Le celebrazioni del 4 maggio / A Superga il ricordo della scomparsa del Grande Torino a 68 anni di distanza da quel terribile incidente

4 maggio 1949-4 maggio 2017. Sono passati 68 anni da quel terribile incidente aereo sul colle di Superga che si portò via gli Invincibili del Grande Torino, che strappò all’affetto dei cari ma anche dei tantissimi tifosi quei ragazzi tanto forti sul tappeto verde quanto amati fuori dal campo. Capitan Valentino e compagni, imbattuti e imbattibili sul campo da gioco, con un pallone tra i piedi, in quel maledetto pomeriggio si sono arresi ad un fato crudele che li ha resi una Leggenda immortale. Come ogni 4 maggio, oggi è il giorno del ricordo di quell’incredibile squadra, dei giocatori ma anche dello staff, dell’allenatore e dei giornalisti che persero la vita sul Colle di Superga.

4 maggio 2017: la diretta da Superga

Ed è proprio a Superga che tra poche ore si ritroveranno i tantissimi tifosi, insieme alla squadra granata, per celebrare la consueta messa in ricordo del Grande Torino perchè “la tragedia non è morire ma dimenticare“. Quando mancano circa due ore all’inizio della Messa, ci sono già molti tifosi presenti al Colle, per rendere omaggio agli Invincibili.

In attesa dell’inizio delle commemorazioni e dell’arrivo della squadra granata, sul Colle di Superga ha iniziato a piovere ma questo non scoraggia di certo i tifosi granata che cominciano ad arrivare sul piazzale antistante la Basilica. A commemorare i caduti di Superga, arriva in questo momento anche Ossola che tra la commozione va a rendere omaggio agli Invincibili davanti alla lapide.
Dopo Ossola, davanti alla Basilica arriva anche Salvadori.

Il piazzale della Basilica di Superga si sta via via riempiendo con circa 500 persone in attesa di poter ricordare, insieme, gli Invincibili. E tante altre ne stanno arrivando nonostante le difficoltà di raggiungere il Colle a causa del traffico e dell’impossibilità di raggiungere la Basilica in macchina.

Ci siamo, alla Basilica di Superga è appena arrivato il Torino di Mihajlovic che, come di consueto, seguirà la commemorazione prima di recarsi alla lapide per la lettura dei Nomi. A raggiungere la squadra c’è anche il Presidente Cairo, arrivato in questo momento a Superga.

Inizia in questo istante la commemorazione del Grande Torino. Don Robella, davanti al Toro e al Presidente Cairo da inizio alla Santa Messa.
Inizia subito con un ricordo toccante, Don Robella che, dopo le letture di Molinaro e il salmo letto da Ossola, vuole commemorare un’altra grande tragedia simile a quella del Grande Torino. Si tratta dell’incidente aereo che si è portato via la squadra della Chapecoense. Dopo, rivolgendosi al Presidente Cairo: “Presidente,  lei ha programmato e ridato dignità al Toro. Sta creando un futuro, sta pensando ai più piccoli . Ora c’è da diventare grandi: quello che i tifosi vogliono è la paternità, non si è proprietari di Toro ma padri. Voglia bene ai sui ragazzi e a chi è dietro il Toro. E se qualcuno non le vuole bene, lei gliene voglia lo stesso“.

La messa è terminata, adesso la squadra si dirige alla lapide dove verranno letti i nomi degli Invincibili. E a leggere i nomi è Andrea Belotti che tra la commozione generale sta ricordando in questo momento tutti i protagonisti di quella squadra leggendaria.

4 maggio: i messaggi per il Grande Torino

Come ogni anno i messaggi in ricordo del Grande Torino piovono sui social network e sulle pagine ufficiali dei grandi ex giocatori granata, di tifosi e di società che vogliono far sentire a tutto il mondo Toro la loro vicinanza. Ad onorare la memoria degli Invincibili sono davvero in tantissimi, dal Benfica che tramite i suoi canali ricorda come “Il Benfica non dimentica. Onore al Grande Torino”, a Mauro Berruto, ex ct della nazionale di volley e granata da sempre, che onora quei formidabili giocatori elencandone i nomi come se li stesse leggendo proprio dalla lapide di Superga. E poi ancora Moreno Longo, che li celebra tramite il suo profilo twitter: “Onore al Grande Torino squadra di campioni e di uomini veri Invincibili in un calcio fatto di valori e di bandiere sempre con noi! Fvcg” come il grande Enrico Annoni per cui “Oggi giornata di memoria…Onore a Voi…INVINCIBILI”. E a pochissimi giorni dal Derby, anche la Juventus si unisce al coro di messaggi di cordoglio e commemorazione facendo sapere, tramite i suoi canali social che “Nel 68° anniversario della tragedia di Superga del 4 maggio 1949, la Juventus si unisce al ricordo dei Campioni del Grande Torino“.

4 maggio: dopo Superga ecco la Mole granata

Il ricordo del Grande Torino non si ferma certamente al lungo, lunghissimo, elenco di messaggi provenienti da ogni parte o alla tradizionale commemorazione che andrà in scena tra poche ore nella basilica di Superga. Esattamente come lo scorso anno, infatti, il Comune di Torino ha dato nuovamente il via libera alla società per illuminare di granata la Mole. Ancora una volte, dunque, il monumento simbolo della città, questa notte, si tingerà dei colori del Toro, quegli stessi colori che gli Invincibili hanno portato sulla pelle onorandoli fino alla scomparsa.


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
gigimperversi
gigimperversi(@gigimperversi)
4 anni fa

Toro toro toro torooooooooooooo!!!!!

Buffon: ” Non è concepibile profanare e violare la sensibilità di chi ha sofferto”

Grande Torino, la Mole si illumina con il simbolo del Toro