Top e Flop della 24a giornata: l'Atalanta non perde un colpo, la Samp rimonta

Top e Flop della 24a giornata: l’Atalanta non perde un colpo, la Samp rimonta

di Marco Sangiorgio - 15 Febbraio 2017

I bergamaschi passano agevolmente anche a Palermo, la Sampdoria ribalta il risultato in dieci minuti. Inglese regala i tre punti al Chievo

La classifica ha assunto ormai una fisionomia ben definita: c’è chi lotta per l’Europa, chi prova a raggiungere una salvezza che sa di impresa, chi invece non ha obiettivi raggiungibili e si accontenta di pensare partita dopo partita. L’Atalanta è tra quelle che può credere in un piazzamento europeo, la Sampdoria e il Chievo, invece, non hanno obiettivi, se non quello di conquistare la parte sinistra della classifica. I bergamaschi hanno battuto nettamente un Palermo in crescita e non sembrano volersi fermare. La Sampdoria ha saputo ribaltare in dieci minuti una partita che stava scivolando via, mentre il Chievo si è confermata squadra solida e imprevedibile. Deludono Sassuolo e Udinese, cade ancora una volta nei minuti finali il Bologna
Ecco i Top e Flop della giornata di campionato:

TOP

Atalanta: La Dea non si ferma, l’Europa non è più soltanto un sogno. A Palermo non è stata una partita scontata, ma i terribili ragazzi di Gasperini, trascinati dalla classe del Papu Gomez hanno saputo conquistare i tre punti in maniera abbastanza netta. Conti, Gomez e Cristante i marcatori. Qualità, velocità, bel gioco e tanti gol. Il tutto con una buona tenuta difensiva. L’Atalanta è la vera sorpresa di questo campionato e non ha intenzione di calare il proprio rendimento. L’Europa è lì, a portata di mano.

Sampdoria: Le vittorie in rimonta, nei minuti finali, sono le più belle. La Samp in dieci minuti ha conquistato i tre punti, in una partita che era stata molto difficile. Rigore di Muriel al 82′ per l’1-1, gol del vantaggio un minuto dopo con il neo-entrato Schick. Cinque minuti dopo l’autogol di Mbaye che ha chiuso definitivamente il match per la gioia dei tifosi blucerchiati.

Chievo Verona: Il Chievo Verona si conferma una mina vagante della Serie A. Anche il Sassuolo è caduto, in casa, sotto i colpi della squadra di Maran. Il protagonista assoluto della giornata è stato Roberto Inglese con un rigore sbagliato e tre gol. La superiorità numerica per quasi tutti i novanta minuti ha sicuramente aiutato il Chievo, ma i ragazzi di Maran hanno dimostrato ancora una volta carattere e determinazione. Difficile dominarli.

FLOP

Sassuolo: Meriti del Chievo, ma anche demeriti del Sassuolo. Letschert ha lasciato i suoi in dieci dopo appena quattro minuti e, nonostante ciò, Matri è riuscito a trovare il gol del vantaggio. Inglese sbaglia dal dischetto la rete del possibile pareggio, ma il Sassuolo non riesce comunque a domare l’impeto degli ospiti. Lo stesso Inglese (non un grande goleador) trova la tripletta e il Sassuolo cade davanti ai propri tifosi. Una partita da dimenticare

Bologna: Come per il Sassuolo, se la Sampdoria è riuscita nella rimonta lampo, grande demerito va al suo avversario. Come nell’incredibile sconfitta casalinga contro il Milan (in 11 contro 9), anche contro i blucerchiati la squadra di Donadoni non è riuscita a trovare il gol della sicurezza. E anche in questo caso ha pagato a caro prezzo la poca concretezza vedendosi rimontare in due minuti, a ridosso del novantesimo. Manca un po’ di “cattiveria”.

Udinese: Troppo facile il 3-0 della Fiorentina. La squadra di Del Neri non è quasi scesa in campo ed è caduta nettamente sotto i colpi dei viola. I bianconeri avevano le qualità per mettere maggiormente in difficoltà la squadra di Sousa.