Lazio, cosa rischia per il caso tamponi: dalla multa alla retrocessione

Scandalo Lazio: ecco cosa rischia il club

di Redazione - 8 Novembre 2020

Caos tamponi: la Lazio ora rischia grosso sia dal punto di vista sportivo che da quello penale. Intanto il Toro presenta un secondo esposto

Non si placa il rumore intorno alla vicenda Lazio, anche perché con il passare dei giorni e delle ore emergono dei dettagli sempre più inquietanti che rendono la posizione del club biancoceleste molto difficile. Anche il Toro (che nel frattempo ha presentato alla Procura Federale un secondo esposto, ancora per fare chiarezza) aspetta di capire quello che emergerà dalla possibile inchiesta sul club di Lotito: quello che di più grave ha questa vicenda non è solamente il danno sportivo – che resta e che non è comunque da considerare solo collaterale – ma le implicazioni penali. Ecco perché ieri la Procura della Repubblica, attraverso investigatori della giudiziaria, ha fatto visita a Formello: non si deve arrivare fino in fondo solamente per un 3-0 a tavolino, che sarebbe giusto se fosse messa in luce una “frode sportiva”, quanto per le conseguenze della cattiva condotta e gestione dei casi covid.

Lazio, 3-0 a tavolino o esclusione: i rischi sportivi

Ma cosa rischia la Lazio? Molto dipenderà dal riconosciuto (o meno) dolo da parte del club e del suo staff medico. Dal punto di vista sportivo si va dal minimo di un’ammenda, fino ad arrivare anche alla possibile esclusione dal campionato, alla penalizzazione in classifica o alla retrocessione in Serie B. Dipenderà, come detto, dall’accertamento delle responsabilità del club e dal “rischio per la salute dei calciatori, degli staff, degli arbitri e di tutti gli addetti ai lavori esposti al contagio da Covid-19, nonché dall’accertata volontà di alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o competizione”. Questo recita l’articolo 8 delle norme che regolamentano casi come questi, norme che risalgono all’8 giugno scorso e che riguardando proprio i casi di Covid dopo l’attuazione del protocollo.

Tamponi Lazio: i rischi penali

Ci sono poi conseguenze dal punto di vista penale. Nel caso specifico, se un calciatore positivo – qui si parla di tre biancocelesti risultati prima positivi, poi negativi prima del Toro, poi di nuovo positivi – viola l’isolamento, allora il datore di lavoro deve risponderne. Si va dal rischio di arresto da 3 a 6 mesi ad una ammenda tra i 3 mila e i 7 mila euro. Rischi corsi anche dal responsabile sanitario. Più grave invece sarebbe l’accusa di epidemia colposa.

Pereira festeggiato dopo il gol di Torino-Lazio
Pereira festeggiato dopo il gol di Torino-Lazio

9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
T
T
20 giorni fa

Beh, se posso scegliere, non ho dubbi: cedo volentieri il 3 a 0 a tavolino, e scelgo senza indugio l’arresto di Lotito! Purtroppo è solo un sogno

rotor
rotor
20 giorni fa

Finira’ con una multa,intanto hanno pareggiato all’ultimo secondo del recupero col solito lato B.

Ultrà
Ultrà
20 giorni fa

vedremo se nel penale…finisce a tarallucci e vino…