Le pagelle di Torino-Sampdoria: Baselli sveglia i granata, la difesa mostra qualche crepa

71
Baselli
17.09.2017 - Torino - Serie A 4a giornata - Torino-Sampdoria nella foto: Daniele Baselli

La difesa si fa sorprendere da Zapata, non basta il gol di Belotti: le pagelle di Torino-Sampdoria

SIRIGU 6: dalla gara stratosferica di Benevento a quella decisamente più normale del Grande Torino. Non è colpevole sui gol ma mostra meno sicurezza rispetto al Vigorito, con qualche uscita a vuoto di troppo

DE SILVESTRI 6: maggiore la spinta granata sulla fascia dell’ex doriano, quella destra, grande sgroppata nel finale anche se dal suo cross non nascono pericoli

N’ KOULOU 6.5: gara di grande personalità, innesca una delle azioni più pericolose, quella del possibile 3-1, dietro non commette errori ed è sempre attento

MORETTI 5: il pallone lisciato dopo meno di venti secondi è un invito a nozze per Zapata. Uno sbaglio che lo condiziona soprattutto nel primo quarto d’ora, quando continua a commettere errori non da lui

BARRECA 6: meglio nel primo nel secondo tempo, quando lo si vede con maggiore frequenza nella metà campo avversaria. Sul gol di Quagliarella non ha colpe, avendo coperto N’Koulou rimasto in avanti

RINCON 6.5: porta equilibrio a centrocampo, recupera un gran numero di palloni e contrasta il centrocampo avversario, che è pure in superiorità numerica

BASELLI 7: ci vuole una prodezza del ritrovato centrocampista per destare il Toro dal torpore. Non sembra nemmeno che sia reduce da un infortunio che lo ha tenuto fuori un mese. Esce tra gli applausi (st 26′ GUSTAFSON 5.5: lo si vede poco, si sente l’assenza di Baselli)

FALQUE 5.5: prova un po’ sottotono dell’esterno granata, spesso poco cercato dai compagni e protagonista dell’azione che avrebbe potuto cambiare le sorti dell’incontro, quella del mancato 3-1 (st 35′ EDERA sv)

LJAJIC 7: le azioni più pericolose del Toro passano dai suoi piedi. Quella che porta i granata a raddoppiare, così come il contropiede non finalizzato da Falque. Per non parlare di tante ripartenze e punizioni: al momento i granata non potrebbero fare a meno di lui

NIANG 5.5: mette in mostra i colpi che hanno convinto Cairo a comprarlo, ma quando c’è da dare una mano alla squadra viene meno ai suoi compiti. Come in occasione del gol di Quagliarella (st 28′ BOYE’ sv)

BELOTTI 6.5: un gol pesante, quello del momentaneo 2-1, almeno altre tre occasioni importanti. Rispetto all’ultima uscita, è un Gallo più nel vivo del gioco, meglio incastrato nei nuovi meccanismi del 4-2-3-1 di Mihajlovic.

All. MIHAJLOVIC 6: più “tarantolato” del solito. Del resto una partenza come quella di oggi del Toro non l’avrebbe mai potuta immaginare. La sua squadra non sempre fa quello che il serbo chiede e con un po’ di cattiveria in più, quella che al tecnico non manca)

Arb. TAGLIAVENTO 5.5: non è una partita difficile da arbitrare in assoluto, ma nel finale lascia a desiderare per qualche decisione (un mancato angolo e un fuorigioco da rivedere)

SAMPDORIA (4-3-1-2): Puggioni 6; Sala 5 (st 1′ Bereszinski 6), Silvestre 5.5, Regini 6, Strinic 6.5 (st 20′ Murru 6); Barreto 6, Torreira 6, Praet 6.5; Ramirez 6 (st 36′ Linetty sv); Quagliarella 7, Zapata 7. A disp. Hutvagner, Tozzo, Ferrari, Andersen, Capezzi, Verre, Alvarez, Caprari, Kownacki. All. Giampaolo 6

71 Commenti

  1. La difesa se da una parte abbiamo migliorato, con N Koulou , dall’altra abbiamo perso un bel pò con la vendita di Zappacosta.

    Non era Roberto Carlos, o Cafu, ma sulla fascia era molto più pericoloso e veloce in avanti.

    Se Lyanco non farà il colpo, direi che alla fine in difesa, siamo allo stesso livello.

    Moretti ha sbagliato è vero, ma poi ha fatto una grande partita, il suo errore vale il goal mangiato di Iago Falque nel 1T per esempio, ma che però ha anche giocato malino o meglio poco presente nella manovra.

    Quando Falque si spegne cosi, direi che sarebbe meglio cambiar modulo.

    Baselli, ha fatto una bella partita, con lui in campo abbiamo avuto comunque il pallino del gioco, come si è scaricato e poi uscito la nostra partita è finita.
    Con Boye e Gustafson, l’idea è che se si giocava ad oltranza a chi la metteva per primo dentro, non potevamo che perdere.

    Gustafson, ha giocato un poco lo scorso anno a campionato finito e certe caratteristiche già si son viste, ora che siamo in gioco è improponibile.

    Si è scansato 3 volte e la in mezzo è nullo in interdizione.
    Per fare appoggi indietro, può giocare anche un Ansaldi la in mezzo..almeno non si SCANSA.

    Non aver preso un’altro centrocampista la dice lunga sul progetto, ed aver speso 15 ml per Niang dopo averne incassati 28ml da Zappacosta non sposta molto le cose..

  2. Moretti nei primi 20 minuti sembrava Ajeti. Poi si è ripreso con interventi anche pregevoli ma l’inizio è stato da incubo. Per il resto bene Gallo, Liajic, Rincon e Baselli, mentre le note dolenti sono venute dai subentranti Boyè e Gustafsson: però se il primo aveva alternative (Berenguer) il secondo era scelta obbligata. Niang? I numeri li ha però è normale che sia indietro fisicamente e avulso dal gioco, solo il mister non lo capisce. Non ci vuole un genio per capire che ci vuole un inserimento graduale.
    Sirigu è uscito un po’ a vuoto ma in almeno un paio di casi è stato disturbato.

  3. Partita brutta ma comunque buttata al vento. Loro nulli a parte i goal, noi per adesso confusionari e molto sbilanciati in avanti. Se gli esterni davanti non si sacrificano, con alcune faremo molta fatica. Cambi (Boyè e Gustafsson) attualmente non adeguati. Male Moretti, ma non può essere sempre inappuntabile.
    Goal da polli, e questo è purtroppo un difetto che ci portiamo dietro dall’anno scorso. Sirigu male coi piedi, Niang (cui concederei comunque un po’ di tempo prima di bocciarlo) ha bisogno verosimilmente di qualche strigliata, ma colpi e fisico li ha.

  4. Sicuramente non abbiamo cambi sufficienti, se avessimo avuto Acquah arruolabile, avrebbe sostituito Baselli meglio di Gustaffson , un po’ leggero. Vedremo tra qualche partita, adesso è troppo presto per capire e giudicare. Penso che il derby ci dirà molto.

  5. Sirigu: oggi sfarfalla un pò in due occasioni, ma non incide negativamente sul risultato, per il resto fa quello che deve fare un buon portiere, come sta confermando di essere.
    De Silvestri: ancora una volta una buona prestazione, concreta e solida, senza picchi di eccellenza ma di sostanza. Un giocatore molto diverso da quello dello scorso campionato, che regge, e bene, per tutta la partita.
    N’koulu: dopo un errore a inizio match si riprende e mostra grandi doti non solo in difesa ma anche nel portare palla e costruire l’azione. Un grande acquisto.
    Moretti: primo tempo da incubo assoluto, sbaglia a ripetizione nel primo tempo provocando la rete dello 0-1 con due errori marchiani e continuando il disastro con errori a ripetizione. Si riprende piano piano e gioca una ripresa molto più solida. A Udine non giocherà.
    Barreca: prova alterna senza incursioni pericolose, non sembra esente da colpe nell’occasione del pareggio, lascia libero Quagliarella senza appurare di essere coperto da un compagno. Si conferma poca sensibilità nel corretto posizionamento in area.
    Baselli: gran primo tempo, non solo per il gol, ma per la continua propensione a costruire gioco è s contrastare. Cala nella ripresa per mancanza di allenamenti.
    Rincon: prova gagliarda e molto positiva tranne che per un brutto errore nella ripresa. Comunque un giocatore che è già fondamentale per il Toro.
    Ljiaic: ancora una prova discreta, con passaggi interessanti e di gran qualità. Non si può peró ignorare il solito eccesso di solismo nella seconda parte del match, una maggior generosità e lucidità vicino all’area avrebbe portato 3 punti che sono sfuggiti nonostante la prevalenza nel secondo tempo.
    Niang: meglio che a Benevento ma ancora poco convincente. Si libera bene per un’azione da gol che si spegne contro il palo per mancanza di convinzione.
    Falque: comincia bene ma sbaglia un pallone decisivo che avrebbe portato al 3-1, mentre nel ribaltamento di fronte di subisce il pareggio. Da lì in poi non è capace di essere decisivo.
    Belotti: prova in crescita del Gallo, che trova un bel gol e va vicino al gol in altre due occasioni. Non è ancora al top ma fa paura all’avversario che spesso è costretto al fallo per contenerlo
    Gustaffson: molto cresciuto rispetto al 2016, regge bene la posizione ma viene maltrattato dagli avversari che commettono falli a ripetizione senza che Tagliavento intervenga. Ci va più cattiveria per fare il salto di qualità decisivo, ma la prova è incoraggiante.
    Boyè: lotta ma non si scrolla di dosso la sensazione di inutilità che spesso si porta dietro.
    Edera: gioca pochi minuti, ha una buona occasione ma per il resto si vede poco, sembra più timido che in altre occasioni.
    Mihailovic: lotta contro il mondo e pareggia, una tibia pari. Sarà per la prossima volta. La squadra in alcuni frangenti sembra in confusione.
    Arbitro: arriva dall’Inghilterra e lascia molto giocare, non sbaglia nelle occasioni importanti ma in alcuni frangenti sembra danneggiare il Toro non fischiando interventi evidenti o nel caso dell’ammonizione di Moretti dove non si accorge di un fallo evidente di Zapata a inizio azione. Gustaffson deve stargli sulle balle, per fischiargli un fallo a favore dovrebbero abbatterlo a roncolate.

  6. Partita divertente nel primo tempo, brutta nel secondo, noi troppo arrendevoli a centrocampo, unico gioco : palla lunga in avanti o sulle fasce ( dove la prendevamo poco, di testa troppo bassi o scarsi) oppure a Liajc sperando in qualche cosa di più , assist (tipo quello per Belotti) o tifo, di stucchevoli tentativi di dribbling per arrivare a tirare dalla sx a giro : mai riusciti!

  7. 4 occasioni a zero vuol dire che giocavamo meglio dei ciclisti o no? Almeno a me sembrava così, loro chiusi e noi a sfiorare i goals, che potevano arrivare anvhe in altre occasioni se non si sbagliava l’ultima giocata. Cambiare cosa e perché?????

  8. Pareggio giusto tra 2 buone squadre di medio/alta classifica! Bravi nel ribaltare il gol a freddo e poi nel secondo tempo le migliori occasioni per vincere le abbiamo avute noi. Per me Niang merita il 6 visto che ha crossato e tirato, mi sembra più pratico di Ljaic e Falque…..crescerà l’intesa con la squadra. Male i subentrati con soli due infortunati la panchina mi sembra corta!

  9. Va bene la delusione per non aver vinto, per avere preso un gol dopo 20 secondi, va tutto bene. Ma leggere chi scrive di doversi salvare, beh.. con tutto il rispetto, ma al surreale vi è un limite. E, di conseguenza, anche al dire stronzate.

  10. Questo modulo col centrocampo a 2 e la fase difensiva delegata ai ripiegamenti di Niang e Falque è una scelta scellerata. Mi aspettavo che uscisse prima Niang per mettere un centrocampo a tre e dare un po più di filtro, senza sfiancare gli uomini davanti, e invece subentra l’inutile (e da oggi anche un po’ ridicolo visto il ciuffo alla Woody Woodpeaker) Boye. Moretti, a cui va perdonato tutto, oggi ha dimostrato che se vien meno la sua lucidità siamo in ambasce lì dietro. Vedo errori incomprensibili e gravi; errori di poca intelligenza tattica (si vedano i gol). Vedo mancanza di cinismo sotto porta (facciamo solo più gol da cineteca). Mihajlovic ora che ha ringraziato Cairo per il mercato e da oggi è anche suo grande amico vada lui dietro la lavagna oggi, perchè la sensazione è che ad allenatori invertiti oggi si sarebbe vinto. Sveglia!!! Questa squadra sabato si fa asfaltare se non cambia qualcosa!

  11. Poi per fare chiarezza si Gustaffson.
    A me incanta ‘sto ragazzo, perchè è talmente evidente il divario tra lui e il resto dei centrocampisti granata e lui lo sa benissimo, che riesce sempre a dare il massimo non curandosi proprio dei suoi limiti e dando il massimo!
    Provo invece schifo e repulsione per chi lo vuol far passare come elemento utile alla causa giustificandone così l’acquisto, unico vero motivo per cui fanno finta di vedere il capello e non la trave nell’occhio.

  12. Spiace rimarcare ancora una volta che siamo più o meno quelli dello scorso campionato e quindi con le stesse prospettive, il solo pensare che l’evanescente e strapagato Niang ci possa fare il salto verso l’europa è una bestialità che non si dovrebbe nemmeno dire, abbiamo migliorato un po’ la fase difensiva con l’arrivo di n’koulou e Sirigu ma per il resto contando anche sul fatto che De Silvestri non è Zappacosta e che se si punta ancora su Moretti significa che le alternative non sono dei fenomeni… quindi non aver superiato l’esame Samp primo vero test significativo, la dice lunga sulle potenzialità della squadra a meno che non si invertano gli allenatori il serbo a loro e giampa a noi… con un tizio un po’ più scafato in panca magari si farebbero i punti necessari a ciò… altrimenti sarà dura.

  13. 1: certamente si è delusi dal risultato;
    2: ancora non c’è gioco, se non a sprazzi;
    3: manca ancora cattiveria e lo spunto killer;
    4: il centrocampo è limitato…. ma questo si sapeva dal 1° settembre.

    Detto questo e specificato che questa estate Cairo e Petrachi mi hanno fatto girare parecchio le palle (in realtà mi frullano da parecchio….), avendo io una concezione del Toro “Granata, Tremendista, Operaia e Artistica, Storica”:

    1: critiche eccessive alla quarta giornata, dopo tutto abbiamo 8 punti in 4 partite…. magari un attimo di pazienza non guasta;
    2: ho letto critiche aspre verso Moretti, tipica riconoscenza da gobbi…. Emiliano si ama e non si discute; uomo serio, atleta esemplare, giocatore del e da Toro, punto. È chiaro che è a fine carriera, ma ciò non toglie nulla al suo valore,
    3: Giampaolo sarebbe meglio di Sinisa….. dunque, una promozione in A con l’Ascoli, 17^ col Cagliari in A ed esonero l’anno dopo, 14^ col Siena in A ed esonero la stagione dopo, esonero col Catania e col Cesena, dimissioni col Brescia, con la Cremonese in lega Pro (13^), Empoli (10^… risultato migliore in carriera) e Sampdoria (sempre 10^)…. sti cazzi!! Un vero “vate”…. il nuovo mito per gli orfani del retropassaggio?
    Se Sinisa quest’anno non porta il Toro in Europa, merita di non essere confermato (come Petrachi…. quanto meno corresponsabile), ma basta sparare sempre e solo contro di lui.
    FVCG.

  14. Non sono d’accordo che Barreca non abbia colpe sul pareggio: su Zapata c’era Moretti e lì dove si trovava non serviva a niente; su molte cose non ha ancora nè forse avrà mai il colpo d’occhio per decidere bene.
    Chiedere a Niang di difendere dà prova di non aver capito il giocatore. Così come Falque, il quale ci prova pure, ma senza poter dare, dietro un apporto apprezzabile. Sono giocatori puramente offensivi e tali vanno considerati, una volta che li schieri. Mi fa molto di più arrabbiare DeS, che non riesce mai ad arginare un cross che uno.
    Ljiac, come Belotti, alle volte sono stati molto egoisti, ma va detto che in quelle azioni non avevano nessuno a cui servirla, specie nel secondo tempo. FOrse in una sola occasione, Belotti ha mancato di servire Falque.

    • mick… io onestamente non ho capito che tipo di giocatore sia Niang… per me è un mezzo giocatore che segna pochissimo come punta..e sulla fascia gioca quando va bene 30 minuti per poi scomparire completamente…. non dico che in questa squadra non possa esistere di mediocri ce ne sono anche altri ma non valutati 23ml… che secondo me se li hai li devi spendere meglio, ad esempio vai dal Genoa e con meno ti prendi Laxalt… ma li entrano in gioco l’allenatore ed i procuratori….

      • Secondo me è uno con un tasso tecnico superiore alla media, con una bella corsa, agile, come ha dimostrato con naturalezza nell’inserimento in cui poi non ha centrato la porta.
        Certo, anche quando avrà trovato un miglior ritmo partita, darà sempre l’impressione di avere un fare un pò compassato, e questo rischierà di rendercelo un pò antipatico. In più, ritorna molto poco: Miha proverà a migliorarlo in questo aspetto, ma non penso che otterrà molto in questo senso.
        Come sfruttarlo, allora? in alto a sinistra, perchè ha un buon piede e un discreto dribbling a convergere, per avere così un ulteriore assist-man verso il centro; e poi cercando di disegnare una serie di schemi in cui imbeccarlo negli inserimenti al centro.
        Non è uno che mi faccia impazzire, in generale, però, almeno per la fase offensiva, se si riesce quindi a coprirlo nei buchi che lascia in quella difensiva, è una pedina del tutto adatta al gioco di Miha, secondo me.

  15. No la colpa di Sìnisa è quella di non aver dato un gioco alla squadra,si vive sulle invenzioni dei singoli,questo di tattica ne sa come me di cricket… Però ha fiuto perché far spendere 18 milioni per un bolso come Niang non è da tutti…..

  16. Battuto fischio d’inizio, lancio lungo di Moretti con 8 giocatori del Toro oltre la linea di centrocampo (De Silvestri sulla linea di Belotti), lancio intercettato di testa e rinviato in posizione centrale completamente libera di giocatori granata. Tre contro tre errore di Moretti, anche aveva recuperato bene la posizione, e goal facile di Zapata dopo 16 secondi e 76 centesimi (cronometrati da Sky). Questo non è un errore prettamente difensivo, o meglio, ci sta l’errore tecnico di Moretti ma l’errore concettuale di squadra è roba che neppure io quando giocavo al Torneo dell’Amicizia con l’Atletico BarBalbo si vedeva. Così come quando un grande N’Koulou strappa palla e vede un corridoio centrale, ci si butta dentro creando i presupposti per un azione d’attacco, ma nessuno si preoccupa del fatto che si potrebbe perdere palla e subire una ripartenza su un contropiede. Purtroppo non è un problema difensivo, o meglio non solo, c’è molto altro.

    • Se nkulo si butta a testa bassa in avanti dopo aver impostato benissimo il contropiede é colpa di nkulo che non sa leggere la situazione e comunque Barreca giustamente ha coperto in mezzo e Niang non è tornato in tempo. Io non credo vhe i serie A occorrano lezioni specifiche su come schierarsi. É che alcuni gipcatori sono più disciplinati tatticamente, altri meno. Alcuni sanno stare bene in campo, altri meno e giocano in squadre di medio valore.

      • Se N’Koulou parte, ed ha fatto bene perché di fatto se Iago non la cicca si fa il terzo goal (o se tira ai piccioni non si prende il contropiede), la squadra deve sopperire con il gioco a coprirlo. Questo è il calcio! Se non c’è mutuo soccorso tra gli 11 in campo si gioca a calciobabilla e tutti inchiodati nelle proprie posizioni.

  17. Mah…stesso voto a Falque e Niang col primo che ha l’unica colpa di aver lisciato il gol del 3-1 ed il secondo di non aver mai coperto….
    Gustaffson meriterebbe almeno il 6 considerando che forse, e dico forse, può battersela in lega pro o in Primavera, dai….

  18. A me gustavsoon é piaciuto, ha tenuto bene palla facendola girare con semplicità e verticalizzando rapidamente ed ha perso un solo contrasto con Zaata. Ma forse ero sintonizzato sul 273 di sky, e i commentatori critivoni l’hanno vista chissà dove.

    • Purtroppo hai ragione, in B non ci finiremo perchè i giocatori comunque sono buoni con i piedi ma a livello di gioco siamo penosi! Anche i gol arrivano solo quando uno dei nostri attaccanti decide di fare il fenomeno… Basta vedere la Samp che ha giocatori che fanno davvero schifo al cazzo ma che comunque hanno testa e soprattutto hanno un buon mister, Sinisa è bravissimo a lasciare una mentalità vincente quindi soprattutto con i giovani è ottimo ma di strategia e tattica è davvero incompetente, tutti che corrono a vuoto, nessuno che scala quando salgono i centrali, Rincon fisso come mediano e Baselli fisso in avanti così da dare tutti i punti di riferimento possibili e soprattutto l’assenza totale di schemi… Tutti sulla palla senza regole

  19. Difesa con direi molto più di qualche pecca. Centrocampo idem, visto che son solo in due praticamente. Stessa storia dell’anno scorso ma con individualità migliori. Ora tocca a miha cambiare un po della sua testardaggine con una squadra più equilibrata. I limiti tecnici di alcuni sono stra evidenti, considerare Moretti un titolare , bravissimo giocatore che ci ha salvato il culo molte volte per carità, alla sua età significa che non abbiamo centrali su cui contare, altrimenti lyanco avrebbe esordito già oggi..

  20. ringraziamo il talento del nostro Mister che con i suoi impeccabili dettami tattici ci ha fatto prendere 2 gol in precarie situazioni di 3 contro 3. Come se non bastasse, una volta dopo 10 secondi dal fischio d’inizio e una volta quando eravamo noi in vantaggio di un gol