Pagelle Torino-Palermo: tris di Belotti, Ljajic uomo-assist

Le pagelle di Torino-Palermo

di Ivana Crocifisso - 5 Marzo 2017

Le pagelle di Torino-Palermo: Belotti esagerato, Ljajic in versione assist-man

HART 6: sorpreso dall’unica conclusione del Palermo nel primo tempo, quando Rispoli trova l’angolino beffando il portiere inglese. Per il resto è praticamente spettatore.

ZAPPACOSTA 7: è dalle sue parti che il Toro sfonda con relativa facilità. Il terzino ha spesso campo libero anche se non sempre la scelta della giocata è quella giusta.

ROSSETTINI 6: rientro dal 1′ piuttosto soft, insieme a Moretti annulla l’unico terminale offensivo rosanero, Nestorovski, che praticamente non si vede

MORETTI 6: pochi pericoli da sventare per la difesa granata oggi, da fuori l’unica rete del Palermo, quella che aveva momentaneamente portato avanti i siciliani

BARRECA 6.5: meno sgroppate del solito oggi sulla fascia, si limita più a contenere nel primo tempo. Nell’ultima mezz’ora, complice un Palermo che si chiude per difendere il risultato, il terzino sinistro riesce a mostrare il suo repertorio giocando praticamente solo nella metà campo avversaria

GUSTAFSON 6: positiva la prima da titolare. Non commette errori ma nemmeno si mette in luce, pur avendone i mezzi (st 16′ MAXI LOPEZ 7: gli bastano pochi secondi per entrare in partita, non va a segno per una manciata di centimetri)

LUKIC 6: qualche peccato di inesperienza, giocare con continuità non potrà che fargli bene. Sfiora anche il gol nel finale

BASELLI 6.5: propositivo, sceglie finalmente di non rendersi invisibile, entrando in un gran numero di azioni pericolose

FALQUE 6.5: i numeri dicono che lo spagnolo fa molto meglio in casa che lontano dal Grande Torino. Oggi non segna, ma nel primo tempo è anche chiamato a fare lavoro doppio visto che Boyè quasi non si vede (st 27′ ITURBE 6: entra e pochi secondi dopo batte l’angolo che Belotti trasforma nella rete del pareggio)

BELOTTI 8: non sono i tre gol a rendere la sua giornata da incorniciare. È la sua voglia, è la sua grinta, è il suo desiderio di arrivare, di oltrepassare i limiti. Tre gol che valgono anche la testa della classifica cannonieri.

BOYE’ 5: evanescente, non sfrutta nemmeno stavolta la possibilità concessa da Mihajlovic (st 1′ LJAJIC 7: in versione uomo-assist, tocca due dei tre palloni che poi Belotti trasforma in gol. Bello il tocco su punizione che vale il gol del sorpasso.

All. MIHAJLOVIC 7: come già accaduto a Firenze, i cambi del tecnico si rivelano decisivi. Dopo aver dato ancora una chance a Boyè decide di giocarsi la carta Ljajic e anche inserire Maxi Lopez si rivela una mossa azzeccata.

Arb. RIZZOLI 6: non si segnalano episodi dubbi, stavolta non entra nel vortice delle polemiche

28 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77
3 anni fa

Belotti con Maxi lopez in campo risulta molto piu mobile e soprattutto meno solo… con Maxi che fa a sportellate in mezzo all’area e che occupa parte delle attenzioni dei difensori anche il gallo ne beneficia….a me questo 4-3-3 lascia parecchi dubbi….. iago falque è da un pò che giochicchia… Leggi il resto »

Viaggiatore
Viaggiatore
3 anni fa

A me è piaciuto Baselli, e lo dice uno che gli ha detto peste e corna fino a qualche partita fa… contro il Palermo ci voleva poco, ma ha fatto meglio di Lukic e Gustavo (da rivedere). Zappacosta padrone della fascia, ma i suoi cross dovrebbero essere un filino più… Leggi il resto »

RiminiGranata
RiminiGranata
3 anni fa

Il Palermo ha fatto un tiro tutta la partita è ci fa fatto soffrire per 100 min. Sembrava la classica partita perfida che ci avrebbe spedito nel baratro (psicologico). Invece come già capitato quest’anno, la squadra c’è! C’È nel gioco, nel cuore e nella qualità. Liajic dovrebbe fare il trequartista… Leggi il resto »