Torino-Chievo, per Chiffi direzione di gara deludente

di Carlo Quaranta - 27 Novembre 2016

Il punto sull’arbitro / Chiffi non convince, sbaglia tanto e scontenta sia il Toro che il Chievo

Al “Grande Torino” la partita tra i padroni di casa ed il Chievo Verona è stata costellata da numerosi episodi controversi che l’arbitro del match, il patavino Daniele Chiffi, non ha gestito al meglio finendo per scontentare tutti. Come negli altri due precedenti con i granata, il 32enne fischietto veneto si è dimostrato arbitro incline al lasciar correre il gioco. Il problema è che, iniziando con questo metro di giudizio, lo ha poi utilizzato per tutta la partita con esiti deleteri: già al 4’ viene fermato in posizione di fuorigioco Belotti ma il pallone era stato intercettato prima da Dainelli col braccio ed in quel momento la posizione irregolare non era stata ancora ravvisata per cui avrebbe potuto fischiare precedentemente il fallo del clivense.

Al 13’ il primo episodio di spessore: Ljajic, dopo un uno-due con Benassi, entra in area e termina a terra dopo esser stato toccato da dietro da Cacciatore il quale subito dopo lo invita a rialzarsi in modo poco sportivo. Ljajic reagisce avventandosi sul difensore di Maran mettendogli le mani addosso, Chiffi vede tutto ed estrare solo il cartellino giallo nei confronti del serbo ma poteva starci sia il penalty per il Torino che il cartellino rosso per Ljajic e quello giallo per Cacciatore. Al 15’ anche Belotti reclama un calcio di rigore per una spinta in area ma in questo caso Chiffi fa bene ad ignorare. Al 24’ viene ammonito Dainelli per un fallo al limite dell’area su Belotti e sul susseguente calcio di punizione battuto da Ljajic il pallone viene deviato dalla barriera clivense con un tocco di braccio che pare fortuito e così anche in questo caso per l’arbitro non vi sono gli estremi per il penalty. Al 30’ viene graziato dall’ammonizione De Guzman per un fallo netto su Belotti e sul primo gol di Falque al 35’, sul cross di Barreca c’è la posizione irregolare di Castan valutata come ininfluente (di fatto il difensore brasiliano cerca di partecipare all’azione ma non disturba Sorrentino).

Al 48’ rischia l’ammonizione Baselli per fallo tattico sulla trequarti, al 56’ invoca il rigore Cacciatore per un’entrata in scivolata piuttosto ingenua e pericolosa di Barreca in area. Il granata prende il pallone ed inevitabilmente tocca anche il clivense che aspetta astutamente il contatto accentuando la caduta, l’arbitro e l’assistente Massa, a due passi, lasciano correre anche stavolta. Più clamoroso, invece, l’episodio che giunge al 59’ allorquando un colpo di testa di Pellissier viene intercettato col braccio largo da Barreca: in questo caso il rigore ci stava tutto anche se occorre considerare la posizione dubbia dell’attaccante al momento del cross.

Al 64’ giustamente ammonito Castan per un’entrata in scivolata a gioco fermo su Meggiorini il quale un attimo prima era entrato altrettanto malamente su Belotti causando il calcio di punizione. Al 72’ giusta la segnalazione di offside per Inglese su cross di Cacciatore. Al 76’ un netto corner a favore dei granata viene trasformato in rimessa dal fondo a favore degli ospiti (l’ultimo tocco era stato di Dainelli, non di Belotti). All’82’ viene graziato il neo entrato Jallow che ferma irregolarmente da dietro Ljajic. All’87’ Cacciatore, sempre particolarmente su di giri spintona dapprima Belotti e poi persino l’arbitro Chiffi per velocizzare la ripresa del gioco e la fa franca. Due minuti dopo però il direttore di gara, seppur tardivamente, non può esimersi dall’espellere il facinoroso terzino gialloblu per reiterate proteste dopo un fallo su Castan.

Terzo incrocio tra l’arbitro Chiffi ed i granata e prima vittoria per la compagine del Presidente Cairo dopo due pareggi nei precedenti con Genoa (nella scorsa stagione) ed Empoli (in quella attuale).

più nuovi più vecchi
Notificami
Bischero
Utente
Bischero

3 barreca falcia cacciatore.si…magari tocca anche la palla.(cosa fra l altro non mostrata dalle telecamere)ma è normale con quell irruenza colpire anche il pallone.l intervento deve essere pulito sul pallone. Infatti sul giallo a castan a fine gara l arbitro fa bene.il centrale colpisce anche la palla nel suo intervento… Leggi il resto »

Bischero
Utente
Bischero

Ci sono delle inesattezze…1.nel momento in cui dainelli tocca il pallone con la mano al 4 minuto belotti viene ravvisato in fuorigioco.nel momento in cui parte la palla l azione va fermata.tutto quello che avviene dopo è gioco fermo.2 castan è in fuorigioco e va per colpire la palla e… Leggi il resto »

angelo62
Utente
angelo62

in realtà sul fuorigioco fischiato, Belotti sta corricchiando per conto suo e non si interessa del pallone se non dopo che è stato deviato dal giocatore clivense: ergo fuorigioco inesistente

Bischero
Utente
Bischero

L ho rivisto ora…belotti è fermo o quasi.il pallone va a lui che parte in posizione di fuorigioco di rientro…

angelo62
Utente
angelo62

si ma si disinteressa e si muove solo dopo il mani di dainelli. Poi possiamo discutere sull’opprtunità di fuorigioco attivo o passivo, ma fintanto che è così, questo non è fuorigioco

poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

non mi sembra rigore il primo e sul secondo il loro attaccante è in fuorigioco.a parte questi episodi cmq l’arbitro non mi è sembrato all’altezza.

X