Udinese-Torino, Abisso ammonisce sei giocatori, ma su Laxalt... - Toro.it

Udinese-Torino, Abisso ammonisce sei giocatori, ma su Laxalt…

di Carlo Quaranta - 21 Ottobre 2019

Il punto sull’arbitro Abisso che ha diretto la sfida dell’ottava giornata tra Udinese e Torino terminata con la vittoria dei friulani per 1-0

Si interrompe alla Dacia Arena di Udine la striscia positiva che vedeva il Torino imbattuto in campionato (unico KO in Coppa Italia contro la Fiorentina nel gennaio scorso) con l’arbitro Rosario Abisso della sezione AIA di Palermo. Quella tra granata e bianconeri friulani è stata una partita fisica che Abisso ha gestito con qualche difficoltà (e qualche inevitabile incongruenza) e ricorrendo ad un discreto numero di cartellini: sono stati sei gli ammoniti della gara ed il primo a finire sul taccuino del direttore di gara è stato Lukic autore di un intervento in ritardo su Jajalo a metà campo. Al 36’ un’azione di gioco piuttosto “maschia” si conclude in area friulana, i protagonisti sono Laxalt e Opoku che terminano entrambi a terra dopo un contatto prolungato nel quale è il giocatore ghanese ad allargare il braccio sul volto dell’esterno granata (non una gomitata ma un modo per rallentare la corsa dell’uruguaiano più veloce ed in vantaggio). Potrebbero esserci gli estremi per il penalty a favore del Torino ma Abisso fischia inspiegabilmente fallo a favore dei padroni di casa e annullando così la possibilità di intervento del VAR. Al 40’ la seconda ammonizione della gara è per Jajalo per un intervento in ritardo su Rincon.

La direzione di Abisso

Al 55’ inevitabile cartellino giallo anche per Laxalt per una trattenuta su Mandragora nei pressi dell’area bianconera. Al 57’ ammonito anche Izzo che ferma con un fallo di ostruzione Sema in ripartenza. Al 72’ un’entrata irruenta in scivolata di Becao su Ansaldi avrebbe meritato certamente qualcosa di più che una semplice rimessa laterale a favore dei granata, lo stesso Becao viene poi ammonito due minuti più tardi per condotta non regolamentare (prova a far ripartire il gioco battendo un calcio di punizione da una zona diversa e con un secondo pallone in campo). All’80’ l’ultimo cartellino giallo del match è per Okaka per un fallo di reazione su Lyanco. All’86’, infine, un tiro di Falque viene deviato da Troost Ekong con un braccio assolutamente aderente al corpo e dunque non sono ravvisabili estremi per la concessione della massima punizione.

La direzione complessiva di Abisso è stata sufficiente considerata la difficoltà di una partita molto fisica e le ammonizioni comminate ai sei giocatori ci stanno. Resta tuttavia qualche dubbio su quell’interpretazione in area friulana nel primo tempo che avrebbe meritato quantomeno un approfondimento ma che il fischietto siciliano ha deciso di risolvere salomonicamente annoverando probabilmente l’episodio nell’ambito delle scorrettezze reciproche e premiando – come di solito avviene – il difendente, evidentemente sbagliando in tal caso.

Il bilancio sin qui positivo di Abisso col Torino subisce una brusca battuta d’arresto: dopo cinque vittorie e un pareggio ieri è arrivata la prima sconfitta in serie A.

più nuovi più vecchi
Notificami
poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

siamo d’accordo che manca il gioco,ma se i rigori ci sono bisogna darli.

mas63simo
Utente
mas63simo

La verità è che Mazzarri ha fatto più cagare dell arbitro!

jerry
Utente
jerry

Dai su e ora diamo la colpa all’arbitro che non ci ha dato il rigore su Laxalt, attacchiamoci a tutto pur di screditare giocatori ma sopratutto il signor Mazzarri, è ora di cambiare aria mister , perdere potrebbe starci bene creando occasioni ma neanche con la lente d’ingrandimento ci sono… Leggi il resto »

Vegeta
Utente
Vegeta

Stiamo giocando male, vero, però se ci sono i rigori si danno…. rigore non dato con il lecce; rigore non dato ieri e fallo sul goal della Samp. Ammesso che i rigori si segnino sono 3 punti in meno che cambierebbero totalmente la prospettiva della ns classifica.