Var ai raggi X / Dal rigore non visto in Roma-Inter della seconda giornata a quello più che generoso assegnato alla Juventus

Strumento utile che di errori ne ha impediti, e molti. Ma l’esperienza del VAR, finora, ha raccontato anche di alcuni errori piuttosto marchiani. Più che altro evitabili con un uso corretto del mezzo tecnologico. Si parte dagli errori di “inesperienza” delle prime giornate per arrivare a quelli di interpretazione. Già, perché al contrario della Goal Line Technology, la moviola non assicura certezza totale: l’errore umano, sebbene ridotto sensibilmente, non può scomparire. Ma andiamo nello specifico: ecco i cinque episodi, in ordine cronologico, più discussi delle prime dodici giornate di campionato.

1. Roma-Inter 1-3 (2^ giornata). Arbitro: Irrati, VAR: Orsato, Aureliano. Minuto undici della ripresa, risultato di 2-1 in favore dell’Inter. Perotti va via a Skriniar in area di rigore e viene steso dal difensore nei pressi della linea di fondo. Attimi di attesa, Irrati chiede aiuto ad Orsato: “Che faccio?”. L’arbitro di Schio opta per il non intervento – non ritenendo l’episodio un errore chiave, ma derubricandolo a “possibile rigore” – e Irrati concede un angolo (peraltro inesistente) alla Roma. Decisione errata: la tecnologia c’è e va usata. L’inesperienza è risultata determinante.

2. Genoa-Juventus 2-4 (2^ giornata). Arbitro: Banti, VAR: Fabbri, La Penna. La svista è clamorosa: poco dopo il 10° del primo tempo, Galabinov cade in area atterrato da Rugani. L’azione continua, ma poi Fabbri suggerisce al direttore di gara il controllo VAR. Dopo una rapida occhiata al monitor, Banti indica il dischetto assegnando al Genoa il rigore del 2-0. Né l’assistente Carbone in diretta, né Fabbri, né Banti si avvedono però della posizione irregolare dell’attaccante rossoblù al momento del passaggio in area di rigore. Il regolamento prescrive, invece, di porgere attenzione all’intero svolgimento dell’azione.

3. Milan-Udinese 2-1 (4^ giornata). Arbitro: Guida, VAR: Abisso, Minelli. A otto minuti dal 90°, Kalinic riceve un passaggio filtrante e sigla il 3-1. Poco dopo si mette in moto la macchina VAR che annulla la rete del croato per un fuorigioco di tre-quattro millimetri. Difficile valutarlo, anche con la tecnologia: questioni di inquadrature, fermi immagine, griglie da posizionare correttamente. Insomma, l’oggettività era impossibile da raggiungere. Seguendo pedissequamente i protocolli, l’off-side era da punire. Ma seguendo il buonsenso, forse, Guida e Abisso avrebbero potuto lasciar correre.

4. Fiorentina-Atalanta 1-1 (6^ giornata). Arbitro: Pairetto, VAR: Manganiello, Marini. Ultimi minuti di gioco: Berisha interviene in uscita bassa e ferma Gil Dias lanciato a rete. Il rigore appare netto, ma Pairetto lascia proseguire. Anche dalla VAR nessun intervento: Manganiello non ha giudicato l’episodio come “chiaro errore” dell’arbitro e ha sorvolato. Anche a velocità normale, però, il contatto era apparso evidente. In questo caso sarebbe stato necessario il controllo al monitor per appianare ogni dubbio: errore di collaborazione tra gli arbitri.

5. Atalanta-Juventus 2-2 (7^ giornata). Arbitro: Damato, VAR: Orsato, Ghersini. Siamo nei frangenti finali della gara e sugli sviluppi di un calcio di punizione dal limite Dybala trova la respinta della barriera bergamasca, nello specifico di Petagna. Damato non ha dubbi e indica il dischetto, salvo poi recarsi al monitor per il confronto con le immagini. I replay, però, non soddisfano l’arbitro che non cambia la decisione presa. Berisha poi respingerà il penalty, ma l’errore resta. La deviazione di Petagna, infatti, avviene con la spalla e non con il braccio.

 


16 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Sergio (Plasticone69)
Sergio (Plasticone69)
4 anni fa

Come disse anche Lapo : la VAR ha ragione , il fallo c’era….

WTORO
WTORO
4 anni fa

Ho dovuto rileggere l’articolo due volte per assicurarmi di non avere saltato i torti subiti da noi…. poi mi sono accorto che non avevo saltato nulla….. questo articolo mi ha ricordato l’esatto trattamento che subiamo quasi ogni domenica, i nostri torti sono ignorati….. e se li ignoriamo pure noi, come… Leggi il resto »

martin76
martin76
4 anni fa

Letto il titolo pensavo si parlasse dei danni subiti dal Toro e mi son detto: 5 son forse troppi. Poi ho letto l’articolo e mi son detto: ma ci siete o ci fate?

Serie A: Torino-Bologna il 6 gennaio all’ora di pranzo

Ecco il Chievo Verona, la squadra che ha fermato il Napoli