Toro, ecco il Bologna: Poli, De Maio e ora Palacio, come cambia la squadra di Donadoni

di Francesco Vittonetto - 16 Agosto 2017

La presentazione dell’avversaria / I felsinei si presentano al via con diversi volti nuovi e la debacle contro il Cittadella sul groppone. In dubbio Verdi

Serie A, ora ci siamo davvero. Solo più due giorni e il vero protagonista tornerà ad essere il campo. Esordio al “Dall’Ara” per il Torino di Mihajlovic: avversario, il Bologna. I felsinei hanno operato più di un cambiamento nel corso della sessione estiva. Ceduto Dzemaili, uno dei pilastri della scorsa stagione, dentro Poli (e Crisetig) a centrocampo. In retroguardia, vera e propria rivoluzione: via Cherubin, Oikonomou e Ferrari, dentro De Maio e Gonzalez. Davanti qualche aggiustamento, con l’addio proprio del neo granata Sadiq (in prestito dalla Roma nella passata stagione) e gli arrivi di Falletti e Falco, quest’ultimo di rientro dal prestito al Benevento. La notizia delle ultime ore, però, è il perfezionamento dell’acquisto di Palacio, svincolato dopo l’avventura all’Inter. El Trenza prenderà contatto tra oggi e domani con la nuova realtà bolognese e potrebbe essere a disposizione in vista della sfida contro i granata.

Presenza del nuovo acquisto che potrebbe essere fondamentale, viste le numerose defezioni a cui Donadoni dovrà far fronte domenica. Ai box ci sono, infatti, Falletti, Falco e Verdi. Pesante – se confermata – sarà l’assenza dell’ex granata, vero faro offensivo della compagine rossoblù. Il problema al gomito riscontrato dopo la sfida contro il Cittadella (causato da un colpo rifilato ad un avversario che gli è costato l’espulsione) lo pone in forte dubbio per l’impegno di domenica. Ballottaggio MounierKrejci per sostituirlo sulla fascia sinistra dell’attacco felsineo, con Di Francesco sulla corsia opposta; ma il vero dilemma rimane il modulo. Donadoni ha plasmato la squadra sulla base del 4-2-3-1 nel corso del ritiro estivo. Le assenze e la prova più che deludente offerta all’esordio ufficiale contro il Cittadella (0-3 il passivo) hanno, però, portato l’ex tecnico del Napoli ad una riflessione: il ritorno al 4-3-3 non è soluzione da escludere. Davanti, in ogni caso, ci sarà Mattia Destro, chiamato (come tutta la squadra, del resto) a rialzare la testa dopo la clamorosa debacle di Coppa Italia. Il Toro, però, non farà sconti. Appuntamento al “Dall’Ara”, per la première in un clima infuocato: ai tifosi del Bologna, infatti, la pesante sconfitta della settimana scorsa non è proprio andata giù.

più nuovi più vecchi
Notificami
ale_maroon79
Utente
ale_maroon79

Eddai magnamoceli ‘sti tortellini in brodo…

RiminiGranata
Utente
RiminiGranata

Forse ci sarò…a vedere la prima…

Immer
Utente
Immer

Vogliamo tutti i tre punti dai ragazzi forza