De Laurentiis attacca la Juve: “Pensar male è inevitabile, sospetti sui campionati non solo miei”

di Andrea Piva - 2 Marzo 2019

Alla vigilia di Napoli-Juventus il presidente partenopeo, Aurelio De Laurentiis, attacca i bianconeri: “La ferita dello scudetto dello scorso campionato è ancora aperta”

Napoli-Juventus è una delle partita più calde e attese del campionato da diverse stagioni. A rendere ancora più infuocato il clima alla vigilia del match di domani al San Paolo ci ha pensato Aurelio De Laurentiis, il numero uno della società partenopea. In un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, il presidente del Napoli ha lanciato alcune accuse sulla non totale regolarità dei campionati di serie A degli ultimi anni con dei riferimenti all’operato della classe arbitrale e alla Juventus.

Napoli, De Laurentiis: “Di dubbi ne ho avuti tanti nella passata stagione”

A proposito della corsa per lo scudetto dello scorso anno tra il suo Napoli e appunto la Juventus, vinta poi dai bianconeri, De Laurentiis ha dichiarato: “Le ferite, quando sono profonde, restano nell’anima e non nella carne. E quella è aperta e lo resterà per un po’, penso. Che gatta ci covi, sulla conduzione dei campionati, è un sospetto di parecchi, mica il mio. E che ciò sia un male comune diffuso in altri tornei, è un fatto. Però vorrei fosse chiaro un aspetto: il Var è stato istituito per evitare errori arbitrali. E se non viene usato con coscienza, pensar male è inevitabile. E di dubbi ne ho avuti tanti nella passata stagione”.

più nuovi più vecchi
Notificami
Zaccarelli
Utente
Zaccarelli

Bèh delametiis, non é certo mister simpatia, però non posso non essere dalla sua parte.
Nell’articolo si parla di ultimi anni di campionati falsati, la storia dice addirittura dagli anni 20 ( praticamente un secolo) Fino a che non estirperemo quelli che sono il cancro, non se ne uscirà.

GranataDentro
Utente
GranataDentro

Cairo aveva gia parlato. E bene. Se parlassero tutti. Tutti i presidenti delle altre società oltre la gobba, qualcosa si muoverebbe. Forse