Vincenzo Montella presenta la sfida tra Milan e Torino, quella che aprirà il campionato di granata e rossoneri domani alle 18 a San Siro

Iniziata la conferenza stampa di Vincenzo Montella alla vigilia di Milan-Torino, in programma domani alle 18. “Per me essere qui è un motivo di grande orgoglio, la stessa sedia che ha visto seduti qui Allegri ed Ancelotti, per citare solo gli ultimi. Perdonate un pizzico di emozione: anche gli allenatori hanno emozioni alla vigilia di un campionato”. 

“Ora si fa sul serio, non c’è spazio per prove. Dobbiamo giocare per il risultato, portando avanti il lavoro svolto, senza distrazioni”. 

Sulle polemiche con i tifosi: “Sicuramente il tifoso del Milan ha ragione dopo gli ultimi anni, è difficile per tutti. Con sacrificio e senso di appartenenza faremo riavvicinare i nostri tifosi, che sono valore aggiunto e devono essere. Anche questo è un obiettivo”.

“Ho tanta fiducia sui ragazzi, dobbiamo lavorare su noi stessi prima che contro gli avversari”. 

Sulla sfida col Toro: “Il Torino ha cambiato calciatori, modulo. Sinisa è un allenatore che riesce a trasmettere temperamento, questa è anche la mia base di partenza. Lui ha lasciato qualcosa di buono, ci aspetta una squadra che sul piano del temperamento sarà forte”. 

Tornerà un Mihajlovic arrabbiato: “Se sarà incavolato alla fine vorrà dire che ha perso…questo mi stimola (ride, ndr)”.

“Un allenatore da solo non può fare miracoli, serve coesione con società e giocatori. Tutti devono lavorare insieme e per il Milan. Abbiamo una struttura eccezionale, c’è tutto per fare bene”. 


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ug69
ug69
5 anni fa

E noi ti trasmettiamo due siluri in fondo al sacco…..ciao ne

granatadellabassa
granatadellabassa
5 anni fa

Caro Montella, andando al Milan hai fatto una pirlata. Società allo sbando in attesa che i nuovi padroni scelgano un mister di fiducia e mettano un po’ di soldi sul mercato.

cerci68
cerci68
5 anni fa

Pensate se capitava qua al toro non avere le tute In questo sito cosa non si diceva Qui ci lamentiamo sempre Sempre a pensare a un calcio che non esiste più il Filadelfia meroni pulici ecc Tra poco faranno una super lega europea dove andranno solo i ricchi E noi… Leggi il resto »

maraton
maraton
5 anni fa
Reply to  cerci68

purtroppo è così. il football è morto. ora al suo posto vive businnesball. e noi ne siamo fuori. irremediabilmente

Serie A, abolita la tripla sanzione: le novità regolamentari

Milan, i convocati: out Sosa e Lapadula