Mazzarri: “Parma ha poco da perdere, dovremo stare concentrati”

di Andrea Flora - 6 Aprile 2019

Il tecnico Mazzarri presenta la sfida contro il Parma di D’Aversa, crocevia importante per la corsa europea del Torino, ko all’andata con gli emiliani

Walter Mazzarri presenta la partita di sabato pomeriggio alle 15 del Tardini contro il Parma: un crocevia che inciderà sulla corsa europea del Torino: “Il Parma fino ad ora ha fatto molto bene, all’andata ci ricordiamo che partita fecero – ko per 2-1 del Torino con i gol di Inglese e Gervinho – loro hanno messo sempre in difficoltà chiunque e credo che per essere una neo promossa avrebbero messo la firma per essere dove sono a questo punto della stagione. Hanno poco da perdere e noi dobbiamo stare attenti perchè altrimenti si rischia di sbagliare come fatto all’andata in casa”. Una sfida quella del girone di andata che ha segnato i granata che poi sono stati in grado di trovare una sola sconfitta fino al termine del 2018.

Mazzarri: “Maturità? No, a noi serve continuità”

Mazzarri nel presentare la gara contro il Parma ha toccato il tema della “prova di maturità” per i granata contro gli emiliani, e il tecnico toscano pensa non sia così: “Noi dobbiamo migliorare nella continuità del rendimento anche del singolo, se miglioriamo in quello a beneficiarne sarà la squadra intera: l’abbiamo fatto a volte bene e a volte meno bene, nel girone di ritorno lo stiamo facendo anche meglio del solito e spero si continui così fino alla fine e spero si possa anche migliorare”. Mazzarri è stato poi lapidario sull’argomento obiettivo di fine stagione: “E’ inutile di parlare di obiettivi precisi e sbandierarli se poi andiamo a Parma e facciamo come all’andata. Bisogna fare i fatti, fare la corsa solo su noi stessi e sbagliare il meno possibile”.

Torino seconda miglior squadra del girone di ritorno: “Non ci dobbiamo fermare”

Nel girone di ritorno di questo campionato, il Torino è la seconda miglior squadra per punti conquistati, dietro soltanto alla Juventus. Dimostrazione del lavoro portato avanti da Mazzarri e dal suo staff: “Non dobbiamo fermarci, non dobbiamo mollare e non dobbiamo pensare di aver fatto chissà che cosa, io guardo le prestazioni e bisogna migliorarle sempre e solo alla fine tireremo le somme”.

Un accenno sulla probabile formazione del Torino, e si torna anche sulle condizioni di De Silvestri: “Lorenzo lo abbiamo recuperato ma ulteriori valutazioni le farò domani. Questa settimana non dipende da me nascondere la formazione, i giorni di recupero sono stati pochissimi e quindi saprò domani chi schierare. Siamo un po’ contati viste le assenze di Aina, Falque e Lukic. Quando si giocano tre partite a settimana è così, mi sarebbe piaciuto avere più scelta e qualcuno più fresco. La formazione quindi la sceglierò all’ultimo momento”.

Mazzarri: attestato di stima a Belotti e l’in bocca al lupo alla Primavera

Mazzarri torna anche su Andrea Belotti: “Ragazzo eccezionale, da quando sono arrivato lavora sulla parte tecnica con la volontà di un ragazzino e si sono visti dei miglioramenti esponenziali; in più io ho scoperto che in forma come è adesso on l’avevo mai visto, una forza della natura e spero continui così. Lui è esperto e adesso che sta bene deve continuare così e dare questo forte contributo alla squadra perchè è un giocatore fondamentale“. Nota finale sulla Primavera che sarà impegnata in fianale di Coppa Italia contro la Fiorentina: “E’ un orgoglio per tutta la società, è bello e so quanto è importante venendo anch’io come allenatore dal settore giovanile. Il presidente Cairo sa come la penso: bisogna essere un tutt’uno con il settore giovanile, io ho già fatto esordire diversi ragazzi e per sta sera incrociamo le dita”.

più nuovi più vecchi
Notificami
jair_68
Utente
jair_68

@Rotor…ciao, rispetto a Ljaijc credo il problema sia un altro. Sul piano tecnico niente da dire, ci avrebbe dato un valore aggiunto pazzesco, però Mazzarri non era convinto di Adem, credo, perché non lo ritiene un giocatore che gioca per il gruppo ma più per se stesso ( credo che… Leggi il resto »

pennina
Utente
pennina

ormai anche qua abbiamo capito perché mazzarri, ovunque sia andato, abbia fatto più o meno bene… è l’allenatore più difensivista e speculativo della storia ma questo dà alle sue squadre la solidità necessaria per raccattare punti anche in quelle 4/5 partite disgraziate che capitano sempre in stagione, e a tutte… Leggi il resto »

rimbaud
Utente
rimbaud

IL fatto è che però 4 sono state le partite convincenti nell’arco della stagione, le altre più o meno tutte disgraziate.

pennina
Utente
pennina

no dai, sei troppo severo…

Benvenuti
Utente
Benvenuti

Ma!!!

rimbaud
Utente
rimbaud

Personalmente faccio fatica a capire chi sia Mazzarri. Il Mazzarri allenatore intendo. Perchè la persona oggettivamente è la più equilibrata, tra l’arroganza innegabile di Ventura(che però ha enormi meriti e ha ricevuto tanta troppa denigrazione) e la spacconeria di Mihajlovic. Gli riconosco rispetto per i nostri colori, cultura del lavoro… Leggi il resto »

Roby65(Filasempre)
Utente
Roby65(Filasempre)

Sai in quella fase si è vista la scarsa lungimiranza della società. Come sia andata effettivamente mai lo sapremo, non lo voleva WM voleva cogliere l’occasione Ljaic di fare grana, ma non avere in serbo un sostituto all’altezza grida vendetta. E per me indica il vero limite di una struttura… Leggi il resto »

pennina
Utente
pennina

lui ha detto che il suo 11 perfetto prevede un attaccante mobile e “tante” mezzepunte e trequartisti che si inseriscono da dietro… il trequartista che si inseriva ce l’aveva, e per me lui è un gran cuntabale…

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

No dai…ancora con ljalic….stiamo facendo molto meglio dello scorso anno…..e si ancora qua…a parlare del serbo/3 milioni anno…..ma dai…

rimbaud
Utente
rimbaud

stiamo facendo meglio dell’anno scorso perchè non abbiamo cambiato allenatore e perchè abbiamo fatto una preparazione fisica estiva degna di questo nome.