Preziosi risponde ai tifosi del Genoa e allo sciopero

Preziosi ai tifosi: “Io più stanco di voi, Genoa in vendita da tre anni”

di Redazione - 19 Aprile 2019

Al Secolo XIX Enrico Preziosi, presidente del Genoa, ha risposto ai tifosi che contro il Toro faranno sciopero

Il Secolo XIX ha intervistato il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, dopo la dura presa di posizione dei tifosi, che ieri attraverso un comunicato hanno annunciato lo sciopero che avverrà proprio durante Genoa-Torino. “Basta parlare di magheggi, il bilancio del Genoa è sano e a disposizione di tutti. Nominino un commercialista e lo analizzino. Oppure tacciano per sempre. Non tollererò più accuse di questo tipo”, ha detto. Sull’invito del tifo a lasciare ha detto: “È inutile continuare a dire vattene, sono più stanco io di loro, devo andare via. Sono almeno tre anni che il Genoa è in vendita ma il problema è che per andare via deve presentarsi un soggetto serio in grado di prendere il mio posto. Se si presenta gli lascio il Genoa, fatti i dovuti controlli per capire se ha intenzioni serie, il giorno dopo. Se questo non accade, devo andare avanti per senso di responsabilità”.

Enrico Preziosi e il Genoa: “Il bilancio? Chiuderemo con perdite zero”

Preziosi ha anche risposto alle accuse di chi pensa che il presidente del Genoa abbia intascato i soldi delle cessioni e delle plusvalenze: “Devono smettere con queste falsità. Il bilancio 2018 sarà disponibile a breve, l’anno scorso abbiamo chiuso con una perdita di 11-12 milioni, mentre quest’anno chiuderemo con perdite praticamente a zero. Entro fine anno abbatteremo definitivamente il debito fiscale. Ripeto, il bilancio è sano e basta parlare di magheggi o isole Cayman. Le plusvalenze servono a mettere in sicurezza il bilancio, come dimostrano i numeri che abbiamo”, ha detto Preziosi al Secolo XIX.

“ll bilancio è a disposizione da lunedì prossimo, lo analizzino e vedranno qual è la situazione. Li aspetto, non ho paura di nulla. Se non lo fanno tacciano per sempre. Dicono che io sono il male del Genoa ma ci ho messo tanti soldi e ho garantito 12 anni di A. E poi sarei io il male del Genoa, secondo loro”.

Sulla contestazione: “Il mister non capisce tutta questa situazione, non capisce perché i tifosi lascino sola la squadra in una partita così importante. Sono con allenatore e squadra, manteniamo i nervi saldi”.