Belotti, derby con Higuain: ma bisogna battere Dzeko - Toro.it

Belotti, derby con Higuain: ma bisogna battere Dzeko

di Valentino Della Casa - 19 Febbraio 2017

Sfida a suon di gol questa sera in Roma-Torino: Belotti è al terzo posto, Dzeko al secondo. Entrambi puntano al titolo cercando di superare il bianconero

Se c’è una sfida che sicuramente sarà affascinante, all’interno di Roma-Torino (partita che lo stesso Mihajlovic ha definito davvero molto difficile), è il duello tra Belotti e Dzeko. Un duello vero, una sfida nella sfida che non porterà a esclusione di colpi da parte dei due bomber principi delle rispettive squadre, e del campionato. Ed è proprio questo il nodo della questione: il granata e il giallorosso vogliono conquistare il titolo di capocannoniere. Un’impresa non semplice, vista l’agguerrita concorrenza. Ma un’impresa possibile da parte di entrambi. Dzeko, da un lato, ha tutta l’esperienza del caso, ed è al secondo posto, con 18 reti. Al terzo c’è proprio Belotti, a quota 17, che distanzia di una lunghezza Mertens del Napoli, fermo a quota 16.

CAMPO, 25.9.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 6.a giornata di Serie A, TORINO-ROMA, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 1-0
CAMPO, 25.9.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 6.a giornata di Serie A, TORINO-ROMA, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 1-0

Davanti a tutti c’è Higuain, che dopo un avvio non semplicissimo si è preso la Juventus a suon di gol, avendone segnati per ora 19 in 25 presenze. Già, le presenze: il rapporto tra minuti in campo e gol premia decisamente proprio il Gallo, che di partite ne ha disputate 21 contro le 24 di Dzeko. Un motivo in più per fare la rincorsa su argentino e bosniaco e dimostrare di essere, a 23 anni, il più forte di tutti. Forte di testa il capitolino, esplosivo fisicamente il piemontese, la sfida di questa sera alle 18 all’Olimpico sarà davvero molto affascinante. E la difesa granata dovrà dare una grande mano proprio a Belotti: perché vincere oggi, con gol del Gallo, e impedire a Dzeko di andare a rete, sarebbe una delle più grandi soddisfazioni. Soddisfazione pura, anzi, come le emozioni che può riservare una gara apparentemente a senso unico. Belotti ci crede, puntando a un riconoscimento che premierebbe il lavoro di chi ha creduto in lui. Il duello con Dzeko (e con Higuain) entra nel vivo.

6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Massimo 1963 (lamaratona2.0)
lamaratona2.0
3 anni fa

Ragazzi, almeno i ciclisti non ci passano davanti.
Pensa un po’ che cazzo di soddisfazioni…

keysersoze
keysersoze
3 anni fa

Pescara 3 Merde liguri 0,Zeman è sempre un grande…

marjanovic (C AI ROtto i coglioni !)
marjanovic (C AI ROtto i coglioni !)
3 anni fa

vcado a memoria. mister panzone ha tipo 60 partite in champions con 19 gol se non sbaglio. benzema per esempio è 60p e 40gol. poi in campionato fa 35 gol. ah beh allora. l’altro è stato uno dei primi acquisti del city e infatti poi l’han spedito. in italia fa… Leggi il resto »