“La Bibbia della Fede Granata”, il nuovo libro di Giampaolo e Timothy Ormezzano

di Redazione - 28 Settembre 2018

Giampaolo e Timothy Ormezzano presentano “La Bibbia della Fede Granata”: un viaggio nella storia del Toro attraverso i protagonisti di ieri e di oggi

Essere del Toro è un lavoraccio sentimentale senza garanzie di successo, ma amare un’altra maglia è del tutto impossibile. Quale altra squadra ha conosciuto il tremendismo di Mazzola e l’estro di Meroni, i capolavori dei gemelli del gol e la fede della curva?” Una domanda retorica che troverà risposta nel nuovo libro che Gian Paolo Ormezzano ha scritto a quattro mani con il figlio Timothy raccontando la storia del Toro attraverso i suoi protagonisti. I campioni di ieri e di oggi, gli allenatori, gli eventi che hanno segnato, a volte in positivo a volte tragicamente, la maglia granata.

La Bibbia della Fede Granata: 50 capitoli per ricordare la storia del Toro

“La Bibbia della Fede Granata”, questo il titolo della nuova opera dei due giornalisti tifosi del Toro, è divisa in ben 50 capitoli nei quali i lettori ritroveranno campioni più o meno noti, gesta indimenticabili e personaggi che hanno reso grande non solo il Toro ma anche la sua tifoseria.

Si parte infatti dal presente, dal Gallo Belotti e da Ljajic, dai loro gol e dalle prodezze che hanno permesso ai tifosi di tornare a sognare, per finire poi con la celebrazione della Maratona e dei suoi protagonisti.

Come Enrico Cislaghi, Chiarugi o Cisley, uno dei primi in Italia ad essere stato diffidato e, purtroppo, mancato proprio pochi anni fa. Poi, non possono mancare i grandi allenatori come Giagnoni, Mondonico e Tomà e i campioni del calibro di Combin, Agroppi, Meroni, Bruno e Policano, Maroso, Bearzot e il pittore Geninetti la cui figura sarà raccontata dalle figlie. E poi non possono mancare i campitoli dedicati al derby del 3-2, agli Invincibili di Superga e al famoso rigore di Maspero.

Ma soprattutto non può mancare un capitolo dedicato al Filadelfia, Tempio di un Toro che proprio in quel campo è diventato grande e che, finalmente, ha potuto veder rinata la propria Casa.

X