Le parole del tecnico neroverde Alessio Dionisi nella conferenza di presentazione di Sassuolo-Torino, valida per la 4^ giornata di Serie A

Manca sempre meno a Sassuolo-Torino, match che aprirà la quarta giornata di Serie A. Il tecnico neroverde Alessio Dionisi, ha presentato così la sfida in conferenza stampa: “Contro la Roma abbiamo fatto bene quindi resta la prestazione. Manca il risultato, non possiamo accontentarci. La prestazione corrisponde alla consapevolezza ma ora bisogna ottenere i risultati. Dobbiamo sempre parametrarci agli avversari che abbiamo affrontato. Non abbiamo fatto prestazioni negative alla prima di campionato, siamo andati bene. Sicuramente l’ultima è stata più positiva rispetto alle precedenti. Il risultato però non c’è stato. Nel bagaglio dobbiamo metterci entrambi, quindi per ora non è saddisfacente quest’ultimo mentre lo è la prestazione”.

Dionisi: “Davanti abbiamo tanta qualità”

Sulla squadra e le caratteristiche: “Dobbiamo lavorare su tutti i fronti perchè si può sempre migliorare. Davanti però abbiamo tanta qualità. Dal primo giorno che sono arrivato mi chiedono se sono consapevole di avere tanti giocatori bravi davanti, quindi non mi lamento. Si può creare di più o di meno. Alcune volte siamo più efficaci come è capitato contro il Verona, altre volte meno anche per meriti degli avversari. Contro la Roma, davanti avevamo un portiere importante che è della Nazionale portoghese, diensori importanti. Potevamo essere più efficaci, ma abbiamo attaccanti di livello. Mi auguro, spero e penso che quelo che non sono riusciti a fare a Roma, riescano a farlo domani con il Torino. Un allenatore non può tirare una riga dopo tre partite. É ancora troppo presto per paralre di possesso palla, di veritcalità migliore. Dipende anche dagli avversari e dalla partita che si crea. Se si va in svantaggio o in vantaggio il match cambia. Varia anche in base all’approccio o se si gioca contro cchi sulla carta è più forte. Ci sono tante variabili“.

Sul Sassuolo messo a nuovo: “Cos’è cambiato? Sicuramente l’allenatore e diversi giocatori. Il blocco è unito ed è delel stagioni precedenti. Qualcuno se n’è andato ed è stato sostituito e permette di fare cose diverse rispetto al passato. Nella gestione della palla a volte la teniamo meno per cercare la verticalizzazione e consentire ai giocatori davanti di sfruttare le loro qualità. Tutto è però una conseguenza della partita che si crea. Gli attaccanti vanno supportati, perchè solo con loro non si può giocare. Una squadra ha bisogno di equilibrioe noi cerchiamo di darle valore con tanta offensività. La scelta varia poi di partita in partita. Ora che ce ne sono alcune ravvicinate, sono previsti dei cambiamenti“.

Dionisi: “Non ci saranno grandi stravolgimenti rispetto a Roma”

Sugli avversari: “Il Torino è una squadra forte, con individualità importanti. Viene da un campionato non positivo per il suo valore. I giocatori in campo lo sanno. Nell’ultima partita si è cominciata a vedere la mano del mister. La conosciamo bene ed è un’impronta importante. Per noi è una squadra molto ostica, dotata di grande fisicità. Sappiamo bene tutti cosa richiede l’allenatore quindi non sarà semplice. Avremo comunque tutti a disposizione tranne Obiang e Romagna. Non escludo di cambiare qualcosa rispetto a Roma ma non ci saranno stravolgimenti. Probabilmente ci potranno essere più modifiche tra la partita di domani e quella di martedì. Io penso di match in match, fermo restando che ora ci sono più sfide ravvicinate. Ci sono ancora l’allenamento di oggi e la rifinitura di domani per fare le valutazioni. Cosa mi ha stupito? Nelle prime tre giornate, la cosa che mi ha colpito di noi è stata la mentalità. Spero che venga mantenuta e migliori. Se una squadra acquisisce mentalità poi soprattutto nelle difficoltà ne esce bene. Del campioanto invece, mi ha stupito in positivo il pubblico. É un’emozione a cui non eravamo più abituati ed è la cornice più bella del calcio. Resta la cos apiù bella e particolare che abbia vissuto“.

Alessio Dionisi
Alessio Dionisi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-09-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
1 mese fa

“Il difensore granata va in affanno con Berardi e lo atterra in area concedendo un rigore agli Azzurri”… di chi stiamo parlando??? Caro Juric occhio alla penna, i piastrellisti non sono la Salernitana… ci vuole un terzino vero e veloce e possibilmente un Portiere o qualcosa di simile in porta!… Leggi il resto »

Juric: “Al Toro mancava qualità. Colpito dal gruppo, dicevano non fosse buono. Invece…”

Ballottaggio tra Pjaca e Brekalo sulla trequarti, occasione Praet: la probabile formazione del Torino