La conferenza stampa del tecnico del Torino, Ivan Juric, in vista della sfida di domani tra Verona e Torino

Domani alle ore 15:00 c’è Verona-Torino. Trasferta complicata per il Toro, visto che gli scaligeri inseguono la salvezza. Ivan Juric, allenatore del Torino, ha presentato la partita in conferenza stampa: “La squadra ha fatto bene nell’ultima partita. Ora troviamo una squadra che ancora non è salva: sarà difficile. Giocano con entusiasmo ed è la base delle loro prestazioni. Hanno un gioco molto verticale con molto ritmo”.

Chi sostituisce Vlasic?

“Ricci, Samuele è quello più adatto”.

Meglio una o due punte contro il Verona?

“Entrambe le soluzioni sono valide”.

Cosa ne pensa di quello che è accaduto a Superga?

“Sono amareggiato per Superga. Ci tenevo, era tutto organizzato molto bene. Non posso usare altra parola”.

Anche con il 9° posto, potrebbe essere Europa…

“Penso che i nostri allenatori, in Italia, siano molto avanti. Sia Gasperini che Italiano magari fanno meno fatica a preparare le partite in Europa. Il nostro modo di vedere il calcio, tatticamente, è superiore. La squadra in classifica sta là. Siamo con pochi giocatori ma faremo di tutto, fino alla fine non molleremo”.

Da guida di questo gruppo, si sente mancato di rispetto dopo quello che accaduto il 4 maggio?

“Nei miei confronti no. La parola giusta è amareggiato. Ci tenevo che fosse una cosa spettacolare, ma è andata male. C’è amarezza”.

Tornando indietro, ricominceresti una stagione in scadenza?

“Quando fai un contratto, prendi un impegno. Se la gente molla, allora ho sensi di colpa. Ma adesso non stanno mollando, non noto questo e non ho sensi di colpa che ho sbagliato. In futuro non so cosa capiterà. Devi sentire di poter firmare il contratto, devi avere una convinzione totale”.

Ha digerito la svolta tattica, quella delle due punte, o è una decisione che ha “subito”?

“No, subito no. Ero curioso provare altro. A Milano mi è piaciuto il 4-2-3-1. Sono cose che si possono fare in futuro, sono passi in avanti. Penso che mi abbia arricchito questa cosa: puoi usare i giocatori che hai come conviene”.

Il video dimostra la spaccatura colossale tra la città, la tifoseria, l’ambiente e la storia e quello che c’è oggi. I giocatori vanno a Superga e non sanno perché, non sanno chi è morto lassù, non sanno cosa la gente prova…

“C’è tutto di quello che hai detto, quello che dici dimostra un fallimento di tutti. Mi dispiace per Lovato, un ragazzo che non ha fatto o detto nulla, ha subito attacchi in rete di una gravità enorme. L’ho visto distrutto, loro vivono un mondo diverso in cui è importante quello che si scrive su un social rispetto a quello che, per esempio, pensi te. Un fallimento generale, hai riassunto bene tu”.

Situazione infortunati?

“La situazione è grave, Zapata ha male a un fianco e anche Buongiorno ha un fastidio all’adduttore. Oggi valutiamo. Sazonov ieri si è allenato in gruppo. Durante la partita magari ci può dare una mano”.

Il calendario del Toro non è facile…

“Io mi preoccupo dei pochi giocatori che ho a disposizione. La mia squadra poi, ha sempre combattuto. Andiamo a Verona e proviamo a vincere, al massimo. Stare vicino a Napoli e Fiorentina ti dà un po’ di soddisfazione”.

Senza Zapata, come cambia il discorso punte?

“Non abbiamo molte soluzioni. Sanabria ha avuto anche l’influenza in settimana e non è detto abbia i 90-95 minuti. Devo pensare anche ai cambi”.

La infastidisce sentire che il Toro poteva fare come altre squadre, per esempio il Bologna?

“Io penso che bisogna essere onesti. Non essere condizionati da persone che fanno qualcosa per il proprio interesse. Ho preso un Torino in una situazione e l’ho portato in un’altra. Ci sono tanti giovani, questa è la mia eredità. Poi il presidente deciderà cosa fare con loro. Ho fatto cose belle, ma ho anche commesso errori. Mi sono sentito così tante volte, ma con il tempo non ho perso integrità”.

Se un giorno ti guarderai indietro, avrai rimpianti legati nella modalità di vivere il Toro fuori dal campo? E al fatto di non aver firmato il prolungamento?

“Ho fatto le mie valutazione, dovevo vivere certe cose e passare certe cose per vedere le cose come le vedo adesso. Si tratta di un processo. Non è che arrivi e fai. Hai sensazioni e sentimenti che cambiano. Sicuramente sono una persona diversa dall’inizio dell’avventura. Dovevo vivere certi momenti per capire certe cose, volevo vivere con pienezza e purezza”.

Crede che la piazza l’abbia capita?

“Non lo so, sinceramente. Una società esiste per i tifosi, anche se è un business. Il Torino deve lottare per l’Europa, se non si ottiene è insufficiente e questo vuol dire che chi lavora qua, deve capire cosa deve fare: questo porta alla felicità. Il resto, viene in secondo piano”.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
conferenza stampa home

ultimo aggiornamento: 11-05-2024


67 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
VincenT
VincenT
11 giorni fa

Ero un estimatore di Juric, ma ormai distaccato dall’essere parte del Toro, sicura rottura con Cairo e Vagnati per via della rosa incompleta e con le seconde linee sempre inadeguate, l’unico raggio di sole Masina. Comunque c’è di meglio, mi piacerebbe vedere Sarri, conoscitore della nostra storia e della nostra… Leggi il resto »

Last edited 11 giorni fa by VincenT
Maikys
12 giorni fa

Non credo sia un dramma che se ne vada a fine stagione. Ha portato tanto agonismo e corsa, ha fatto prendere alcuni giocatori che hanno reso poco e male ( ilic e Vlasic su tutti ) ha avuto sfortuna con gli infortuni Djidji e Schuurs su tutti, perdite davvero pesanti… Leggi il resto »

James 75
James 75
11 giorni fa
Reply to  Maikys

Finalmente un commento di tattica, gioco, scusa non gioco, è vero tanta corsa, tanto pressing, ma quello lo fanno anche il Real Madrid.. Bayern Monaco.. Manchester city.. e tutti i top club del mondo, non capisco perché Juric è osannato visto che l’unico schema era palla a Savic e lancio… Leggi il resto »

tmatteo64
tmatteo64
11 giorni fa
Reply to  James 75

Il gioco lo fai se hai gli interpreti. Un bilancio si fa considerando i tre anni.
Sto comunque ancora aspettando il nome del sostituto.
A me sembra di vedere tanti piccoli criceti sulla ruota di Cairo

leftwing
leftwing
11 giorni fa
Reply to  Maikys

Dici cose sacrosante, Maikys! Le condivido al mille per cento. Gioco orrido, neo-catenaccio a tutto campo. Il gioco del calcio è altra cosa.

Fandango
11 giorni fa
Reply to  Maikys

Sottoscrivo tutto, analisi perfetta.

ElPepp
ElPepp
11 giorni fa
Reply to  Maikys

Questa è un’analisi che condivido per l’ultimo anno/anno e mezzo. In realtà, nel primo anno di Juric, abbiamo visto del bel gioco come intensità (che è anche, ma non solo, grinta e corsa) e fluidità della manovra. Il problema semmai – come sottolineato da molti e frequente motivo di nostre… Leggi il resto »

James 75
James 75
11 giorni fa
Reply to  ElPepp

Ciao mitico Elpepp,concordo però se poi gli tolgono Pobega che da solo ha fatto i goal di tutti i centrocampisti di quest’anno, Lukic che voleva un semplice aumento da neo capitano e non guadagnare un quarto di moviola Rodriguez e un terzo di fabbro Linetty per non parlare della metà… Leggi il resto »

ElPepp
ElPepp
11 giorni fa
Reply to  James 75

Sono d’accordo, caro James, e aggiungerei che in quella squadra pure Brekalo aveva un suo senso, per me non inferiore a quello di Mira; peccato poi – diciamo così – per il suo autolesionismo… Però ciò conferma che Juric con quella squadra aveva saputo trovare una quadra non banale, e… Leggi il resto »

guido 75
guido 75
12 giorni fa

La prossima sragione avra l epilogo di questa e delle altre passate cairo e staff ci saranno anche il prossimo e ancora il prossimo questo e segno di continuità si ci potranno essere sporadici momenti di felicità x un derby 2-3 partite vinte di seguito ma la sostanza e quella… Leggi il resto »

eugenio63
eugenio63
12 giorni fa
Reply to  guido 75

Concordo sostanzialmente.

Masina: “In questo momento gira così. Il mio futuro si decide tra un mesetto”

La probabile formazione del Torino: Ricci al posto di Vlasic, Lovato se non recupera Buongiorno