolamento, è comunque sintomatico del fatto che non si sia reso conto di essere stato “disturbato” da Pavoletti. 

Al 74’ viene ammonito Goldaniga, anche in questo caso per un intervento scorretto su Belotti. Al 79’ sulla linea dell’area di rigore granata c’è un contatto tra Singo e Grassi ma è quest’ultimo che rallenta per cercare il contatto (che il granata fa di tutto per evitare) e fa bene Volpi a lasciar proseguire. Al 90’ viene ammonito Pavoletti per comportamento non regolamentare su Milinkovic Savic, al 91’ cartellino giallo per Singo che colpisce al volto con una manata Joao Pedro ed al 94’ ammonito Dalbert, anche in questo caso per aver ritardato le operazioni di gioco.

Promosso dunque il direttore di gara toscano per questa prima assoluta con il Torino anche se nel corso della ripresa il gioco è stato piuttosto spezzettato. 

Pallone Serie A
Pallone Serie A
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 28-02-2022


38 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
maurygranata
maurygranata
2 mesi fa

Il loro secondo gol era da annullare punto e basta. Pavoletti si sposta essendo in fuorigioco, c’è una ripresa negli highlights mi pare di Mediaset che riproducono il gol riprendendo da dietro chi calcia e si vede chiaramente che è in traiettoria e si sposta, senza ombra di dubbio. Forza… Leggi il resto »

policano68
policano68
2 mesi fa

Se ripensiamo al goal annullato a Belotti dove Pobega è dietro al Gallo per cui non intralcia ne visuale del portiere ne impedisce al difensore di intervenire è tutto chiaro. Non aggiungo altro. Certo che contiamo quanto il 2 di picche quando briscola è cuori ma non è una novità.… Leggi il resto »

tric
tric
2 mesi fa

Ai tempi belli del calcio se un giocatore ne aveva davanti solo più uno avversario era fuori gioco: semplice e incontestabile. Adesso gli arbitri possono assumere decisioni “arbitrarie” a beneficio di chi vogliono. Fuorigioco passivo, attivo, VAR, millimetri: dov’è finito lo sport?

Massa arbitra un derby all’inglese

Bologna-Torino, Massimi soprassiede sul mani di Medel